PERSECUTED CHURCH amen

IERI, IO SONO RIMASTO SCIOCCATO, PERCHé, NESSUNO MI HA MAI FATTO STUDIARE NEI LIBRI DI STORIA (ed io ho studiato la storia, in molti ambiti, molto seriamente) CHE IL VATIANO è STATO ed è tutt'ora, UN NEMICO del moderno Stato di ISRAELE, E QUINDI è anche, necessariamente, UN NEMICO DELLA BIBBIA! Che questo è stato il vero motivo per cui mi hanno tolto l'accolitato, dopo 31 anni, perché non possono essere così stupidi, da non accorgersi di avere un dossier di calunnie nelle loro mani contro di me!
YOU ARE MAKING A WORLD OF DIFFERENCE FOR ISRAEL. Dear LORENZO, Thanks to your help, 2015 was a truly incredible year of support for the People of Israel. Your overwhelming kindness and generosity has made a world of difference! United with Israel experienced tremendous growth, as the world's largest, pro-Israel grassroots movement, reaching millions of people every day, in every corner of the globe.
Together, we have been successful in fighting online incitement to terror and extreme anti-Israel media bias throughout the world. Thanks to your support, we spread positive messages about Israel - not only across the western world - but throughout the Far East, Asia and Africa, including many Arab and Muslim countries. You are truly making a world of difference for Israel! The enemies of Israel spend billions to spread lies, demonize Israel and incite to acts of terror. We cannot fight this battle alone. We need your support so that Israel can win this war. https://donate.unitedwithisrael.org/donate/g3?a=g3_eh_1224
Pubblicato il 16 dic 2015  New Video: UN Chief Admits UN Bias & Discrimination Against Israel
unwatch https://youtu.be/dVaTXU-ISsA
unwatch https://www.youtube.com/watch?v=dVaTXU-ISsA&feature=em-subs_digest
UN Secretary General Ban Ki-moon admits that Israel suffers from UN "bias" and even "discrimination." Speaking at the UN Headquarters in Jerusalem on August 16, 2013, in a session with students participating in Rishon Lezion College of Management’s Model UN program, Ban admitted the "unfortunate situation" that there is "some bias against Israel, Israeli people and government..." He added: "You have been criticized and you have been suffering from this bias -- and sometimes discrimination. I am urging member states that every and all member states are equal." Learn more: www.unwatch.org
====================
è se l'antismitismo ha sempre avuto, e sempre potrà avere degli alibi, in tutti i crimini di usura predazione satanismo, razzismo demoniaco omicidi Talmud segreto, dei farisei SpA Banche Centrali e del loro satanico magia nera Kabbalah, proprio negare agli ebrei una Patria, proprio questo significa continuare a perpetuare tali crimini di satanismo a livello mondiale!
è CHIARO, AI RICCHI MASSONI (ormai, una vera classe sociale nelle strutture più importanti dello Stato) ASSASSINI LADRI TRADITORI COMPLOTTISTI, a loro CONVIENE CONTINUARE A PERPETUARE TUTTO QUESTO delitto di sottrazione, alto tradimento, sovranità monetaria Banche CENTRALI!
===============================
io credo che se tu incominci a parlare a Dio? poi, vedrai che, senza che te ne accorgi ti troverai a parlare con Dio! e questo trovarti a parlare con Dio non rappresenterà per te una sorpresa, perché, in realtà, Dio è la Persona più amabile e benigna, che tu sempre hai avuto più vicino di tutti, sin dal momento del tuo concepimento ed anche prima, cioè parlo della tua vita, quando tu eri un cittadino del paradiso terrestre, cioè, prima di essere caduto anche tu, come me, nel peccato originale! NOI ABBIAMO TUTTI TRADITO IL SANTO JHWH, PER TROVARCI DECADUTI TUTTI IN QUESTA DIMENSIONE! e quando, tu ti troverai nel tuo cuore a parlare con Dio? poi, tu stesso dimostrerai che Maometto è stato un profeta satanico!

Intanto per ora dimostriamo, che, i miei cognati hanno dovuto cancellare ogni riferimento link, collegamento a me, e che mi hanno dovuto anche bannare, per poter continuare ad usure il loro  computer senza virus ( e perché il monitor si oscurava), e in questo non c'è niente di strano, percHé è soltanto una violazione dei satanisti sacerdoti Bush di satana della CIA e del NWO, che abusivamente sono dentro uno Stato ancora nominalmente sovrano la ITALIA, e non come la GERMANIA; INghilterra o FRANCIA, tutti Stati non più sovrani, infatti, in GERMANIA, la CIA può fare 30000 sacrifici umani, ogni anno, sull'altare di satana, impunemente, perché li fa insieme agli uomini politici di potere, più influenti, ed insieme ai massoni più ricchi della GERMANIA: che questo è un motivo, più che legittimo, per cui la LEGA ARABA si sente in dovere di distruggere la Europa: anche perché loro commettono i loro delitti in modo legale e non in modo occulto come fanno tutte le massonerie occidentali!!
=============
 quello che pensavano nel governo massonico mondiale di youtube, di me? [You Are Such A Noble Liar 187AUDIOHOSTEM ex direttore youtube master] ha detto  [ Dear Uncle Sam: [ You Are Famous For Outsourcing Employment Opportunities To The Middle East] [It Is Written ]/// for me: [You Are Such A Noble Liar] [Deny Yourself] si questo credevano di me, nel Governo massonico e mondiale di youtube, cioè, prima che troppe persone si sono fatte del male e troppe altre si sono fatte così male che non lo possono più raccontare! PERCHé, IO SONO UN MINISTERO POLITICO DEL REGNO CELESTE!
===============
QUESTO è UN GIOCO MORTALE ] [ IFuckingKillYouRapeU, IE, IHateNEWLAYOUT SACERDOTE DI SATANA AUTODICHIARATO LUI HA DETTO [[  watch?v=ftVOFLwSxCg  ]] AL MIO JewsxMessiahUniusRei [L'account Lorenzojhwh Mahdì ALLAH è stato chiuso perché abbiamo ricevuto diversi reclami di terze parti relativi a violazioni del copyright riguardanti materiale postato dall'utente.] MA, ANCHE IL CANALE JewsxMessiahUniusRei MI è STATO CANCELLATO, EPPURE, guarda caso il SISTEMA NON LO RICORDA PIù, perché gli ebrei satanisti non vorrebbero mai avere me, come loro messia umano.
ADESSO SONO I SATANISTI DELLA CIA CHE DECIDONO SE GLI EBREI POSSONO O NON POSSONO PIù AVERE UN LORO MESSIA.
IHateNEWLAYOUT è sempre youtube istituzione e questo è sempre un suo canale!
SuspendedYourtube https://www.youtube.com/user/SuspendedYourtube/about
V
JewsxMessiahUniusRei
[ cioè nel giorno che mi hanno chiuso questo canale] tutto questo è successo il 01/08/2013 circa.
E tutto questo non è un gioco, ma una realtà molto pericolosa, anche mortale in youtube, in tutto internet, che le persone normali non sanno come affrontare sul piano spirituale, essendo costoro, tutti operatori occulti del NWO, cioè satanisti, tutti operatori sul piano del soprannaturale diabolico! eD IO AVEVO ANCHE UN CANALE DAL NOME molto ELOQUENTE DI "Jezebel II queen IMF-NWO". Ovviamente, i sacerdoti di satana della CIA evitavano di parlare con me, perché, attraverso le parole scritte, io posso intuire le loro strutture mentali, i loro sistemi ideologici di significato ed i loro scopi!
Ecco perché il NWO ha ordinato loro di non parlarmi più, perché io ho sempre fatto a tutti loro del male! ora non ricordo se, io ho dato ad IHateNEWLAYOUT la risposta circa questo video che lui mi ha proposto
 https://www.youtube.com/watch?v=ftVOFLwSxCg  [[ RISPOSTA ]]
nel Paradiso Terrestre tutt'ora ci sono ancora tutte le specie animali estinte sul nostro pianeta, e ci sono anche animali necrofagi, ma, non ci sono carnivori! ECCO PERCHé NON ESISTE VIOLENZA NEL PARADISO TERRESTRE, MA TUTTO è STRAORDINARIAMENTE INTELLIGENTE, AL PUNTO CHE TU PUOI INTERLOQUIRE CON ANIMALI ECC.. e Dio continua a scendere ancora oggi, per giocare con gli uomini e le donne ogni pomeriggio nel PARADISO TERRESTRE! Ovviamente, secondo me, ci sono sempre delle persone che tradiscono, Dio per curiosità dell'albero della conoscenza del bene e del male, dato che noi abbiao bambini che nascono continuamente!
================
poi, era normale che, noi ci minacciassimo reciprocamente, e quell'infame codardo di Ihatenewlayout, tra l'altro loro sono impiegati di youtube, mi fece chiudere, ANCHE. il canale di MrUniversalMetafisic.
TRA LE TANTE COSE, LORO MI PRENDEVANO SEMPRE SERIAMENTE PERCHé HANNO AVUTO L'ORDINE DI SONDARE LE MIE POTENZIALITà DIVINE: LA FEDE!
synnek1 ie, youtube, ie, 187audiohostem -- questa è la verità, io non riesco, a divertirmi troppo con: Ihatenewlayout, perchè lui è: completamente rincoglionito, mentre: a te del cervello è rimasto ancora! .. lol. pensa?! lol. quell'imbecille lui crede che io ho il potere di ucciderlo.. e così mi ha fatto chiudere MrUniversalMetafisic.. ma, questo tutto lo possono vedere: "neanche l'inferno vuole gli imbecilli!"
UniusRei3   [ 666 -- ora ti faccio soffrire! ] gli dissi, perché Ihatenewlayout era un subalterno di synnek1, cioè, di colui che, io ho fatto licenziare come Direttore Generale di youtube: ed oggi, lui è diventato: 187audiohostem  [ ECCO PERCHé, POI, IL NWO SPAVENTATO DALLE CONSEGUENZE disastrose di una relazione con me, HA ORDINATO A TUTTI I SATANISTI DELLA CIA DI ISOLARMI E DI NON PARLARI PIù, DA QUESTO PUNTO DI VISTa, IO SONO SICURO CHE, SONO I COMPUTER DEL NWO A FINGERE DI LEGGERE I MIEI 110 BLOG, CHE IO NON SMETTO DI PERFEZiONARE: ugualmente, PERCHé IO HO I MIEI SCOPI: IL PRIMO DI TUTTI è: DIFENDERE ISRAELE E LA FEDE EBRAICA DI TUTTI GLI EBREI DEL MONDO!
Anche perché a me della religione delle Persone non importa molto? NO, NON MI IMPORTA PROPRIO PER NIENTE! IN REALTà è DALLO SCISMA DI ORIENTE nel 1000 d.C. CHE LA MIA CHIESA CATTOLICA NON è PIù RIUSCITA AD ASSESTARsI BENE SUL PIANO DELLE DISCIPLINA INTERNA! MENTRE CON I VATICANO SECONDO HA INCOMINCIATO A PRENDERE UNA INQUIETANTE POSIZIONE ERETICO-MODERNISTA!
=======================
QUESTA è UNA DELLE DUE MIE AMICHE, CHE, PIù CHE FORSE, I SACERDOTI DI SATANA DELLA CIA MI HANNO UCCISO IN YOUTUBE. MarlaMarleen posted a comment. Good morning UniusRei3. I can not comment on certain videos. But not always Yesterday, YouTube Has not approved 7-8 comments of mine. It was not spam, but originals :-) I use the translator rare. Often he disfigures the sense. I do not know what I'll think of all. The thing with the real names disturbs. Not personally by myself. But it's incredible to interference with private life. YouTube is a Google of stooges. But who's in fact behind Google? Now I must to work. --ANSWER -- SATANISTS MASTER YOUTUBE HA FATTO DEL MALE A QUESTA MIA AMICA TEDESCA. [[sharia NAZI. [MANE THECEL PHARES] CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB. [PAX ♰ ♰ AMEN] MANE THECEL PHARES. drink your poison, made ​​by yourself, alleluia. amen. Rei Unius King of Israel.
========================
NON HO ancora focalizzato se, quelli che mi leggono, tutte le volte, quando io apro un qualsiasi computer: 1. sono quelli della CIA Enlightened NWO Farisei Salafiti Governo massonico di youtube: soltanto, oppure, sono da una parte: 2. tutto il Regno dei morti maledetti di satana all'inferno, e dall'altra sono quelli felici e benedetti del Regno di Dio JHWH, ma, di una cosa io sono sicuro. sono sicuramente entrambe le categorie: anche perché per JHWH, come per il meta spazio, o per l'iperspazio di internet? le categorie di spazio e di tempo non sono le stesse categorie degli uomini, comunque i miei lettori? sono proprio una enorme quantità di creature!
=========================
NO! IO NON SONO UN CARISMATICO, NON UN MISTICO, NON SONO UN SENSITIVO, E NON SONO UN PROFETA, IO NON HO NULLA DI STRANO O DI SOPRANNATURALE, IO SONO SOLTANTO IL METAFISICO RE DI ISRAELE! E LA METAFISICA è UNA FUNZIONE POLITICA UNIVERSALE DELLA FEDE RAZIONALE FILOSOFICA TEOLOGICA SAPIENZIALE ED INTUITIVA, ED ANCHE IL RE SALOMONE ERA COME ME! QUESTA MIA è SOLTANTO UNA FUNZIONE RAZIONALE ED INTUITIVA DELLO SPIRITO UMANO, CHE SECONDO I PROGETTI DI DIO OGNI UOMO DOVREBBE AVERE! Dobbiamo ammettere e riconoscere, che ci sono tanti: delinquenti, salafiti, farisei, massoni, assassini, usurai, criminali che hanno paura di me: perché, sono tutti terribilmente angosciati da quello che la mia fede potrebbe fare loro! MA, COSA CI IMPORTA A NOI, DI TUTTO QUESTO?! NON C'è NESSUNA PERSONA ONESTA ED AMANTE DELLA GIUSTIZIA CHE POTREBBE MAI AVERE QUALCOSA DA TEMERE DA ME, PERCHé ANCHE IO COME TUTTI SONO STATO UN PECCATORE, E POI LO SANNO TUTTI, CHI TI AMA? NON TI RICORDERà MAI I TUOI ERRORI, E PER QUESTO, CHE, DIO TI AMA, E QUINDI è CERTO, ANCHE IO TI AMO! INFATTI SOLTANTO DI SATANA è DETTO CHE LUI è L'ACCUSATORE!
==============   ================
devono riconoscere formalmente l'autonomia e la sovranità delle provincie russofone! DOPOTUTTO NON POSSONO DIMENTICARE CHE LORO SONO I FIGLI D UN GOLPE DELLA CIA E DI UN TENTATO GENOCIDIO DEI RUSSOFONI! Russia, Ue: Speriamo non sospenda zona libero scambio Cis con Ucraina: http://it.sputniknews.com/economia/20151224/1784603/zona-libero-scambio-russia-ucraina.html#ixzz3vGqDM91z
COME ARABI E FUORI LEGGE? TUTTI I PAESI ARABI SONO FUORI LEGGE SHARIA! Russia: Stiamo prendendo le misure necessarie per fermare contrabbando petrolio Daesh. La Russia sta implementando tutte le misure necessarie per contrastare il contrabbando di petrolio da parte del gruppo terroristico dell'Isis, noto anche come Daesh nei paesi arabi e fuorilegge in numerose nazioni tra cui la federazione, e spera che le altre nazioni cooperino con Mosca. Lo ha annunciato nel suo consueto briefing con la stampa la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova: http://it.sputniknews.com/mondo/20151224/1784707/russia-daesh-petrolio-contrabbando.html#ixzz3vGrEGKyv
NO! NO! è TUTTO LEGALE PER I PIRATI DEL "TESCHIO (USA) CON LE OSSA(UE)" QUESTO è UN SOLO PENE CAZZO SATANA 322 DELLA NATO CIOLA! DOVE USA è LA TESTA DI CAZZO, E UE SONO LE PALLE DELLA MERKEL! ] [ 24.12.2015 La presenza di truppe turche in Iraq è una violazione del diritto internazionale e della sovranità dell'Iraq, ha dichiarato oggi in apertura della sessione straordinaria della Lega Araba il segretario Nabil Elaraby: http://it.sputniknews.com/politica/20151224/1784182/Elaraby-Diplomazia-Cairo-Daesh.html#ixzz3vGs2gQZB
=====================
SALMAN SAUDI ARABIA ] la cosa su cui tutti gli uomini migliori del genere umano, sono UNANIMEMENTE d'accordo, è che, esiste un solo principio VITALE ONNIPOTENTE Creatore Onniscente: infinitamente perfetto, Padrone di tutto l'universo, e che noi chiamiamo genericamente Dio: ALLAH JHWH BRAMA, ecc.. poi, su quale poi, possa essere il suo nome migliore? onestamente, questo non è un argomento entusiasmante per me! ma, se noi dobbiamo dire che, dio abbia voluto lui: avere dei: goym, dalit dhimmi schiavi tutti? POI DECADE IL CONCETTO DELLA SUA INFINITA SANTITA! e qindi, poi, non c'è alcun dubbio, il vero dio per la concezione di queste persone, può essere soltanto Satana! ED IO NON CREDO CHE, TU DOVRESTI TROPPO MERAVIGLIARTI DI SCENDERE ALL'INFERNO INSIEME CON TUO FRATELLO, SE, TU TI OSTINI ANCORA A NON VOLER ESSERE IL MIO AMICO!
PERSECUTED CHURCH

SALMAN SAUDI ARABIA ] è TRISTE VEDERE tante PERSONE, per esempio: COME TUO FRATELLO, che per non voler essere felice insieme a noi, poi, ci lasciano prematuramente, per scendere all'inferno! IO, se tu sei d'accordo, io CREDO DI INVITARE PAPA BENEDETTO XVI ALLA MECCA, per il PROSSIMO 2016, A CELEBRARE UN NOSTRO FELICE SANTO NATALE! ANCHE PERCHé PER I MUSULMANI GESù DI BETLEMME è SEMPRE UN PROFETA DA ONORARE! cosa mi dici? è qualcosa che si può fare?
PERSECUTED CHURCH
SALMAN SAUDI ARABIA ] COME è peggiorata la tua situazione, tutte le volte, che tu hai rifiutato il mio invito? TU NON PUOI RESISTERE AL MIO PUNGOLO, PERCHé, TU NON HAI NESSUNA POSSIBILITà DI POTER FERMARE L'ESERCITO CINESE CHE IO TI MANDERò IN ARABIA SAUDITA!
PERSECUTED CHURCH
SALMAN SAUDI ARABIA ] QUESTO MONDO PER IL SUO PECCATO, SI è GIà DISTRUTTO DA SOLO, PERCHé, I FARISEI DEL TALMUD BANCHE CENTRALI LO HANNO MALEDETTO! QUINDI, SE IO NON PERDONO IL MONDO, NON C'è, NON PUò ESISTERE UNA SPERANZA PER IL MONDO! MA, IL MONDO DEVE VENIRE DA ME, E DEVE ACCETTARE LA MIA LEGGE, E TU DEVI DARE L'ESEMPIO!
PERSECUTED CHURCH
SALMAN SAUDI ARABIA ] questo tu devi capire del mistero di Unius REI [ il minuto che è trascorso non esiste più! il futuro non esiste ancora! io vivo soltanto nel presente! [ quindi se soltanto l'attimo presente è reale, io non mi posso vendicare, per tutto quello che è avvenuto nel passato! perché il passato per me non è mai esistito! ECCO PERCHé IO NON POSSO DELUDERE TUTTI COLORO CHE HANNO FIDUCIA IN ME! TUTTI COLORO CHE HANNO FIDUCIA IN ME, IO NON LI DELUDERò!
PERSECUTED CHURCH

SALMAN CINA RUSSIA ] [ QUESTA SODOMITICA INFESTAZIONE DEMONIACA ideologia Gender, NON POTRà MAI ESSERE SCONFITTA, FINCHé, QUESTA TRUFFA IDEOLOGICA DOGMATICA, DI UNA INDIMOSTRABILE TEORIA DELLA RELIGIONE PSEUDO SCIENTISTA, CONGIURA ALTO TRADIMENTO EVOLUZIONISTA, NON VERRà CONFUTATA! distruggila! VOI DISTRUGGETELA SUBITO!
PERSECUTED CHURCH

la Russia di PUTIN è diventata la Patria della civiltà mondiale! LORO HANNO GIà VINTO MORALMENTE LA GUERRA MONDIALE, CHE LA NATO E LA LEGA ARABA VOGLIONO REALIZZARE AD OGNI COSTO! Cattolici di Mosca: questo Natale non sarà l’ultimo. 24.12.2015) Rivolgendosi ai fedeli in Piazza San Pietro, Papa Francesco ha detto che questo Natale potrebbe essere l’ulimo dell’umanità, perché l’attuale, caotico, stato del mondo segna l’inizio della “fine dei tempi”. Che cosa ne pensano i cattolici a Mosca? Sono tormentati dall'ansia? Con quali umori verranno in chiesa la notte del Natale? http://it.sputniknews.com/mondo/20151224/1782891/natale-cattolici-mosca.html#ixzz3vFAHJ3PS
PERSECUTED CHURCH
QUESTA è LA STORIA VERA DEL CORANO! è vero Adamo ed Eva: sono due musulmani che hanno parlato con Dio! è vero CHE Abele e Caino: sono due musulmani che hanno parlato con Dio! ecc.. ecc.. ecc.. CIOè, TUTTI I MUSULMANI PROFETI HANNO PARLATO CON DIO JHWH! ma, Maometto non ha MAI parlato con Dio, SIA perché, lui era un lussurioso, E SIA PERCHé, Maometto era anche un indemoniato pieno di spiriti guida! e la Parola INCREATA del CORANO, che è stata scritta dopo la morte di Maometto, è stato distrutto nelle sue prime tre pubblicazioni: AMEN! e questa è la storia tragica dei nazisti islamici sharia, tutti maniaci religiosi sauditi che vivono in Turchia ed in IRAN!
PERSECUTED CHURCH
il criminale sporco doppio gioco della turchia che difende daesh isis! ] I militari tedeschi temono che la Turchia possa abusare dei dati che riceve per colpire i curdi. "La causa è il doppio gioco che la Turchia sta conducendo, — scrive il settimanale. — Ankara ha messo a disposizione della coalizione otto aerei F-16 che di tanto in tanto partecipano ai raid congiunti contro DAESH. Tuttavia allo stesso tempo gli aerei della Turchia sferrano attacchi contro le milizie curde… alleate con gli USA, che in terra combattono contro gli islamisti nel Nord dell'Iraq e della Siria". http://it.sputniknews.com/mondo/20151205/1673192/Germania-esercito-missione.html#ixzz3vF0pAPc0
PERSECUTED CHURCH
LA INCOSTITUZIONALE SITUAZIONE PENSIONISTICA ITALIANA! Un pensionato su due in Italia è sotto i mille euro. PER IL FUTURO AVREMO Pensioni a rischio di assegno più magro. Quali sono le zavorre che hanno portato al collasso il sistema pensionistico? Ex ministri Fornero e Giovannini consideravano come pensioni ricche quelle di valore pari o superiore ai 2.800 euro lordi al mese. L'elenco è noto: baby pensioni, pensioni d'oro, pensioni privilegiate. Ma dovremmo pure riflettere sulle pensioni minime, anche se sarebbe altamente impopolare: come si può chiedere un sacrificio elevato ai nostri giovani che lavorano e pagano i contributi, mentre viene concessa una pensione — pur minima — a coloro che non hanno versato nulla? È una palese ingiustizia. A onor del vero, molteplici possono essere state le cause dei mancati versamenti; quella più odiosa è il lavoro in nero, pratica diffusa in Italia. http://it.sputniknews.com/italia/20151223/1777579/pensioni-assegno-piu-magro.html#ixzz3vEzZPscn
PERSECUTED CHURCH

COSA IN PROPORZIONE HANNO FATTO GLI USA E TUTTI I LORO ALLEATI IN TRE ANNI? 1. HANNO PERMESSO ALLA TURCHIA DI COMPRARE IL PETROLIO DALLO ISIS, ED 2. HANNO PERMESSO ALLA TURCHIA DI RIEMPIRE IRAQ E SIRIA DI TERRORISTI SAUDITI, SALAFITI. QUINDI RICADE SU ERDOGAN LA RESPONSABILITà POLITICA DELLA TRAGEDIA E DEI GENOCIDI COMMESSI! Raid Russia in Siria, risultati in 6 giorni: 302 missioni e 1093 obiettivi colpiti. Nel periodo dal 18 al 23 dicembre le forze aeree russe di stanza in Siria per l'operazione contro i terroristi del Daesh (ISIS) e le formazioni islamiche radicali hanno compiuto 302 missioni di volo, durante le quali hanno bombardato 1.093 obiettivi militari, ha riferito il portavoce del ministero della Difesa, il generale Igor Konashenkov: http://it.sputniknews.com/politica/20151224/1781680/Russia-Difesa-Governo.html#ixzz3vEvpEU8m
PERSECUTED CHURCH
LA TURCHIA HA COMMESSO UN DELITTO DI ISTIGAZIONE ALLA GUERRA MONDIALE DELIBERATAMENTE! LA TURCHIA DEVE SUBITO ESSERE ESPULSA DALLA NATO! 24.12.2015. Per Mosca “Turchia ha ammesso la premeditazione dell'attacco contro jet Su-24 in Siria”La Turchia conosceva l'ora e il luogo esatti del volo del bombardiere russo Su-24: lo testimoniano le dichiarazioni delle autorità turche, ha rilevato il ministero della Difesa russo. Lo Stato Maggiore turco ha ricevuto i dati dal comando dell'Aviazione americana, hanno dichiarato al dicastero militare russo: http://it.sputniknews.com/mondo/#ixzz3vEuv5glk
PERSECUTED CHURCH
24.12.2015. Russia trasmette a Francia dati su passaggio terroristi in Siria attraverso TurchiaLo Stato Maggiore della Federazione Russa ha presentato le prove alla parte francese sul passaggio dei combattenti islamici in Siria settentrionale per intervento diretto della Turchia affinchè gli uomini si unissero tra le fila del Daesh (ISIS), segnala RIA Novosti riferendosi al ministero della Difesa russo: http://it.sputniknews.com/mondo/#ixzz3vEuY6NAn
PERSECUTED CHURCH

Naufragio in Turchia, 8 morti, 6 sono bambini. LA TURCHIA PRENDE I SOLDI DALLA UE: UNIONE EUROPEA, IN VANATAGGIO DEI RIFUGIATI, EPPURE LI FA PARTIRE CONTINUAMENTE, MA, QUESTO è UN PUGNALARE UGULMENTE ALLE SPALLE, ANCHE GLI ALLEATI! I TURCHI SI SONO SPECIALIZZATI A TRADIRE TUTTI, PUGNALANDO TUTTI ALLE SPALLE! Naufragio in Turchia, 8 morti, 6 sono bambini
PERSECUTED CHURCH

L'ANTICRISTO IDEOLOGIA GENDER APRIRà UNA NUOVA ERA DI PERSECUZIONE ANTISEMITA E ANTICRISTIANA!
PERSECUTED CHURCH
CHI POTRà RIMANERE IN PIEDI DI FRONTE ALL'IRA DI JHWH? Prima Della Fine, Tutte Le Nazioni Contro Gerusalemme .. Dio JHWH mantiene LE SUE PROMESSE E non abbandona mai ISRAELE, certo, voi POTETE NON ACCOGLIERE LA RIVELAZIONE BIBLICA: è VERO, MA, CERTO IO PASSERò SUI VOSTRI CADAVERI! https://youtu.be/O-3w-8SrfpE
PERSECUTED CHURCH
Israele, Gentili e Armaghedon, VOI Guardate la potenza di Dio! Dio JHWH mantiene LE SUE PROMESSE E non abbandona mai ISRAELE https://www.youtube.com/watch?v=vKcMmupxdxI LA VERA STORIA DELLA BIBBIA E DI ISRAELE, certo, voi POTETE NON ACCOGLIERLA è VERO, MA CERTO IO PASSERò SUI VOSTRI CADAVERI! https://youtu.be/vKcMmupxdxI
PERSECUTED CHURCH
Teresa Neumann: Sarà questo il tempo di Caino 1999- 2017: rivelazioni sul futuro prossimo. [ IMPRESSIONANTE : è UN LINGUAGGIO SIMBOLICO, tipico del linguaggio pocalittico simbolico ] https://youtu.be/8xQEnMv4nxI Incredibile rivelazioni sul nostro futuro ricevute dalla più grande mistica tedesca del secolo scorso e confermate in parte da altre profezie come quelle di Fatima e di Medjugorje che danno il 2017 come la fine del secolo di Satana iniziato proprio nel 1917!!! Il tempo di Caino rappresenta l'apice dell'ultimo secolo di Satana, che verrà sconfitto da Gesù nel giorno del Signore...
PERSECUTED CHURCH

contro i GUERRAFONDAI NATO CIA pravy Merkel sector Kiev ] Ucraina, min. Esteri francese: bisogna garantire accesso a osservatori Osce. Le autorità francesi sono preoccupate dalle continue tensioni in Ucraina orientale e hanno esortato tutte le parti in conflitto a fornire l'accesso completo a tutti i distretti della regione alla missione di monitoraggio dell'Osce.
Lo ha detto il portavoce del ministero degli Esteri francese.
"Siamo preoccupati per le tensioni e sollecitiamo tutte le parti ad aderire al regime di cessate il fuoco, previsto dagli accordi di Minsk, e a garantire l'accesso totale agli osservatori dell'Osce", ha detto Alexandre Giorgini. http://it.sputniknews.com/politica/20151224/1779980/ucraina-francia-osce-osservatori.html#ixzz3vEMmN0fG
PERSECUTED CHURCH
TUTTINCULO ALLA UE, dagli USA con amore! ] il volume di affari tra USA e Russia è aumentato! [ 24.12.2015 ] Gli USA hanno ordinato in Russia altri 20 propulsori missilistici RD-180Il consorzio americano “United Launch Alliance” (ULA), creato dalle compagnie “Boeing” e “Lockheed Martin”, ha ordinato ulteriori 20 propulsori missilistici RD-180. E' scritto sul sito dello stesso consorzio: http://it.sputniknews.com/mondo/#ixzz3vELyhtA8
PERSECUTED CHURCH
LA REALTà DELL'INFERNO è CONFERMATA ED è CONFORME ALLA ESPERIENZA DI TUTTI I MISTICI ] Santa Teresa di Gesù conferma la realtà dell'inferno eterno https://youtu.be/4ZUAzoa9DHw LE VOCI DI SOTTOFONDO DEL VIDEO SONO STATE REGISTRATE, IN UN CUNICOLO A DIVERSI CHILOMETRI SOTTO TERRA!
Santa Teresa de Jesus confirma a realidade do inferno eterno https://youtu.be/yMabij20csw
Santa Teresa de Jesús confirma la realidad del infierno eterno https://youtu.be/jFl8AlzOD8Y
Siehe Höllenvision der hl. Theresia von Jesu https://youtu.be/-6XuBsSvNXQ
Sainte Thérèse de Jésus confirme la réalité de l'enfer éternel https://youtu.be/v0i_aRVJ9Fc
PERSECUTED CHURCH
giudizio delle nazioni E combattimento escatologico ] condanna del Falso Profeta Maometto [ Il regno dei mille anni ( simbolo del dominio DIVINO spirituale terrestre della Chiesa di Cristo, che sarà ininterrotto fino alla fine del mondo, semplicemente perché, la Chiesa non coincide con il VATICANO ) NON DEL DOMINIO POLITICO del potere religioso del VATICANO. Apocalisse 20. Vidi poi un angelo che scendeva dal cielo con la chiave dell'Abisso e una gran catena in mano. 2. Afferrò il dragone, il serpente antico - cioè il diavolo, satana - e lo incatenò per mille anni (TEMPO SIMBOLICO); 3. lo gettò nell'Abisso, ve lo rinchiuse e ne sigillò la porta sopra di lui, perché non seducesse più le nazioni, fino al compimento dei mille anni. Dopo questi dovrà essere sciolto per un pò di tempo. 4. Poi vidi alcuni troni e a quelli che vi si sedettero fu dato il potere di giudicare. Vidi anche le anime dei decapitati a causa della testimonanza di Gesù e della parola di Dio, e quanti non avevano adorato la bestia e la sua statua e non ne avevano ricevuto il marchio (Apocalisse 13. 666 MICROCHIP) sulla fronte e sulla mano. Essi ripresero vita e regnarono con Cristo per mille anni; 5. gli altri morti invece non tornarono in vita fino al compimento dei mille anni. Questa è la prima risurrezione. 6. Beati e santi coloro che prendon parte alla prima risurrezione (i Pentecostali, cristiani biblici, nati di nuovo, i santi, anche se, noi li vediamo morire? loro non si vedono morire, perché non fanno la esperienza della morte, quindi i santi sono tra di noi e operano con la potenza di Dio! ). Su di loro non ha potere la seconda morte (DISINTEGRAZIONE DELL'INFERNO), ma saranno sacerdoti di Dio e del Cristo e regneranno con lui per mille anni.
Secondo combattimento escatologico ]
7. Quando i mille anni saranno compiuti (FRA 350 ANNI circa), satana verrà liberato dal suo carcere, 8. e uscirà per sedurre le nazioni ai quattro punti della terra, Gog e Magòg, per adunarli per la guerra contro ISRAELE: il loro numero sarà come la sabbia del mare. 9. Marciarono su tutta la superficie della terra e cinsero d'assedio l'accampamento dei santi e la città diletta Gerusalemme. Ma. un fuoco scese dal cielo e li divorò. 10. E il diavolo, che li aveva sedotti, fu gettato nello stagno di fuoco e zolfo, dove sono anche la bestia e il falso profeta Maometto: saranno tormentati giorno e notte per i secoli dei secoli. [ Il giudizio delle nazioni ] 11. Vidi poi un grande trono bianco e Colui che sedeva su di esso. Dalla sua presenza erano scomparsi la terra e il cielo senza lasciar traccia di sé. 12. Poi vidi i morti, grandi e piccoli, ritti davanti al trono. Furono aperti dei libri. Fu aperto anche un altro libro, quello della vita. I morti vennero giudicati in base a ciò che era scritto in quei libri, ciascuno secondo le sue opere. 13. Il mare restituì i morti, che, esso custodiva e la morte e gli inferi resero i morti da loro custoditi e ciascuno venne giudicato secondo le sue opere. 14. Poi la morte e gli inferi furono gettati nello stagno di fuoco. Questa è la seconda morte, lo stagno di fuoco. 15. E chi non era scritto nel libro della vita, fu gettato nello stagno di fuoco. AMEN! E LA CHIESA DICA: "AMEN!" ALLELUIA "MARANATHA VIENI SIGNORE GESù!"
PERSECUTED CHURCH
QUINDI ANCHE I SACERDOTI DI SATANA CANNIBILI DELLA CIA, POSSONO SALVALSI ALL'ULTIMO SECONDO DELLA LORO VITA! Gesù di Betlemme dice: alla mistica Santa Faustina "più uno è criminale e peccatore e più ha diritto alla mia misericordia!" infatti (1447) "anche se un'anima fosse in decomposizione come un cadavere d umanamente non ci fosse nessuna possibilità di resurrezione e tutto fosse perduto, non sarebbe così per Dio!" Profezia di Santa Faustina circa la Fine dei Tempi e l'Armaghedòn (1447) "un miracolo della Divina Misericordia risusciterà quest'anima pentita!" QUINDI ANCHE I SACERDOTI DI SATANA CANNIBILI DELLA CIA, POSSONO SALVALSI ALL'ULTIMO SECONDO DELLA LORO VITA! https://youtu.be/XdBIUlJbfXY
PERSECUTED CHURCH
Gesù di Betlemme dice: alla mistica Santa Faustina "più uno è criminale e peccatore e più ha diritto alla mia misericordia!" Profezia di Santa Faustina circa la Fine dei Tempi e l'Armaghedòn https://www.youtube.com/watch?v=XdBIUlJbfXY
 SI! NOI POSSIAMO ODIARE GESù PER QUESTO, MA, io ho deciso di amarlo per questo! https://youtu.be/XdBIUlJbfXY
PERSECUTED CHURCH
IL sangue dei siriani è 666 SPA allah Mecca NWO FED SHARIA sangue sulle mani di tutti!
IL SISTEMA DOGMATICO RELATIVISMO GENDER DARWIN IDEOLOGIA REGIME MASSONICO SPA AZIONISTI ROTHSCHILD BANCHE CENTRALI è UN CANCRO DI RELIGIONE NEW AGE, CHE SI STA MANGIANDO IL CORPO SOCIALE MONDIALE: MA, ENLIGHTENED FARISEI BILDENBERG VENTRONI DALEMA, BERTINOTTI, ECC.. NON SONO SENZA UNA STRATEGIA DISEGNATA IN MODO PRECISO ATTRAVERSO I SECOLI: IL LORO OBIETTIVO NON è EDIFICARE ISRAELE CHE HA LE ORE CONTATE, MA è EDIFICARE SATANA, QUESTO è IL SPA NWO! Il risveglio dal Sogno Americano, gli USA oggi sono un paese senza identità. 23.12.2015 ( What they say about USA ) Dopo la seconda guerra Mondiale gli USA sono diventati una superpotenza globale ed hanno esercitato un ruolo egemonico. Alla fine del secolo scorso, dopo il collasso dell'Unione Sovietica, gli USA sono rimasti l'unica superpotenza. Oggi gli USA stanno vivendo un periodo di debolezza. http://it.sputniknews.com/mondo/20151223/1773391/fine-del-sogno-americano.html#ixzz3vDi3jx6f
PERSECUTED CHURCH
NON PUOI PICCHIARE UN PUBBLICO UFFICIALE DI POLIZIA, PERCHé, LUI RAPPRESENTA LO STATO: CIOè TUTTI NOI! CHI PICCHIA UN CARABINIERE è COME SE PICCHIASSE SE STESSO! NEW YORK, 24 DIC - Un afroamericano disarmato è stato ucciso a Detroit durante una lite con la polizia: un altro caso che rischia di innescare nuove proteste contro la violenza degli agenti. La vittima, Kevin Matthews, sarebbe stata affetta da schizofrenia.
PERSECUTED CHURCH
IDEOLOGIA SHARIA ] Arrestato in Tunisia Progettava attacchi contro i turisti, Fermato ha confessato aver pianificato attentati a ristoranti
IDEOLOGIA SHARIA ] Morti 2 feriti israeliani a Gerusalemme, uno accoltellato l'altro colpito da 'fuoco amico'. Sono morti due dei 3 israeliani feriti oggi durante un attacco palestinese alla Porta di Giaffa a Gerusalemme Est
PERSECUTED CHURCH
TACI DIAVOLO RITORNA NELLE TENEBRE! Ecco io vi ho dato il potere di calpestare e camminare sopra serpenti (SHARIA) e scorpioni (SPA FED), e su tutta la potenza del nemico (BILDENBERG) e nulla potrà farvi del male! (Luca 10,19) https://www.youtube.com/watch?v=rUdGEifV198 QUESTO EDIFICIO è PROTETTO DAL SIGNORE GESù CRISTO E TU DIAVOLO NON HAI NESSUN POTERE, TU DEVI ANDARTENE! NOI LA CHIESA TI COMANDIAMO DI ANDARTENE!
PERSECUTED CHURCH
SALMAN SHARIA ERDOGAN MERKEL SPA BUSH OBAMA NWO ] FERMATI SATANA! GESù è IL SIGNORE! Sarebbero almeno 100 i morti in Nigeria a causa dell'esplosione causata da un camion cisterna in un affollato distributore di gas, mentre decine di persone erano in fila per riempire le bombole da cucina per il Natale. E' avvenuto a Nnewi, comunità prevalentemente cristiana del sudest.
incendio è divampato verso le 11, quando il camion che aveva finito di scaricare gas allo stabilimento Chikason è ripartito senza aspettare il tempo di raffreddamento prescritto.
"L'incendio è esploso come una bomba e l'intera stazione di servizio è stata avvolta da un denso fumo nero, tra un'esplosione di bombole di gas da cucina", afferma un testimone.
PERSECUTED CHURCH
si, io LO DEVO AMMETTERE, c'è stato una volta, tanto tempo fa, un dio Allah buono e giusto, ma, oggi Satana Gufo SpA USA FED FMI, ha fatto di lui: un DHIMMI di ALLAH SCHIAVO! Ecco perché, tutti i musulmani del mondo oggi si inginocchiano davanti ad un demonio saudita salafita Caaba MECCA sharia il nazismo: genocidio a tutti allah akbar belzebul SARà GLORIFICATO!
PERSECUTED CHURCH
Benjamin Netanyahu [ per colpa della GEOPOLITICA degli USA stiamo soffrendo in tanti, in tutto il mondo! Vorrei alleviare le tue sofferenze, ma, ti sia di conforto il calore della mia amicizia eterna!
PERSECUTED CHURCH
questa è una vergogna per ONU, USA e UE, dal valore infamante universale! BARI, 23 DIC - "Questo è il quarto Natale che si trascorre in queste condizioni. E il fatto di essere in Italia non esime da privazioni e sofferenze. Non è facile, anche se si è qui". Lo dice all'ANSA il fuciliere di Marina, Massimiliano Latorre accusato, con il marò Salvatore Girone, di aver ucciso nel 2012 due pescatori indiani scambiandoli per pirati. Latorre è in Italia, con un permesso speciale che scade il 16 gennaio, per curarsi dai postumi di un ictus. Salvatore Girone è invece a Nuova Delhi.
PERSECUTED CHURCH
ok! metteteli in galera per 5 anni, e fate, un embargo totale della comunità internazionale a questi maomettani assassini nazisti criminali sharia! Il sultano Hassanal Bolkiah ha 'vietato' il Natale nel suo piccolo Stato nel sud-est asiatico. Non è permesso neppure inviare auguri. Per i trasgressori è prevista una condanna fino a 5 anni di carcere.
PERSECUTED CHURCH
Con il decreto salva banche, il governo ha riversato sui risparmiatori le responsabilità di Bankitalia e Consob, che non hanno vigilato sulle azioni truffaldine di quattro istituti bancari sull’orlo del fallimento. Protesta del Comitato vittime del salvabanche contro Governo e Bankitalia. Cittadini, parlamentari dell'opposizione e associazioni in difesa dei consumatori, si sono dati appuntamento ieri in via Nazionale, nei pressi della sede di Bankitalia, per chiedere i rimborsi integrali dei risparmi, oltre alle dimissioni del governatore, Ignazio Visco: http://it.sputniknews.com/italia/20151223/1778941/vittime-banche-bankitalia.html#ixzz3vAWFvpDW
PERSECUTED CHURCH
Yemen, L’Unhcr condanna l’Arabia Saudita, 23.12.2015. NON è CHE QUALCUNO, SI INTERROGA, circa, il FATTO CHE MAOMETTO è un falso profeta, uno dei criminali più pericolosi del genere umano, perché, il SUO CORANO (Parola increata), CHE, UN ALTRO pedofilo predone come lui HA FATTO SCRIVERE: molti molti anni dopo facendo distruggere le prime tre edizioni ( di una Parola divina increata ), PERCHé LUI è SALITO IN CIELO 7 ANNI DOPO LA SUA MORTE: da GERUSALEMME, cioè, che lui Maometto HA POTUTO FARE QUALCOSA DI SBAGLIATO? Stamani un altro missile yemenita, probabilmente rifornito dall’Iran, si è schiantato contro una base militare in territorio saudita. Condanna dell’Arabia Saudita da parte dell’UNHCR al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Prosegue in Yemen la contr'offensiva delle truppe anti saudite. Forze yemenite, con l'aiuto del movimento popolare Ansarolà, recuperano il controllo di una zona montuosa nella provincia di Taiz, sud-Ovest dello Yemen: http://it.sputniknews.com/mondo/20151223/1778630/yemen-unhcr-condanna-arabia-saudita.html#ixzz3vAP7KKuq
PERSECUTED CHURCH
Zakharova: Ucraina viene spinta a violare i suoi obblighi. QUESTA SITUAZIONE, da figura di merda, è COSì INFAMANTE PER LA UE, CHE, IO NON TROVO VOLGARITà EDEGUATE! 23.12.2015. L’UE sta spingendo l’Ucraina a violare gli obblighi bilaterali che il paese ha con la Russia e gli impegni sottoscritti nell’ambito dell’area di libero scambio dei paesi CSI, ha dichiarato la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova. "Siamo veramente delusi, perché con insistenza e in buona fede abbiamo cercato di raggiungere un accordo. I nostri esperti hanno tenuto 16 round negoziali, ma non è servito a nulla. Come ora risulta, la disponibilità dell'UE e dell'Ucraina a rinviare di un anno l'applicazione delle clausole economico-commerciali dell'Accordo di asociazione era soltanto una manovra e un espediente tattico", — ha detto Zakharova. "Anzi, durante tutto questo periodo l'Ucraina ha apertamente continuato ad adattare energicmente la sua legislazione ai requisiti dell'Accordo di associaizone. L'UE ci chiudeva un occhio, limitandosi a pronunciare delle frasi banali sulla "scelta sovrana" del popolo ucraino. In realtà l'Ucraina viene spinta a violare i suoi obblighi bilaterali nei nostri confronti e i suoi impegni nel quadro dell'area di libero scambio dei paesi CSI, e a noi ci dicono che la situazione è "regolare" e che non dobbiamo reagire in alcun modo", — ha rilevato Maria Zakharova. Il 1 gennaio diventerà operativa l'area di libero scambio Ucraina-UE. Per difendere il proprio mercato la Russia sospende gli accordi di libero scambio, sottoscritti con l'Ucraina, ed è costretta a introdurre dei dazi su alcune merci ucraine: http://it.sputniknews.com/economia/20151223/1779271/Zakharova-Ucraina-associazione.html#ixzz3vAO9l9Bs
PERSECUTED CHURCH

23.12.2015. In una missiva riservata da parte dei commissari europei alla concorrenza, che il governo italiano potrebbe rendere pubblica, le ragioni del no dell'Europa all'uso del fondo di garanzia interbancaria per il salvataggio delle 4 banche popolari italiane: http://it.sputniknews.com/italia/20151223/1778400/UE-Italia-salvabanche.html#ixzz3vANFQahw
Ue contro Italia: Le 4 banche salvate vendevano prodotti inadeguati: http://it.sputniknews.com/italia/20151223/1778400/UE-Italia-salvabanche.html#ixzz3vANBK5mL
PERSECUTED CHURCH
dall'inferno Satana mi ha detto, che, il Corano non poteva essere dettato dai demoni, perché Maometto era un esorcista
PERSECUTED CHURCH
Tartari di Crimea, voltano spalle all’Ucraina, la Russia è meglio! 23.12.2015 Secondo il direttore dell’Agenzia federale per gli affari delle etnie, il blocco energetico della Crimea ha definitivamente frantumato le illusioni dei tartari di Crimea. Soltanto il 17% dei tartari di Crimea vede il proprio futuro insieme all'Ucraina, il resto si sta già integrando nella società russa, ha comunicato all'agenzia RIA Novosti il direttore dell'Agenzia federale per gli affari delle etnie Igor Barinov: http://it.sputniknews.com/mondo/20151223/1778589/Crimea-tartari-sondaggio.html#ixzz3vA96RPrb
IL DELIBERATO GIOCO PERICOLOSO DELLA NATO! Vladimir Putin evidenzia crescita del potenziale del complesso militare-industriale nazionale
Postazione missilistica Mk-41
Mosca ritiene schieramento dei lanciarazzi USA in Romania violazione trattato INF
Schianto caccia russo Su-24 al confine turco-siriano
Per Mosca “Turchia ha ammesso la premeditazione dell'attacco contro jet Su-24 in Siria”
http://it.sputniknews.com/#ixzz3vJIUZcsb
vpnmyol@ygkmih.org really you are Enightened Illuminati Rothschild? i am King ISRAEL Unius REI! Abu Antar [ said me ] Illuminati Link --> YGKMIH [ These recipients of your message have been processed by the mail server: vpnmyol@ygkmih.org; Failed; 5.4.3 (routing server failure)
======================
Iranian hackers breached US power grid, New York Dam. Security researcher Brian Wallace was on the trail of hackers who had snatched a California university’s housing files when he stumbled into a larger nightmare: Cyberattackers had opened a pathway into the networks running the United States power grid. Digital clues pointed to Iranian hackers. And Wallace found that they had already taken passwords, as well as engineering drawings of dozens of power plants, at least one with the title “Mission Critical.” The drawings were so detailed that experts say skilled attackers could have used them, along with other tools and malicious code, to knock out electricity flowing to millions of homes. Wallace was astonished. But this breach, The Associated Press has found, was not unique. About a dozen times in the last decade, sophisticated foreign hackers have gained enough remote access to control the operations networks that keep the lights on, according to top experts who spoke only on condition of anonymity due to the sensitive nature of the subject matter.
Watch Here. The public almost never learns the details about these types of attacks — they’re rarer but also more intricate and potentially dangerous than data theft. Information about the government’s response to these hacks is often protected and sometimes classified; many are never even reported to the government. These intrusions have not caused the kind of cascading blackouts that are feared by the intelligence community. But so many attackers have stowed away in the systems that run the US electric grid that experts say they likely have the capability to strike at will. And that’s what worries Wallace and other cybersecurity experts most. “If the geopolitical situation changes and Iran wants to target these facilities, if they have this kind of information it will make it a lot easier,” said Robert M. Lee, a former US Air Force cyberwarfare operations officer. “It will also help them stay quiet and stealthy inside.”
===============================
CAR: incoraggiamo Jeovani, Steven e Dieu Sintesi: la crisi iniziata a dicembre 2012 nella Repubblica Centrafricana ha lasciato segni indelebili nella vita di molti suoi cittadini, ma in particolare li ha lasciati nella vita di molti bambini come Jeovani, Steven e Dieu che hanno bisogno del nostro incoraggiamento.  Il 14 aprile 2013, nel pieno della crisi che ha coinvolto la Repubblica Centrafricana, un gruppo di ribelli Seleka ha sparato con un lanciarazzi contro una Chiesa Evangelica dei Fratelli nella capitale, Bangui. Le esplosioni hanno avuto un effetto devastante. Sette persone sono morte e almeno altre 33, tra cui i bambini Jeovani Mongounou (7 anni al momento dell'attacco), Steven (6) Malengou, e Dieu Fera Zinon (8) sono state ferite gravemente. Porte Aperte è stata coinvolta nella vita di queste tre giovani vittime con un ministero di presenza, fornendo protesi, e pagando le tasse scolastiche ai tre bambini. Recentemente ci siamo incontrati con loro per vedere come stanno. Jeovani durante l'attacco ha subito gravi lesioni ad entrambe le gambe e conseguentemente ha subito una doppia amputazione. Erroneamente abbiamo comunicato in un primo momento che aveva nove anni al momento dell'esplosione, ma poi abbiamo scoperto che ne aveva solo sette. Nonostante le operazioni e la ricezione delle protesi siano andate bene, ancora oggi Jeovani ha difficoltà notevoli e camminare risulta una sfida per lui. Necessita quindi di continue preghiere e di incoraggiamento. Sua mamma, separata dal marito e senza lavoro alla nostra precedente visita, ora ne ha trovato uno e ha potuto affittare un piccolo appartamento vicino alla scuola di Jeovani. Steven ha dovuto subire anche lui l'amputazione di una gamba a causa della gravità delle ferite riportate, ma si sta adattando bene alla protesi. I suoi genitori stanno lottando per mantenere la famiglia attraverso un piccolo commercio in cui sono impegnati. Dieu ha perso la gamba sinistra nell'esplosione, ma poco dopo ha perso anche sua mamma che era malata da tempo. Attualmente vive con suo padre, sua nonna e con due fratelli maggiori. La sua vita è molto difficile perché solo sua nonna, gestendo un negozietto, può contribuire alle necessità della famiglia. La cosa positiva è che Dieu sta compiendo buoni progressi di adattamento alla protesi ed è molto felice di essere in grado di muoversi e giocare nuovamente con i suoi amici.
"Scrivere loro una lettera sarà di grande sostegno spirituale, morale ed emotivo. Sarà la dimostrazione che fratelli da tutto il mondo si prendono cura di loro e che sono importanti per qualcuno. Continueremo a visitarli e a incoraggiarli!", ci riferisce un nostro collaboratore locale.
Scrivi anche tu una lettera a questi bambini seguendo le indicazioni presenti sul nostro sito.
=======================
For Akhmet, the warning to leave town didn’t come in a dream. “I received a phone call from a friend who works for the police. He informed me that I’d be in jail soon. We left our house in such a hurry that we forgot a lot of necessary things. The only thought in my mind was, ‘I need to protect my family and hide them somewhere!’” It was the last in a long string of persecution for this Central Asian family. “After I prayed to receive Christ and led my wife to the Lord, my parents abandoned me. They kicked me and my wife out. Later, I was repeatedly beaten by people who claimed to be Muslims. They told me that I had to renounce Jesus Christ. If not, I’d bitterly regret it.” Even his children suffered. Teachers gave them low marks in school no matter how well they performed. But relief came in the form of a secret Open Doors safe house that friends like you helped provide. Akhmet smiles despite the sadness. “We encountered peace here. We really feel safe, as if the harassment of our relatives and hatred from the police are thousands of miles away.” Your gifts keep believing families safe when they have no choice but to leave home for a period of time. Thanks for supporting Open Doors, because you’re giving the persecuted an escape to safety, a chance to get back on their feet… and you’re advancing God’s Kingdom where faith costs the most. Together in His service, Jan Gouws. Executive Director, Open Doors Southern Africa
===============
Il Brunei bandisce il Natale. Secondo il sultano, “potrebbe danneggiare la fede dei musulmani”. I cristiani rischiano 5 anni di prigione. “Uccideteci tutti o lasciateci andare”
l gruppo jihadista Al Shabab assalta un bus per fare strage di cristiani. Ma i passeggeri islamici fermano la carneficina.
====================
Insegnanti alla mensa dei poveri. Un Natale amaro per 30mila docenti. Si tratta di supplenti che da settembre non vengono pagati. Lo sblocco degli stipendi solo a gennaio. E intanto c'è chi bussa alla porta della Chiesa
===========================
Three seriously wounded in Jerusalem Old City stabbing attack. Three people have been wounded in a stabbing attack early Wednesday afternoon at Jerusalem's Jaffa Gate, a popular tourist spot on the western side of the Old City. One of the victims is in critical condition, according to medical sources. The second victim is seriously injured and the third moderately. The victims received first aid at the scene from Magen David Adom (MDA) paramedics, and from there were transported to the capital's Hadassah Ein Kerem and Shaarei Tzedek hospitals. All three victims are in their 30s. The attack was carried out by two Arab terrorists. Border Policewomen stationed in the area opened fire on both of them, killing one and wounding the other, who was then promptly taken into custody.
Watch Here. Police are investigating emerging reports that the critically injured victim was in fact accidentally shot by security forces in the process of neutralizing the terrorists. Doctors at Hadassah Ein Kerem say he is in life-threatening condition and they are fighting for his life. ZAKA volunteer paramedic Shimi Grossman, who was at the scene, described it as particularly serious attack, describing how the two terrorists pounced upon their first two Jewish victims at the entrance to Jaffa gate, before being neutralized by security forces. The latest stabbing attack breaks a slight lull in Arab terrorism in the Israeli capital. Yesterday violence continued elsewhere however, with an Arab terrorist apprehended in Hevron as she attempted to stab soldiers stationed at the Cave of the Patriarchs.
Source: Arutz Sheva
========================
traditori nazisi fascisti maledetti! PREPARATEVI A MORIRE, PERCHé SIETE DIVENTATI DHIMMI SCHIAVI! WATCH: Muslim ‘Sharia Police’ Patrol the Streets of Germany! A German court has allowed sharia law police to patrol the streets of Wuppertal in order to ensure that ALL people adhere to Muslim religious law. Considering the large number of Muslim immigrants in Germany, this is not surprising. The immigrants have demanded the implementation of sharia law. What this means is no consumption of alcohol, no music, modest attire for women and strict adherence to the laws of Mohammed – just like in Iran and Saudi Arabia. Perhaps this should be taken as a warning to other countries who are bringing in scores of Muslim immigrants. Do you want sharia police patrolling the streets of your city, or anywhere in your country?
==========================
Labirinti sotterranei e nascondigli segreti: così i sacerdoti cattolici inglesi scampavano alle torture. In molte case e castelli di famiglie caloriche inglese esiste ancora un reticolo che proteggeva i preti durante la repressione di Elisabetta I. Molly Holzschlag. 23 dicembre 2015. Priest Holes (i nascondigli dei sacerdoti) è il termine che fu dato alle cavità per i sacerdoti che furono realizzate all’interno di moltissime case di cattolici durante la persecuzione, che ebbe inizio con il regno della Regina Elisabetta I, calvinista, nel 1558 (Vanillamagazine.it, 21 dicembre). Le leggi volte a perseguitare i cattolici che furono promulgate poco dopo l’incoronazione della sovrana divennero pericolose soltanto dopo la rivolta dei Papisti nel 1569 (Rising of the North), che costrinse la Regina ad applicare il pugno di ferro contro i cattolici presenti in Inghilterra. [ La Massoneria ha provato a distruggere la Chiesa? La storica della Chiesa Angela Pellicciari: i massoni studiavano strategie eversive per rovesciare il potere ecclesiastico.] PENE SEVERISSIME. La legge prevedeva pene crescenti in base al numero di infrazioni. Se un membro della Chiesa cattolica Romana veniva scoperto mentre celebrava i riti della propria fede veniva punito la prima volta con una multa, la seconda con un anno di carcere e la terza con il carcere a vita.
“GIURAMENTO DI SUPREMAZIA”
Nel caso in cui il sacerdote si fosse rifiutato di pronunciare il “Oath of Supremacy“, il “giuramento di supremazia” (cioè la supremazia della leggi civili su quelle religiose) richiesto a qualsiasi persona che ricoprisse una carica pubblica o ecclesiastica in Inghilterra, il suddito diveniva un alto traditore, con conseguenze facilmente immaginabili.
CONVERSIONI PERICOLOSE
Nel caso in cui un “Papista” fosse stato colto in flagrante durante la conversione di un anglicano (o credente in altre forme di protestantesimo), entrambi sarebbero stati giustiziati per alto tradimento. Nel mese di novembre del 1591 un sacerdote fu impiccato davanti alla porta di una casa a Gray Inn Fields per aver detto Messa il mese precedente.
NASCONDIGLI SEGRETI
Per scampare alle torture, nel XVII molti sacerdoti, con l’aiuto, di famiglie cattoliche, realizzarono dei nascondigli segreti all’interno di grandi case e castelli. Alle volte non veniva realizzato soltanto un nascondiglio per il prete, ma addirittura cappelle intere per officiare la messa in modo del tutto nascosto. Nelle case era presente spesso un nascondiglio anche soltanto per gli abiti da cerimonia, che venivano occultati in modo ancora più sicuro rispetto ad intere camere per le persone.
PERFUGI E LABIRINTI
Moltissimi di questi nascondigli, come spiega la ricostruzione di Vanilla Magazine, furono attribuiti ad un gesuita, Nicholas Owen (morto nel 1606), che dedicò la maggior parte della propria vita alla costruzione di questi luoghi per proteggere la vita dei sacerdoti perseguitati. Si trattava di pertugi di difficile accesso, spesso preceduti da antri labirintici, che riuscivano ad occultare efficacemente le persone che dovevano sfuggire agli ufficiali della corona.
LA CANONIZZAZIONE DI OWEN
Owen realizzò tantissimi nascondigli, ma non riuscì a nascondere se stesso dalla morte. A seguito della Congiura delle Polveri egli fu catturato a Hindlip Hall, nel Worcestershire, portato nella torre di Londra e torturato a morte, rifiutandosi di svelare l’ubicazione di anche solo uno dei suoi segreti. L’artigiano fu canonizzato da Paolo VI nel 1970, e ci sono molti che sostengono che alcuni dei suoi antri siano ancora da scoprire.
============================
 IDF Uncovers Major Hamas Bomb Laboratory. The Shin Bet uncovered a large Hamas terror cell, among whose members were Israeli citizens, which planned to carry out suicide bombings and other terror attacks in Israel, the security service revealed on Wednesday. The Shin Bet, alongside the IDF and Israel Police, have thus far arrested 25 Hamas operatives, the majority of them Al-Quds University in Abu Dis students, who they suspect were preparing to attack Israeli targets, the agency said in a statement. The arrests were carried out over the past few weeks. The service also uncovered a makeshift laboratory in Abu Dis, in east Jerusalem, which was being used to create the explosives necessary for bombing attacks. It said the cell was controlled by Hamas leadership in the Gaza Strip. “This case reveals and highlights again the involvement of the military arm of Hamas from the Gaza Strip, which operates continuously with the intent of carrying out mass-casualty attacks within Israel and the West Bank,” the Shin Bet said. Watch Here.     The Palestinian Authority recently warned of such a threat by Hamas against Israel, an official from within the PA told The Times of Israel last week. The PA’s warning was based on information gleaned from interrogations of Hamas operatives arrested by PA security services, which showed that the terror group’s leaders in Gaza and abroad have sent orders to local commanders to escalate their activities — from encouraging protests and stabbing attacks to more dramatic and deadly assaults on Israeli civilians. The ringleader of this terror plot uncovered by the Shin Bet was 24-year-old Ahmad Jamal Mousa Azzam from Qalqilya in the West Bank. Azzam was recruited by Hamas operatives from the Gaza Strip in order to set up a terror cell in the West Bank. The 24-year-old remained in constant contact with his controllers in the Strip, the Shin Bet said. Hamas taught Azzam, a student from Al-Quds University in Abu Dis with campuses in east Jerusalem and al-Birah, how to create explosive belts and vests, as well as improvised explosive devises which could be used against both civilians and security forces. Source: Times of Israel
===========================
SORRY my dear <Advisor@eTeacherHebrew.com> i not speak english, io non ho il tempo per imparare una lingua! Perché io sono un commentatore politico nascosto da youtube nella sua pagina di https://www.youtube.com/user/YouTube/discussion
io cerco un webmaster, che mi aiuta a posizionare bene i miei 110 blogspot, come http://gmos-ai.blogspot.com/
http://stellamarisdefinibusterrae.blogspot.com/
http://lorenzoJHWH.blogspot.com/
tutti siti che io ho realizzato per difendere i martiri cristiani e che io ho fatto anche e soprattutto per realizzare il regno delle 12 tribù di Israele.
ma, il NWO nasconde tutto quello che io faccio! my JHWH bless you too!

GENERE UMANO NAZIONI SHARIA

LA MIA MONARCHIA ASSOLUTA (lorenzoJHWH) IN ISRAELE, è ANCHE UNA MONARCHIA ASSOLUTA ( UNIUS REI ) sul MONDO, NON è UNA ISTITUZIONE PERMANENTE, MA è UN INCARICO "AD PERSONAM" cioè, UN PROCURATORE GOVERNATORE a tempo, autorità che non è imposta, e che PUò ESSERE REVOCATa, IN QUALSIASI MOMENTO: su criteri rappresentativi e maggioritari: perché ogni autorità risiede nel popolo. MA, IO CREDO CHE SENZA QUESTA AUTORITà METAFISICA, VOI DOVRESTE TUTTI MORIRE NELLA GUERRA MONDIALE NUCLEARE!
LO SPIRITO SANTO MI è TESTIMONE, AL DI FUORI DELLA GIUSTIZIA AMORE E VERITà, INTESE POLITICAMENTE, SULLA DICHIARAZINE ONU 1949: DIRITTI UMANI UNIVERSALI, VALORI LAICI AMATI, PER SE STESSI? IO NON HO FINI E TORNACONTI PERSONALI O IDEOLOGICI RELIGIOSI DI ALCUN TIPO!
=====================
QUALE DIO PUò ESSERE VERO, O QUALE RELIGIONE PUò ESSERE VERA, NELL'ERA DEI SATANISTI MASSONI FARISEI FED, SPA BANCHE CENTRALI, FMI SPA USURA MONDIALE, CIA NATO NUOVO ORDINE MONDIALE? voi siete pazzi! QUESTA è per tutti, una sola universale APOSTASIA E BLASFEMIA, UNA SOLa BESTEMMIA, CONTRO IL CREATORE DELL'UNIVERSO! NESSUN UOMO DI NESSUNa RELIGIONE PEnSI DI VENIRE DA ME, PER DIRE: "IO HO SPUTATO CONTRO DIO, io ho tradito il Regno di Dio, PERCHé, io sono quell'ipocrita di TRADITORE CHE PORTA IL DENARO DI ROTHSCHILD IN TASCA! "
perché io dirò: "una prostituta? ha più dignità di te!"

#Caaba, Masjid al-Haram, Pietra Nera, Moschea del Profeta, Cupola della Roccia, Monte Arafat ] [ per quali delitti sanzionati dal Corano stesso, noi dobbiamo condannare a morte Maometto, dato che gli omicidi non vanno mai in prescrizione?
==================
in a world of Pharisees, UN Illuminati Satanists Freemasons CIA World Bank Gmos Talmud Agenda A.I. synthetic biology OWL God Boheian Grove Gender gay lobby imperialism, which of course will kill Israel, EU, Russia, China, will break up, even ruthless dictators, Communists, paranoid, Islamic Ottoman Caliphate Saudi ARABIA League IsIs, Boko Haram, shariah nazi, can represent a resource: for the salvation of mankind!

Bush MERKEL Rothschild ] io darò un solo sganassone al vostro SATANA SpA, che 40 miliardi di demoni, e 80 miliardi di anime maledette e dannate: come voi, impiegheranno almeno 100 anni, per rimettere insieme tutti i pezzettini del suo scheletro marcio puzzle.
Bush Satana Rothschild ] perché ti lamenti contro di me? 1. io non sono nel tuo libro paga! 2. E certamente, uccidere tutti i musulmani del mondo? QUESTO NON FARà DI ME UN UOMO FELICE, LOL. olo: lol, ALMENO FINCHé IO NON TI AVRò UCCISO!
in effetti anche in tutta la LEGA ARABA SHARIA, come in Corea del Nord, la deliquenza non esite: IL TERRORE! PERCHé LORO NON HANNO METODI RIEDUCATIVI! E LA DIFFERENZA DEL MIO REGNO UNIVERSALE: è CHE, NEANCHE CON ME, PUò ESISTE DELINQUENZA E QUESTO A A MOTIVO DEL MIO PIù ALTO LIVELLO DI GIUSTIZIA: L'AMORE! IL CAIRO, 21 DIC - L'Isis a Sirte, in Libia, ha pubblicato sul web un nuovo video di propaganda in cui mostra la sua polizia islamica che pattuglia la città. Allineati e incappucciati, con indosso mitra ed una divisa grigio scura i 'poliziotti' ricevono gli ordini da un comandante. "Il vostro ruolo è di rendere sicuri i musulmani ed il loro onore voi siete quelli che combattono al fronte contro l'ingiustizia e la corruzione. Il tasso di criminalità a Sirte è pari a zero e questa città è la più sicura al mondo"
revenge Yitzhak Kaduri
SALMAN MY BROTHER ] se invece di metterti a fottere le bambine, di nove anni, come quell'animale del tuo falso profeta Maometto, tu avessi studiato il profeta Daniele, poi, tu avresti capito che la creta non si può mai fondere con il ferro: ecco perché il tuo gigante Golia cazzone Bush di Nuovo Ordine Mondiale: il GUFO BAAL ALLAH MARDUK JaBullOn: deve venire giù: inevitabilmente, con un grande tonfo boato: comunque! ed anche se nel Mondo, io fossi unico e solo? Questo non vuol dire che la mia fede potrebbe risultare perdente! IO VINCERò! perché Dio JHWH può ricominciare il genere umano, tutto da solo, anche senza di me: se volesse! e lui deve essere veramente un SANTO, dato che non si è ancora stancato di tutti noi!
revenge Yitzhak Kaduri
SALMAN MY BROTHER ] lol. dopotutto i satanisti massoni non potranno mai diventare i miei complici, o miei alleati soltanto perché hanno ubbidito a me: ed hanno distrutto la LEGA ARABA, invece di distruggere CINA RUSSIA INDIA; BRASILE, ecc.. come era nei loro progetti iniziali!
revenge Yitzhak Kaduri
SALMAN MY BROTHER ] nessuno, per VERO amore di Satana, più dei satanisti ROTHSCHILD BUSH E KERRY, può essere interessato a studiare i segreti della mia TEOLogia METAFISICA RAZIONALE. COSì ANCHE LORO SI PREPARANO A MORIRE ED A SCENDERE ALL'INFERNO, INSIEME A TE, CONSAPEVOLMENTE!
revenge Yitzhak Kaduri
ANCHE MUSSOLINI COME MAOMETTO IL POLIGAMO: HANNO ENTRAMBI LEGALIZZATO LA PROSTITUZIONE, due studentesse musulmane: una libanese, ed una tunisina, entrambe, molto ipocrite, anche, se formalmente religiosamente islamiche ferventi, cioè, queste musulmane giustificavano, alla studentessa italiana: convivente: nello stesso appartamento: cioè nei loro discorsi, di fatto: legalizzavano l'adulterio occidentale, attraverso la ragionevolezza della loro poligamia! MENTRE TUTTI SANNO CHE LA LUSSURIA COLPEVOLE, è UN DEMONE DA COMBATTERE E NON DA RAZIONALIZZARE COERCITIVAMENTE IN UN MATRIMONIO BLASFEMO!
revenge Yitzhak Kaduri
PROFEZIA UNIUS REI ] my Israel [ Ezechiele 45:9 [ stop signoraggio bancario ] 9. Così parla il Signore, l'Eterno: Basta, o principi d'Israele! Lasciate da parte la violenza e le rapine, praticate il diritto e la giustizia, liberate il mio popolo dalle vostre estorsioni! dice il Signore, l'Eterno. 10. Abbiate bilance giuste, efa giusto, bat giusto. [ stop signoraggio bancario, poi, questo avverrà ] Ezechiele 37. 1. La mano dell'Eterno fu sopra me, e l'Eterno mi trasportò in ispirito, e mi depose in mezzo a una valle ch'era piena d'ossa. 2. E mi fece passare presso d'esse, tutt'attorno; ed ecco erano numerosissime sulla superficie della valle, ed erano anche molto secche. 3. E mi disse: "Figliuol d'uomo, queste ossa potrebbero esse rivivere?" E io risposi: "Oh Signore, oh Eterno, tu il sai". 4. Ed egli mi disse: "Profetizza su queste ossa, e di' loro: Ossa secche, ascoltate la parola dell'Eterno! 5. Così dice il Signore, l'Eterno, a queste ossa: Ecco, io faccio entrare in voi lo spirito, e voi rivivrete; 6. e metterò su voi dei muscoli, farò nascere su voi della carne, vi coprirò di pelle, metterò in voi lo spirito, e rivivrete; e conoscerete che io sono l'Eterno". 7. E io profetizzai come mi era stato comandato; e come io profetizzavo, si fece rumore; ed ecco un movimento, e le ossa s'accostarono le une alle altre. 8. Io guardai, ed ecco venir su d'esse de' muscoli, crescervi della carne, e la pelle ricoprirle; ma, non c'era in esse spirito alcuno. 9. Allora egli mi disse: "Profetizza allo Spirito SANTO, profetizza, figliuol d'uomo, e di' allo Spirito SANTO: Così parla il Signore, l'Eterno: Vieni dai quattro venti o SANTO Spirito, soffia su questi uccisi, e fa' che rivivano!" 10. E io profetizzai, com'egli m'aveva comandato; e lo SANTO Spirito entrò in essi, e tornarono alla vita, e si rizzarono in piedi: erano un esercito grande, grandissimo. 11. Ed egli mi disse: "Figliuol d'uomo, queste ossa, sono tutta la casa d'Israele. Ecco, essi dicono: Le nostra ossa sono secche, la nostra speranza e perita, noi siam perduti! 12. Perciò, profetizza e di' loro: Così parla il Signore, l'Eterno: Ecco, io aprirò i vostri sepolcri, vi trarrò fuori dalle vostre tombe, o popolo mio, e vi ricondurrò nel paese d'Israele. 13. E voi conoscerete che io sono l'Eterno, quando aprirò i vostri sepolcri, e vi trarrò fuori dalle vostre tombe, o popolo mio! 14. E metterò in voi il mio spirito, e voi tornerete alla vita; vi porrò sul vostro suolo, e conoscerete che io, l'Eterno, ho parlato, e ho messo la cosa ad effetto, dice l'Eterno".

PROFEZIA UNIUS REI ] my Israel [ Ezechiele 45:15. E la Parola dell'Eterno mi fu rivolta in questi termini: 16. "E tu, figlio d'uomo, prenditi un pezzo di legno, e scrivici sopra: "Per Giuda, e per i figliuoli d'Israele, che sono associati". Poi prenditi un altro pezzo di legno, e scrivici sopra: "Per Giuseppe, bastone d'Efraim e di tutta la casa d'Israele, che gli è associata". 17. Poi accostali l'un all'altro per farne un solo pezzo di legno, in modo che, siano uniti nella tua mano. 18. E quando i figliuoli del tuo popolo ti parleranno e ti diranno: Non ci spiegherai tu che cosa vuoi dire con queste cose? 19. tu rispondi loro: Così parla il Signore, l'Eterno: Ecco, io prenderò il pezzo di legno di Giuseppe, ch'è in mano d'Efraim e le tribù d'Israele che sono a lui associate, e li unirò a questo, ch'è il pezzo di legno di Giuda, e ne farò un solo legno, in modo che saranno una sola cosa nella mia mano. 20. E i legni sui quali tu avrai scritto, li terrai in mano tua, sotto i loro occhi. 21. E di' loro: Così parla il Signore, l'Eterno: Ecco, io prenderò i figliuoli d'Israele, di fra le nazioni dove sono andati, li radunerò da tutte le parti, e li ricondurrò nel loro paese; 22. e farò di loro una stessa nazione, nel paese, sui monti d'Israele; un solo re sarà re di tutti loro; e non saranno più due nazioni, e non saranno più divisi in due regni. 23. E non si contamineranno più con i loro idoli, con le loro abominazioni, né colle loro numerose trasgressioni; io trarrò fuori da tutti i luoghi dove hanno abitato e dove hanno peccato, e li purificherò, essi saranno mio popolo, e io sarò loro Dio. 24. Il mio servo Davide sarà re sopra loro, ed essi avranno tutti un medesimo pastore; cammineranno secondo le mie prescrizioni, osserveranno le mie leggi, e le metteranno in pratica; 25. e abiteranno nel paese che, io detti al mio servo Giacobbe, e dove abitarono i vostri padri; vi abiteranno essi, i loro figliuoli e i figliuoli dei loro figliuoli in perpetuo; e il mio servo Davide sarà loro principe, in perpetuo. 26. E io fermerò con loro un patto di pace: sarà un patto perpetuo con loro; li stabilirò fermamente, li moltiplicherò, e metterò il mio santuario in mezzo a loro per sempre; 27. la mia dimora sarà presso di loro, e io sarò loro Dio, ed essi saranno mio popolo. 28. E le nazioni conosceranno che io sono l'Eterno che santifico Israele, quando il mio santuario sarà per sempre in mezzo ad essi.
revenge Yitzhak Kaduri
20.12.2015 ] SIATE TUTTI STRAMALEDETTI! NON è POSSIBILE VINCERE LA GUERRA MONDIALE DI SATANA COMPRANDO, COMMERCIANDO, IL DENARO DA SATANA! .. è CHIARO: VOI INVECE DI CORREGGERE, EDUCARE, LA LEGA ARABA: VOI AVETE DECISO, DI UCCIDERLI TUTTI I MAOMETTANI NAZISTI, DI PUGNALARLI TUTTI ALLE SPALLE, PROPRIO COSì COME IO VI HO ORDINATO DI FARE! PROPRIO COSì COME è GIUSTO di FARE! [ Russia, Mosca pronta a entrare nella top ten dei contributori del Fmi. Christine Lagarde ha accolto con favore l'approvazione della riforma come un “passo cruciale” per il ruolo del Fmi di sostegno alla stabilità finanziaria globale e all'aumento delle sue risorse fondamentali. "Quattro paesi emergenti (Brasile, Cina, India e Russia) saranno tra i 10 più grandi contributori del Fmi — si legge nella comunicazione del Fmi. — I paesi europei avanzati si sono impegnati a ridurre la loro rappresentanza nel Consiglio combinando da due posti". Il direttore Christine Lagarde ha accolto con favore l'approvazione della riforma come un "passo cruciale" per il ruolo del Fmi di sostegno alla stabilità finanziaria globale e all'aumento delle sue risorse fondamentali. "Un Fmi più rappresentativo e moderno sarà ancora meglio attrezzata per soddisfare le esigenze di tutti i suoi 188 paesi membri nel 21esimo secolo", ha sottolineato Lagarde. Gli altri membri della top ten sono Stati Uniti, Regno Unito, Giappone, Francia, Germania e Italia: http://it.sputniknews.com/economia/20151220/1760772/russia-top-ten-contributori-fmi.html#ixzz3uvhRf37p
revenge Yitzhak Kaduri
a questi nazisti MERKEL Pravy Sector sono giunti i soldi dei satanisti massoni della CIA NATO, e quindi devono far vedere che sono stati soldi spesi bene! 20 Dicembre. Donbass, filorussi denunciano bombardamenti forze ucraine a Donetsk e Spartak: http://it.sputniknews.com/mondo/#ixzz3uvg65TAS QUELLO CHE I POPOLI PENSANO E VOGLIONO: è SOLTANTO UNA INUTILE TEORIA PER IL SISTEMA MASSONICO ROTHSCHILD BILDENBERG!
revenge Yitzhak Kaduri
il sistema dei massoni, ormai manipola le elezioni, e perverte, ANCHE, i dati elettorali, non è possibile statisticamente, che, guarda caso, i complici dei banchieri abbiano il 50,1% del consenso elettorale [ IN QUESTO MODO, CI PORTERANNO ALLA GUERRA MONDIALE NUCLEARE CONTRO LA RUSSIA, CONTRO IL NOSTRO CONSENSO! ] MADRID, 20 DIC - Mariano Rajoy porta il suo partito popolare a vincere le elezioni politiche spagnole, anche se con una percentuale, il 28,3 che lo costringerà a cercare alleanze per governare. Alle sue spalle il Partito socialista resiste al secondo posto con il 22,5,1
revenge Yitzhak Kaduri
nel sistema massonico: voi potete fare, soltanto, quella "MALA MORTE CHE VI PORTERà ALL'INFERNO!" QUESTI HILLARY OBAMA GENDER VELTRONI DALEMA RENZI, ZAPATERO, KERRY, sono i massoni delle Banche CENTRALI SpA, che, fare del loro meglio è che: possono portare tutto al Grande Fratello SATANA SpA NWO, ed il fatto che, hanno dei successi economici grazie al falso in bilancio delle SPA FMi FED, questo non deve ingannare gli stupidi, perché è sempre una: "miglioria della morte", un piccolo miglioramento transitorio prima del collasso, per tutto il popolo della schiavi, una illusoria bolla economica, che svanisce subito, quando vanno forze non gradite alla SpA Banca Centrale Mondiale!
revenge Yitzhak Kaduri
Hillary è soltanto, un altro anticristo di Obama bis, REGIA HOLLYWOOD ENLIGHTENED! IL MALE CHE QUESTI CORROTTI IPOCRITI E BUGIARDI, POSSONO FARE AL GENERE UMANO: è UN MALE ASSOLUTO E SENZA RIMEDIO! LEI HA GIà DATO IL SUO ANO SODOMA GENDER A SATANA, PER POTER ESSERE UNA PERSONA CREDIBILE! Sanders torna ad accusare una campagna elettorale corrotta e cerca di rilanciare l'immagine di una Hillary troppo vicina ai poteri forti, a quella Wall Street che "sta distrugendo l'economia e la vita di milioni di americani". Lei controbatte sostenendo la necessita' di colpire gli eccessi e gli abusi nel mondo della finanza e delle grandi banche, ma anche quella di collaborare con un settore privato che crea ricchezza e milioni di posti di lavoro. Poi la promessa piu' forte di Hillary: piu' tasse sui ricchi e sulle grandi aziende. Zero aumenti sulla classe media. "Non lo faro' mai, e' fuori discussione", giura. Ricorrendo per i saluti finali (mostrando il suo lato piu' spiritoso) a una delle citazioni che hanno fatto la storia del cinema, tratta da Guerre Stellari: "Che la forza sia con voi".
revenge Yitzhak Kaduri
KING SALMAN SAUDI ARABIA ] oggi ISRAELE è un impiccione! [ è logico pensare: che, tutti coloro che, si oppongono al REGNO di: 12 TRIBù di ISRAELE, CIOè SI OPPONGONO AL SIONISMO, poi, attenderanno, un momento di debolezza di ISRAELE, per distruggerlo, perché, in Realtà: ISRAELE è sempre una minaccia per ogni visione totalitaria, e per ogni ideologia totalizzante, in tutto il mondo! ISRAELIANI NON COMBATTERANNO PER IL BENESSERE ALTRUI, MA, LO DENUNCERANNO, almeno al 39%, IL CRIMINE DI VIOLAZIONE DEL LIBERO ARBITRIO, E QUESTO è UN PERICOLO TROPPO GRANDE PER UN NUOVO ORDINE MONDIALE MASSONICO USUROCRATICO ISLAMICO, ECC... UNA MINACCIA PER OGNI SISTEMA TOTALITARIO!
revenge Yitzhak Kaduri
KING SALMAN SAUDI ARABIA ] [ dubito che JHWH holy, abbia deciso di REALIZZARE LE SUE PROFEZIE circa il Regno di ISRALE, cioè, di distruggere la LEGA ARABA e USA, e distruggere, cioè, tutti i nemici di ISRAELE, per dire: "OK, dei satanisti massoni, usurai mondiali Rothschild, falsa stella Rothschild sulla bandiera, magia nera esoterismo Kabbalah, e Talmud satanico: culto Hitler contro genere umano goym: sacrifici umani di goym, usura mondiale contro i goym, tutto questo è buono per me: perché, in realtà io sono Satana!" COSì, io in questa realtà, di sistema massonico, io credo, che, IO VINCERò LA MIA SCOMMESSA CONTRO DIO JHWH, ED IL GENERE UMANO DURERà SOLTANTO 250 ANNI, INVECE DI 350 ANNI. PERCHé, NESSUNO DEVE CREDERE, COME UNO STUPIDO, che io sono interessato personalmente a diventare Re di ISRAELE, Unius REI sul mondo! così, voi i massoni, voi avete deciso di fare di tutto, affinché, il GENERE umano, possa diventare, come una sola Siria, fino alla fine del mondo! INFATTI FARISEI E SALAFITI PENSANO ENTRAMBI: "TANTO PEGGIO è PER TUTTI, TANTO MEGLIO è PER NOI!" SOLTANTO CHE, ARRIVERà IL MOMENTO, sicuramente, CHE I FARISEI UCCIDERANNO anche i SALAFITI.
revenge Yitzhak Kaduri
MY ISRAEL ALLELUIA ] Alzati, Gerusalemme, e rivestiti di luce“ ecco viene da te, la tua luce, la Gloria del Signore brilla su te, alleluia, alleluia (Is 55-66) a questo canto, in Chiesa, io ho pianto per te ( anche se ho cercato di non farmi notare da nessuno in questa mia debolezza ), cioè, a motivo della mia forte emozione per te: io ho pianto, e questo sarebbe successo ugualmente in una Moschea o in una Sinagoga, ecc. perché, la mia comunione è sempre e soltanto con lo Spirito Santo. io amo i salmi interpretati con il canto. [ ALLELUIA ] Anche se, è stato profetizzato, il sacrificio del mattino e della sera, io non sopporto la sofferenza degli innocenti, nessuna creatura innocente deve soffrire alla mia presenza, perché questo mi farebbe diventare violento, quindi durante il tempo del mio regno terreno, io dichiarerò salvifica, la lode, e così come io ho deciso in terra così sarà fatto in cielo!
revenge Yitzhak Kaduri
coloro che faranno tutto quello che io voglio? io li farò avvicinare a me, e LO SPIRITO SANTO, LI PERDONERà, non farà a loro del male. IO SONO LA PIENEZZA DI TUTTI I DIRITTI UMANI, MA IO NON SONO LA DEMOCRAZIA, IO SONO LA FORMA UMANA PIù ALTA DI GIUSTIZIA, CHE SIA MAI COMPARSA IN TUTTA LA STORIA DEGLI UOMINI, IO SONO LA MONARCHA ASSOLUTA TEOCRATICA LAICA UMANISTICA E METAFISICA! MA, OGGI, PURTROPPO, PIANGE IL MIO POPOLO OPPRESSO IN BABILONIA USA! [ PROFEZIA UNIUS REI ] my Israel [ Salmo: 80. Preghiera per la rinascita di Israele ] Al maestro del coro. Su «Giglio del precetto». 2. Tu, pastore d'Israele, ascolta, tu che guidi Giuseppe come un gregge. Assiso sui cherubini rifulgi, 3. davanti a Efraim, Beniamino e Manasse. Risveglia la tua potenza e vieni in nostro soccorso. 4. Rialzaci, Signore, nostro Dio, fà splendere il tuo volto e noi saremo salvi. 5. Signore, Dio degli eserciti, fino a quando fremerai di sdegno contro le preghiere del tuo popolo? 6. Tu ci nutri con pane di lacrime, ci fai bere lacrime in abbondanza. 7. Ci hai fatto motivo di contesa per i vicini, e i nostri nemici ridono di noi. 8. Rialzaci, Dio degli eserciti, fà risplendere il tuo volto e noi saremo salvi. 15. Dio degli eserciti, volgiti, guarda dal cielo e vedi e visita questa vigna, 16. proteggi il ceppo che la tua destra ha piantato, il germoglio che ti sei coltivato. 17. Quelli che l'arsero col fuoco e la recisero, periranno alla minaccia del tuo volto. 18. Sia la tua mano sull'uomo della tua destra, UNIUS REI, sul figlio dell'uomo che per te hai reso forte. 19. Da te più non ci allontaneremo, ci farai vivere e invocheremo il tuo nome. 20. Rialzaci, Signore, Dio degli eserciti, fà splendere il tuo volto e noi saremo salvi.
revenge Yitzhak Kaduri
PROFEZIA UNIUS REI ] my Israel [ Michea 5:2-4. 2. Perciò, Dio li metterà in potere altrui, fino a quando colei che deve partorire partorirà; e il resto dei tuoi fratelli ritornerà ai figli di Israele. 3. Egli starà là e pascerà con la forza del Signore, con la maestà del nome del Signore suo Dio. Abiteranno sicuri perché egli allora sarà grande, fino agli estremi confini della terra. 4 . e tale sarà la pace: EGLI STESSO SARà LA PACE!
revenge Yitzhak Kaduri
ECCO COME LEGA ARABA, CIA E LA NATO: LORO PORTANO GUERRA CIVILE DISTRUZIONE PREDAZIONE E MORTE NELLE NAZIONI! Cremlino paragona la destabilizzazione della Siria con la rivoluzione di Maidan in Ucraina [ PER I FARISEI MASSONI SALAFITI QUESTA STRATEGIA DI TERRORISMO, LA CHIAMANO "GEOPOLITICA" "TANTO PEGGIO è PER TUTTI, TANTO MEGLIO è PER NOI!" ] 20.12.2015. In Medio Oriente e Nord Africa sono state ampiamente impiegate le tecnologie per la destabilizzazione delle masse simili a quelle utilizzate in Ucraina 2 anni fa, ha rilevato il portavoce del presidente russo Dmitry Peskov. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha segnalato la somiglianza delle tecnologie di destabilizzazione delle masse impiegate in Ucraina 2 anni fa con quelle utilizzate in Medio Oriente e Nord Africa nell'ultimo periodo. Secondo Peskov, si tratta dell'incitamento delle masse al cambiamento violento del regime. "Ecco i punti rossi di queste tecnologie, che si manifestano sempre allo stesso modo. Certamente per molti aspetti quello che abbiamo visto in Ucraina 2 anni fa ha ovviamente molte caratteristiche simili a quello che abbiamo visto in Medio Oriente e Nord Africa,"- ha detto Peskov nel documentario di Saida Medvedeva "Ordine Mondiale" in diretta su "Rossiya 1". http://it.sputniknews.com/politica/20151220/1761466/Siria-Libia-Peskov.html#ixzz3utJqhDlV
revenge Yitzhak Kaduri
quale islamico io lascerò vivere in Siria, ecc.. ecc.. e IN ARABIA SAUDITA? IO SONO LA LEGGE DEL TAGLIONE! GAZA, 20 DIC - Hamas ha condannato la uccisione di Samir Kantar, il miliziano druso-libanese colpito a Damasco in un attacco attribuito ad Israele dai media libanesi. ''Si tratta di un crimine odioso'' ha affermato Hamas, in un messaggio twitter.
=======================
per ONU sharia, BILDENBERG IL NAZISTA MASSONE COMUNISTA, e LEGA ARABA MECCA KAABA: non esiste nel Genere Umano un diritto alla autodifesa! ] [ L'uccisione del comandante di Hezbollah Samir Kantar nei pressi di Damasco - addossata dal gruppo scita libanese ad un raid di stamattina dell'aviazione israeliana non confermato dallo stato ebraico - ha innescato in serata lampi di guerra al confine tra Israele e Libano. Dopo tre razzi sparati nel pomeriggio dal Libano meridionale verso Galilea, e in particolare la città di Nahariya (ad un passo dalla frontiera), aerei israeliani - secondo media arabi, ripresi dalla tv Canale 10 - hanno colpito nel Libano meridionale le postazioni dalle quali erano partiti i tre razzi. L'uccisione di Kantar è avvenuta, secondo gli stessi Hezbollah, in un edificio di un sobborgo di Damasco: "aerei sionisti - hanno detto in una nota, citata dai media - hanno colpito un palazzo residenziale in Jaramana. Il decano dei detenuti liberati dalle prigioni di Israele, il fratello Mujahid Samir Kantar ha avuto il martirio insieme ad altri cittadini siriani". E su twitter Bassam Kantar, fratello di Samir, ha commemorato come "martire" il congiunto. Dopo la notizia, il ministro israeliano dell'energia Yuval Steinitz si è limitato a dire che se il fatto era vero certo non si sarebbe rattristato. Kantar, un druso libanese, aveva scontato circa 30 anni nelle carceri israeliane da dove era stato liberato nel 2008 in cambio dei corpi dei due soldati Eldad Regev e Ehud Goldwasser, rapiti dagli Hezbollah in un'operazione al confine che dette la miccia alla Seconda Guerra del Libano. Il suo nome era legato ad un attentato particolarmente cruento avvenuto 36 anni fa a Nahariya e rimasto nella memoria degli israeliani: nell'aprile del 1979 Kantar, che allora aveva appena 16 anni, sbarcò dal mare con un commando del Fronte della liberazione della Palestina nella cittadina Nahariya. Prima uccise il poliziotto Eliyahu Shahar, poi prese in ostaggio da una casa Danny Haran e la figlia Einat di 4 anni trascinandoli sulla spiaggia. Secondo l'accusa - che lo condannò a lunghe pene detentive - Kantar uccise Haran e fracassò il cranio della figlia Einat con il calcio del fucile, e infine venne catturato. Il miliziano sostenne di non aver ucciso Einat Haran, colpita invece secondo la sua tesi durante il conflitto a fuoco. Nel rapimento morì anche l'altra figlia di Haran, Yael soffocata inavvertitamente dalla madre Smadar per impedirle di piangere e rivelare così dove erano nascoste durante l'irruzione di Kantar. La signora Smadar ha detto che "una giustizia storica è stata compiuta". E Yoram Shahar, fratello del poliziotto ucciso, ha detto "di non avere dubbi che le forze di sicurezza israeliane l'avrebbero raggiunto. Sapevo che stava vivendo giorni contati". Hamas da Gaza invece ha definito via twitter l'uccisione del druso libanese "un crimine odioso".
la dovete smettere di chiamare "martire chi fa l'assassino terrorista di bambini, e di persone pacifiche uccise a tradimento!" e per definizione nessun islamico nazista può essere definito un martire, perché ogni islamico è una minaccia per il genere umano! Secondo l'agenzia di stampa, il fratello Bassam Kuntar ha segnalato la morte di Samir con un post sulla sua pagina Facebook, dove lo ha definito un "martire". Israeli Air Force Reportedly Eliminates Mass-Murderer Samir Kuntar.
The elimination of Hezbollah commander Samir Kuntar in an Israeli Air Force airstrike has been hailed by Israelis from across the political spectrum Sunday. Kuntar was widely reviled in Israel for his role in a 1979 terrorist attack by the now-defunct Palestine Liberation Front, during which terrorists kidnapped an Israeli father and his four-year-old daughter from Nahariya and then brutally executed them on a nearby beach. Kuntar himself beat the young girl to death with the butt of his rifle; her two-year-old sister was accidentally smothered to death by their terrified mother as she stifled her cries to prevent them from being discovered. He was released after serving nearly 30 years of a 47-year sentence in a 2008 prisoner swap with Hezbollah, and was immediately feted as a hero by the Shia Islamist terror group and appointed one of its commanders. He was reportedly targeted in a previous airstrike but emerged unscathed. Israeli jets finally found their target on Saturday night, obliterating a building near Damascus where he had been living with a number of other Hezbollah commanders.
But Israelis aren't the only ones celebrating Kuntar's elimination. In an illustration of the political complexities evoked by Syria's civil war, many members of the predominantly Sunni Muslim Syrian opposition took to social media in the aftermath of the strike to thank the Jewish state for taking him out. Hezbollah has played a key - and brutal - role in propping up the regime of Bashar al-Assad at the behest of Iran, making it a subject of intense hatred for most Sunni Muslims, many of whom previously supported the group for its battle against Israel. A Lebanese Druze by birth, after his release Kuntar was lionized and even granted honorary awards by Syrian dictator Bashar al-Assad himself, as well as Hezbollah and the Iranian government, who highlighted his status as the longest-serving prisoner to be freed in such an exchange with Israel. Yet despite his enormous symbolic value to Iran's so-called "axis of resistance" Kuntar was, in operational terms, a relatively unimportant player inside Lebanon. In recent years, however, Hezbollah sought to use his links to the Druze community to further its goals in Syria, deploying him to the war-torn country's southern provinces to encourage (with ample funds) Syrian Druze to join the pro-Assad National Defense Force paramilitary. By all accounts he failed in his task; though fearful of the Islamist-dominated Syrian rebel movement, Syria's Druze population grew quickly disenfranchised with the Assad regime as well. While the regime was eager to recruit young Druze men to deploy in government strongholds elsewhere in the country, Damascus essentially abandoned the strategically-unimportant Druze heartlands to their fate. Anti-regime protests by disgruntled Druze have been met with bloody regime retribution.Source: Arutz Sheva
20.12.2015. Putin: Occidente non ha diritto di imporre agli altri Paesi la sua idea di democrazia. MA QUELLA DEMONOCRAZIA è UNA TRUFFA MASSONICA E BANCARIA è ALTO TRADIMENTO COSTITUZIONALE, QUANTO A ME UNIUS REI, IO HO Gà DICHIARATO GUERRA A TUTTE LE NAZIONI CHE NON RISPETTANO I DIRITTI UMANI UNIVERSALI SOLENNI, di: ONU 1949: e vi accorgerete di questo! io non faccio sconti a nessuno! http://it.sputniknews.com/mondo/#ixzz3utGO5sJr
revenge Yitzhak Kaduri
Praticamente in Siria chi vuole, si sveglia la mattina e inizia a FARE ATTENTATI, MANDARE TERRORISTI ISLAMICI: E NATO E LEGA ARABA HANNO MANDATO AL NURSA, A FARE GENOCIDI, CROCIFISSIONI DI BAMBINI, RAGAZZI, STUPRO E SGOZZAMENTI DI RAGAZZE, E A FARE I CANNIBALi CHE LA TESTA DI UN UOMO VALE UN EURO: E SI MANGIANO ANCHE IL CERVELLO! NEL SENSO CHE REGALANO E SI NUTRONO SISTEMATICAMENTE DI CARNE UMANA NELLA MACELLERIA: OVVIAMENTE, C'è UNA FATWA SAUDITA CHE CONSENTE LORO DI FARE I CANNIBALI! INOLTRE TUTTI LORO SONO TERRORISTI MODERATI, LA OPPOSIZIONE CON CUI ASSAD DOVREBBE TRATTARE! TURCHIA E ARABIA SAUDITA HANNO AGGREDITO LA SIRIA E IRAQ: senza nemmeno dichiarare guerra al governo ufficiale. La trattano come terra di nessuno ma così non è. Anni di civiltà e diritto internazionale SONO ANDATI distrutti in un attimo, PER COLPA DI ONU E CIA cioè, da noi occidentali in primis: PROPRIO LI, DOVE LA CIVILTà OCCIDENTALE è NATA: ECCO PERCHé OCCIDENTE è Merkel Pravy Sector,Blldenberg, sono soltanto un ANTICRISTO MASSoNE FARISEO SATANISTA. qUINDI SE, VOI VOLETE INCONTRARE I VERI CRISTIANI? VOI DOVETE ANDARE IN CINA, CHE QUESTO è IL VERO MOTIVO PER CUI HANNO DECISO DI DISTRUGGERE LA CINA, ED è anche, IL VERO MOTIVO PER CUI Io LA PROTEGGERò!
revenge Yitzhak Kaduri
conosco un proverbio che dice: "non sempre ride la moglie dell'islamico terrorista SHARIA!" .. e quando questo millantato Osservatorio siriano per i diritti umani, quando i suoi islamici profanavano Chiese, Moschee, e mettevano cristiani, sciiti, ecc.. ecc.. nelle fosse comuni, lui dove era? in Arabia Saudita alla MECCA Kaaba? ORA è IL LORO MOMENTO DI MORIRE! GIRATE LA TESTA E NON GUARDATE: IO NON SONO UN BUGIARDO COME OBAMA E ERDOGAN! ] [ 20 DIC - Un attacco russo sulla città di Idlib, nella Siria nordoccidentale, ha provocato la morte di 36 persone e il ferimento di molti altri. Lo riferisce l'Osservatorio siriano per i diritti umani. Secondo testimoni citati dalla Bbc, tra i luoghi colpiti figurano un mercato delle case e edifici pubblici. La Russia, che ha cominciato una campagna aerea sulla Siria il 30 settembre diretta contro l'Isis ed altri "terroristi", non ha confermato di aver compiuto attacchi nella zona.
revenge Yitzhak Kaduri
soltanto TRUMP potrebbe fermare a guerra mondiale che Rothschild ha ordinato a CIA e NATO di realizzare al più presto e ad ogni costo! NEW YORK, 20 DIC - "Nessuno ha dimostrato che abbia ucciso qualcuno". Cosi' Donald Trump torna a difendere il presidente russo, Vladimir Putin, dopo i complimenti espressi dal leader nei suoi confronti. Secondo il tycoon, riferiscono i media Usa, non ci sono prove che il presidente abbia fatto uccidere i suoi oppositori politici o giornalisti.
revenge Yitzhak Kaduri
se, voi date un biglietto: a tutti i cristiani dl Pakistan? fuggirebbero tutti! in Pakistan i cristiani sono schiavi dhimmi, che, devono morire disperati! la storia di questi assassini Erdogan e Salman? è una storia che deve essere risolta prima della guerra mondiale nucleare, non possiamo ucciderci tra di noi appassionamente, mentre loro, gli islamici del genocidio sharia, maniaci psicopatici: tutti criminali paranoici pedopornografici poligami sgozzatori: sono ancora vivi! KABUL, 20 DIC - Solo nel 2015 il conflitto in corso in Afghanistan ha creato 1,2 milioni di profughi interni. Lo ha reso noto a Kabul la Commissione indipendente per i diritti umani afghana (Aihrc), sottolineando che la principale ragione di questo fenomeno è la mancanza di sicurezza.La presidentessa dell'Aihrc, Sima Samar,ha detto che "le statistiche del 2015 mostrano che un totale di 1.257.552 persone sono state costrette ad abbandonare le loro case,il che significa un incremento del 5% rispetto al 2009".
revenge Yitzhak Kaduri
Russia si meravigliò molto che Turchia avesse tradito Servizi segreti Israeliani in IRAN, così Iran arrestò facilmente le spie di Israele! ] LEGA ARABA SHARIA, è un solo doppio gioco, alto tradimento MECCA KAABA [ ISLAMICI LAVORANO SEMPRE IN PROPRIO! VI PUGNALERANNO TUTTI ALLE SPALLE!
revenge Yitzhak Kaduri
VELTRONI PRODI DALEMA: massoni di merda: anticristo Merkel Mogherini ] il vostro satanico Enlightened Spa Banche Centrali: NWO ha creato: OCI ONU Salafiti waabiti, islamici sharia genocidio, Mecca Kaaba: tutti ONU senza reciprocità e senza diritti umani! riesumandoli dall'inferno il vostro caro NWO vi ha condannati a morte! il vostro NWO se li può, e se li deve rimangiare: allora! LA PECORA che tu sei, NON PUò FARE L'ALLEATO DEL LUPO sharia, questo non è un gioco leale, certo la tua pecora porco Darwin GENDER scimmia: morirà!
revenge Yitzhak Kaduri
Obama Satana SpA NWO FED è uno spastico! NON RIESCE MAI A METTERE UN PASSO AVANTI A ME!
revenge Yitzhak Kaduri
se, voi non intronizzate Unius REI, in ISRAELE regno 12 Tribù: e su tutte le Nazioni del mondo, non soltanto, voi vi farete questa guerra mondiale nucleare Erdogan SALMAN sharia Mecca Kaaba il falso profeta, ma, come dice il libro di Apocalisse, presto vedrete le statue parlare (A.I. biologia sintetica: magia nera: demoni alieni) per fare mettere a morte tutti i traditori del Nuovo Ordine Mondiale!
revenge Yitzhak Kaduri
ed adesso veniamo ad un aspetto veramente inquietante! WINDOWS10 è un delitto contro tutto il genere umano, perché, è un sistema tecnologico a disposizione del Nuovo Ordine Mondiale ed annulla completamente ogni concetto di privacy! il Responsabile di un CONSORZIO mi ha detto che, windows10 si è installato nel suo computer senza il suo consenso! E VOI NON DOVETE DIRE A WINDOWS: "PERCHé TU NON SEI MORTO PER TUTELARE LA NOSTRA PRIVACY?", PERCHé CON UNA PRIVATA SPA, banche centrali spa, PROPRIETà ROTHSCHILD SPA FONDO MONETARIO? POI, OGNI CORRUZIONE DI SISTEMI POLITICI ED ECONOMICI è UNA CORRUZIONE SISTEMICA IMPOSSIBILE DA VINCERE!
revenge Yitzhak Kaduri
ALIENI DISCHI VOLANTI SONO DEMONI! quindi la loro componente invisibile è pari al 999%! Presiedono alla tecnologia delle telecomunicazioni, ecco perché i sacerdoti di satana della CIA, ti possono vedere anche al buio, nella tua camera da letto sotto le lenzuola, perché i tuoi sensi sono dei trasponder per loro, da questo punto di vista, la intuizione di ISIS di rimuovere la parabole satellitari è una precauzione patetica! l'unica difesa che abbiamo contro gli USA è la SANTITà: cioè rispettare con timore la LEGGE della torà!
revenge Yitzhak Kaduri
1. Bibbia GENESI, PARADISO TERRESTRE: RAPPORTO INTIMO DI AMICIZIA CON DIO! è IN CONTRAPPOSIZIONE A: 2. SUDDITANZA AL DIO GUFO MARDUK EPOPEA BABILONESE: TORRE DI BABELE BAAL JABULLON: questo è il Corano Talmudico: QUESTI, sono due sistemi idologici incompatibili! Ecco perché con la Creazione dell'uomo e il suo SUCCESSIVO: tradimento peccato originale: la guerra di civiltà non potrà mai terminare! CAINO ROTHSCHILD, CERCHERà SEMPRE DI UCCIDERE ABELE ISRAELE, SE ABELE NON SAPRà ESSERE PIù VELOCE DI LUI!
revenge Yitzhak Kaduri
quello che mi piace dei sacerdoti cannibali di satana come Bush Rothschild Obama e Kerry, farisei e loro salafiti, è CHE LORO CREDONO NELL'INFERNO, POI, CREDONO IN ME, E POI, CREDONO male, nella loro pervertita MERDA RELIGIOSA: il talmud coranico, ecco perché Obama è caduto in depressione cronica!
revenge Yitzhak Kaduri
Putin ha detto: "non abbiamo nessun problema a collaborare sia con USA che con Assad in Siria". REALLY? ma, USA vanno in Pakistan e bombardano un ospedale di medici senza frontiere, vanno in Siria ed uccidono l'esercito siriano, POI, vanno in Iraq ed uccidono l'esercito iracheno! CHE UCCIDONO, ANCHE, QUALChE ISLAMICO ISIS? QUESTO NON è SIGNIFICATIVO, JIHADISTI SONO ANDATI LI PER MORIRE E REALIZZARE IL CALIFFATO SAUDITA TURCO MONDIALE, POI, loro credono di andare il Paradiso ma si sveglieranno all'inferno, insieme a tutti voi!!
==================
TEL AVIV, 17 DIC. IO MANDERò MIEI MISSILI BALISTICI, SU TUTTA A LEGA ARABA SHARIA PER QUESTA AGRESSIONE! Un razzo SHARIA lanciato da Gaza è caduto in un'area aperta del sud di Israele dove poco prima sono risuonate le sirene di allarme. Lo dice il portavoce militare israeliano secondo cui non sono segnalate vittime.
die SAUDI ARABIA
my ISRAEL ] 4/4 una aberrazione religiosa! [ per tutti i satanisti sistema massonico, e per tutti i satanismi islamici sharia, del falso profeta Maometto: la equazione è istintiva: "distruggere il Regno di ISRAELE, attraverso, una falsa democrazia massonica di ISRAELE: un piccolo buco di culo, continuamente stuprato dai sodomiti GENDER europei, equivale anche a distruggere efficacemene tutti gli scopi di Dio nostro CREATORE nel Mondo intero!
================
LA RUSSIA HA SUBITO LE SANZIONI PERCHé LA CIA HA FATTO UN GOLPE, E LA NATO HA FATTO UN POGROM CONTRO I RUSSOFONI: ATTRAVERSO, I PRAVY SECTOR DELLA MERKEL! 21.12.2015. La decisione di estendere le sanzioni contro la Russia senza tener conto delle opinioni di alcuni Paesi è emblematica del livello di democrazia nell'Unione Europea, ha scritto in un articolo per il quotidiano "Izvestia" il presidente della Duma Sergey Naryshkin.
Le sanzioni contro la Russia sono umilianti e senza logica per l'Unione Europea, ha scritto in un articolo per il giornale russo "Izvestia" il presidente della Duma Sergey Naryshkin. In precedenza il Consiglio dei rappresentanti permanenti dei Paesi della UE (Coreper) aveva approvato la proroga delle sanzioni contro la Russia per altri 6 mesi. "Gli approcci di Bruxelles (come supervisore dell'intero progetto di Washington) nei confronti della Russia si reggono con una serie di errori strategici. L'idea di parlare con noi nella lingua delle sanzioni illegali è senza logica ed ovviamente umiliante per la diplomazia europea," — si legge nell'articolo. Nel suo pezzo Naryshkin osserva contemporaneamente che le sanzioni si introducono ed estendono in nome dei popoli senza che gli stessi si siano espressi in merito, "anche se il peso delle conseguenze economiche grava ancora una volta proprio sulla gente." "La stessa modalità di applicare tali decisioni senza discussione descrive chiaramente il livello di democrazia in Europa", — evidenzia Naryshkin: http://it.sputniknews.com/politica/20151221/1764649/Naryshkin-Duma-Diplomazia-USA-Sudditanza-Democrazia-Ucraina.html#ixzz3uxf4QT2T
21.12.2015. L'aver legato le sanzioni della UE contro Mosca alla risoluzione del conflitto nella parte sud-orientale dell'Ucraina (Donbass) è artificioso e senza fondamento, in questa decisione è palese l'assenza di logica di Bruxelles, hanno dichiarato al ministero degli Esteri russo. "Mosca ha rivolto l'attenzione alla decisione del 21 dicembre della UE riguardo la proroga delle misure restrittive nei confronti della Russia. Siamo costretto ad ammettere che, invece di instaurare una cooperazione costruttiva nell'ambito delle principali sfide moderne, come il terrorismo internazionale, a Bruxelles il Consiglio d'Europa preferisce continuare a giocare miopemente alle sanzioni," — si afferma nei commenti del dicastero della diplomazia russa. "Questo conflitto non è stato fomentato dalla Russia, ma dalle attuali autorità ucraine, che hanno cercato di reprimere l'opposizione del Donbass al colpo di stato di Maidan avvenuto a Kiev nel febbraio 2014. Vale la pena ricordare che il punto di partenza delle crisi registratesi negli ultimi 2 anni in Ucraina è stata la discussione intorno all'associazione di Kiev con l'Unione Europea", — ha evidenziato il ministero degli Esteri russo. Nei commenti si sottolinea che nel comportamento della UE "si registra un'evidente mancanza di logica di Bruxelles, che sta cercando di punire la Russia per qualcosa di cui è estranea, mentre al contrario è coinvolta l'Europa stessa.": http://it.sputniknews.com/politica/20151221/1767175/Russia-Ucraina-Donbass-Minsk-Maidan.html#ixzz3uyKBrcZW
La coalizione guidata dagli Stati Uniti contro il Daesh, afferma di aver distrutto il 90 per cento della capacità di petrolio dell'organizzazione terroristica in Siria e in Iraq. Lo ha riferito la televisione irachena al-Sumaria Lunedi. Giovedì il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che obbliga tutti i paesi a lottare contro le fonti di reddito per i terroristi. Secondo la Russia, la maggior parte del petrolio illegale viene contrabbandata in Turchia e rivenduta sui mercati: http://it.sputniknews.com/mondo/20151221/1765365/Daesh-coalizione-usa-distrutto-90-capacita-petrolio.html#ixzz3uyKkZFfj
Necessità, per i parlamentari del Movimento, di "una cooperazione internazionale dalla quale una potenza come quella russa non può risultare esclusa" e di attenzione a “decisioni interpretabili come provocatorie quali la scelta d’invitare" il Montenegro a entrare nella Nato. "Promuovere e sostenere in sede europea iniziative finalizzate alla revoca del reiterato regime di sanzioni" contro la Federazione russa e "attivarsi concretamente in sede europea perché venga adottato ogni intervento necessario affinché possano essere garantite maggiori risorse utili al risarcimento delle imprese e dei produttori europei danneggiati dall'embargo russo". È quanto il Movimento 5 Stelle chiede al governo italiano in una mozione che verrà discussa oggi pomeriggio alla Camera. Prima firmataria è l'onorevole Marta Grande, membro della Commissione Affari Esteri. Il blog di Beppe Grilla riferisce di un'inchiesta di sette giornali europei del Lena (Leading European Newspaper Alliance) che svela che l'Europa, per effetto delle sanzioni verso la Russia, rischia di perdere due milioni di occupati, con 100 miliardi di euro in meno di esportazioni. In particolare, per l'Italia, l'inchiesta stima un danno sul lungo periodo di quasi 12 miliardi, con una perdita di lavoro per almeno 215mila persone. Per tali motivi, anche attraverso il blog del leader del M5S, i parlamentari chiedono al governo di rimborsare gli imprenditori italiani che hanno subito la riduzione delle esportazioni con la Russia. L'esempio che i 5 stelle fanno è la "cancellazione del contratto tra Gazprom e Saipem — per l'annullamento del progetto South Stream — con un danno stimato di circa 2,2 miliardi di dollari". Sulla base degli ultimi avvenimenti in Medio Oriente e in Siria, al Movimento 5 stelle "risulta sempre più evidente", quindi, la necessità "di una cooperazione internazionale dalla quale una potenza come quella russa non può risultare esclusa", visto che "sta portando avanti importanti e incisive iniziative in campo politico-diplomatico unitamente a un massiccio dispiegamento di forze militari". Questo tipo di cooperazione, tuttavia, per i 5 stelle "può essere minata da decisioni interpretabili come provocatorie quali ad esempio la scelta di invitare" il Montenegro a entrare nella Nato, che "non può non alimentare una già evidenziata 'sindrome da accerchiamento' ed essere perciò interpretata come una gravissima e inaccettabile provocazione": http://it.sputniknews.com/italia/20151221/1766508/M5S-rimborso-perdite-a-causa-delle-sanzioni.html#ixzz3uyLOZnzy
The Most Despised People in the World. Dec 5 2013 | by Bill Warner. The most persecuted group in the world today is Christians. Christians in Nigeria, Egypt, Syria and other nations are murdered, raped, kidnapped, enslaved and persecuted on a daily basis. The reason for the vast majority of all of this violence is that they are Christian among Muslims. But their abuse does not stop with the violence. The perpetrators of violence are measured in the thousands, but the greatest abuse is at the hands of those who should demand that the violence stop. The silence in the face this persecution is denial and justification. The persecutors are few, but the deniers are in the billions. Christians are enjoined to care for all persecuted people, but in particular, they are to care for their own brothers and sisters. They manage to ignore the persecution by doing good works, such as care for the poor. Christians have compassion but no courage to face the enemy who kills them. In Nashville, TN (the buckle on the Bible belt) the favorite indoor sport for those who should be dealing with the enemy, Islam, is going to Family of Abraham events and bridge building dialogues where they dance to the tune of Muslims. There is no problem of meeting with Islam, but the rules of engagement are that nothing will be said that offends Islam. In the parable of the Good Samaritan, an injured man is on the side of the road. Two religious leaders pass him by on the other side of the road. They don’t harm the injured man, they just ignore him. This is the same thing that Christian leaders do at dialogues such as Family of Abraham. They meet with Muslims who adhere to a doctrine that includes killing Christians. But, the leaders will not bring up the Islamic persecution to them. The Christian leadership response to murder of their brothers and sisters is silence. They pass by on the other side of the road. Their silence is consent. But Christians are not the only deniers. Normally, Jews are quick to step forward in the area of charity and support of victims, but not so with persecuted Christians. Some of this denial may be due to a dislike of Christianity, but Jews are no quicker to help their own. If you go to thereligionofpeace.com you will find an amazing data base of jihad attacks since 9/11. The current number of attacks is in excess of 22,000 attacks. It is very instructive to parse the data and see what are the top four nations of jihad attacks. When you put the data on a per capita basis, you get the following countries: Israel, Thailand, Philippines and India. Or by religion: Jews, Buddhists, Christians and Hindus. So Jews are the victims of violence by Islam, but the Jews of America love to go to Family of Abraham events and be as silent as the Christians. But what about the most sensitive victim group – the black American? Victim-ology is the dogma of a myriad black “civil rights” groups with their high priests of race hustles such as Al Sharpton. The most persecuted Christians are in Africa. But the civil rights hustlers of America just love to hang with Muslims as their brothers. All of those dead Africans? Not a problem for African Americans. It is surprising how many Buddhists are being killed in jihad, but is it a surprise that Buddhists never talk about it? And aside from a few Hindu activists, never a word is heard from the Hindu community about their deaths by jihad. The deaths in the Philippines are Catholics and what does Pope Francis say about Islam? He says, Faced with disconcerting episodes of violent fundamentalism, our respect for true followers of Islam should lead us to avoid hateful generalizations, for authentic Islam and the proper reading of the Koran are opposed to every form of violence. Oh, I see. Over 1400 years of Christian deaths at the hands of jihadists means that they were not true Muslims and that the 22,000 jihadic attacks since 9/11 are not authentic. The annihilation of Christianity in Turkey, Middle East and Africa is not the result of “proper reading of the Koran”. The Pope is the perfect candidate for magical thinking and idiot compassion. And notice the little hate speech riff: “avoid hateful generalizations”. Pope Francis, do you mean generalizations such as conclusions that result from reading the Koran, the Sunna, the Sharia and a 1400 year history of the murder of all kinds of Kafirs (non-Muslims)? But, in his own way, Pope Francis is the leader of all Christians. He just happens to have on more elaborate clothing as he practices denial. So, it turns out that Christians are not the most despised group of people in the world. They just happen to be the largest subgroup. The most despised group in the world is the victim of Islam. And whether it is a dead Christian congregation, a murdered apostate, a sad Muslim woman with FGM, or any other victim of jihad, no one will speak out for the victim and against the perpetrator. All leaders share in the shame of being ignorant cowards practicing idiot compassion. How is this to stop? Well, being polite won’t help, because if polite worked, the problem would be solved. The key to our response is that we have the high moral ground. We must oppose the oppressor, Islam, and stand with the oppressed – Christians, Jews, Hindus, Buddhists and all others who are oppressed by jihad. Our opponents, the deniers, support the oppressor, Islam, and ignore and suppress the fate of the victims. The deniers are evil, period. If you are a Christian, get some allies, and come up with a program about the persecuted church. The program could be bringing in some persecuted Christians, such as Copts, to speak to Sunday school classes or doing a long term study of the Armenian holocaust in 20th century Turkey. When you go to leadership, do not ask permission or make a request. Make demands and if those demands are not met, then some form of protest inside your church must be launched. Stand up at services and protest, hand out brochures, do whatever it takes until “leadership” agrees to not pass by on the other side of the road and neglect the dead Christians. Point out their moral position is wrong and evil. Do not be shy. Ask them to use scripture to morally justify their denial and ignorance. Be respectful, but firm and do not stop until good prevails. This is a moral battle and if you are not a Christian, you should do the same in other venues. A possible venue is the local media. Make demands to recognize the victims of jihad and if they are not met, make a protest. Public protest is a powerful tool for change. We must acknowledge the world’s largest human rights tragedy. Being nice is the road to civilizational annihilation. Bill Warner, Director, Center for the Study of Political Islam: http://politicalislam.com/the-most-despised-people-in-the-world/ Use as needed, just give credit and do not edit. www.politicalislam.com
Sodoma GOMORRA E BORDELLO STATALE GENDER DARWIN LE SCIMMIE PAZZE: UE ANTICRISTO DEPRAVATI INZIVOSI BILDENBERG! Folle idea dai Paesi Bassi: "Patente in cambio di sesso" Gli istruttori di guida saranno autorizzati per legge ad offrire lezioni gratis in cambio di prestazioni sessuali da parte degli studenti maggiorenniLa misura introdotta dall'esecutivo olandese ha incontrato però l'opposizione dei cristiani conservatori, che con Gert-Jan Segers hanno attaccato la proposta affermando che gli studenti non avrebbero alcuna licenza per esercitare la prostituzione - legale nel Paese - e non sarebbero in grado di dichiarare le "prestazioni" ai fini fiscali. I ministri della Giustizia e dei trasporti, riporta il Messaggero, hanno però difeso l'iniziaitiva del governo in una lettera al parlamento.
====================
Ci mancava anche questa i bulli islamici a scuola. Hanno al massimo 14 anni, inneggiano alle stragi, devastano oratori, perseguitano le ragazzine "infedeli". E se vuoi punirli rischi grosso
Fausto Biloslavo - Lun, 21/12/2015 «I terroristi di Parigi? Hanno fatto bene» è la frase shock pronunciata a scuola da un minorenne pachistano di 14 anni. http://www.ilgiornale.it/news/cronache/ci-mancava-anche-questa-i-bulli-islamici-scuola-1206598.html
PERCHé NESSUNO HA IL CORAGGIO DI CONDANNARE LA SHARIA? Eliminare Daesh, anche noto come Stato Islamico o ISIS, "non porrà fine" alla minaccia globale da gruppi jihadisti, secondo un rapporto del Centro sulla religione e geopolitica - un think tank gestito dalla Tony Blair Faith Foundation. Ci sono circa 15 gruppi minori con 65.000 combattenti pronti a riempire il vuoto derivante da una sconfitta di Daesh in Siria e in Iraq per mano della coalizione guidata dagli Stati Uniti, ha detto il centro, aggiungendo che «l'Occidente rischia di cadere in un fallimento strategico concentrandosi solo sull’IS. Sconfiggere militarmente il gruppo non porrà fine al jihadismo globale. Non possiamo bombardare una ideologia, ma la nostra guerra è ideologica. " Secondo il rapporto, circa il 60 per cento dei combattenti delle fazioni ribelli in Siria si identifica con l'ideologia religiosa o politica simile a quella dei propagandisti di Daesh. "Il pericolo più grande per la comunità internazionale sono i gruppi che condividono l'ideologia dell’Isis, ma vengono ignorati sul campo di battaglia per sconfiggere il gruppo". Guppi che includono affiliati di al-Qaeda come Jabhat al-Nusra e Ahrar al-Sham potrebbero competere per prendersi il palcoscenico in modo da assicurare e finanziare i combattenti a livello mondiale che vengono attualmente attratti da Daesh, dice il rapporto, avvertendo che meno di un quarto dei ribelli intervistati non avevano un’ideologia. La campagna militare occidentale contro Daesh deve essere accompagnata da una "sconfitta intellettuale e teologica dell'ideologia perniciosa che lo guida", ha sostenuto il centro.
=====================
Il giorno sorprendente in cui il diavolo lodò l’Immacolata Concezione di Maria. Durante un esorcismo in Italia nel 1823, due sacerdoti domenicani fecero riconoscere al demonio il dogma che sarebbe stato promulgato 30 anni dopo. 18 dicembre 2015. 8 dicembre 1854: papa Pio IX promulgò il dogma dell’Immacolata Concezione di Maria.
25 marzo 1858: nella festa dell’Incarnazione del Verbo, la Santissima Vergine apparve a Lourdes a Santa Bernadette e confermò il dogma dicendo: “Sono l’Immacolata Concezione”.
Già trent’anni prima, però, un altro fatto soprannaturale e sorprendente aveva confermato l’Immacolata Concezione della Vergine Madre di Dio, e a confessarla era stato qualcuno da cui non ce lo aspetteremmo mai. L’episodio è stato riferito da padre Gabriele Amorth.
Era il 1823. Il diavolo aveva posseduto un giovane analfabeta di appena 12 anni, residente nell’attuale provincia di Avellino. In città c’erano due religiosi domenicani, padre Gassiti e padre Pignataro, entrambi autorizzati dal vescovo a compiere esorcismi.
I sacerdoti fecero una serie di domande al diavolo che possedeva il bambino, tra le quali una sull’Immacolata Concezione.
Il diavolo confessò che la Vergine di Nazareth non era mai stata sotto il suo potere, neanche dal primo istante della sua vita, perché era stata concepita “piena di grazia” e tutta di Dio.
Pur essendo il “padre della menzogna”, il diavolo può essere obbligato nell’esorcismo a dire la verità, anche in materia di fede. È così che i due sacerdoti esorcisti lo costrinsero a riverire la Madonna e a lodare la sua Immacolata Concezione in forma di versi.
Umiliato, il diavolo si vide costretto in nome di Cristo a cantare la gloria di Maria, e lo fece mediante un sonetto perfetto a livello di costruzione e di teologia!
Ne riproduciamo il testo:
Vera Madre son Io d’un Dio che è Figlio
e son figlia di Lui, benché sua Madre;
ab aeterno nacqu’Egli ed è mio Figlio,
in tempo Io nacqui e pur gli sono Madre.
Egli è mio creator ed è mio Figlio,
son Io sua creatura e gli son Madre;
fu prodigo divin l’esser mio Figlio
un Dio eterno, e Me d’aver per Madre.
L’esser quasi è comun tra Madre e Figlio
perché l’esser dal Figlio ebbe la Madre,
e l’esser dalla Madre ebbe anche il Figlio.
Or, se l’esser dal Figlio ebbe la Madre,
o s’ha da dir che fu macchiato il Figlio,
o senza macchia s’ha da dir la Madre.
==============
BILDENBERG LO HA DETTO, E GAY LOBBY GENDER DARWIN GLI SCHIAVI DHIMMI GOYM, SI DEVONO ALLIENARE A TROIKA I DEBITORI SCHIAVI ROTHSCHILD: PERCHé, anche, IN GENOCIDIO GRECI ALLAH è AKBAR! ] 21 DIC - La Grecia utilizzerà in tutti i documenti pubblici il termine Palestina e non più 'Autorità palestinese'. Lo ha annunciato il premier Alexis Tsipras in conferenza stampa congiunta con il presidente dell'Anp Abu Mazen (Mahmoud Abbas), alla vigilia del voto del Parlamento ellenico che domani chiederà il riconoscimento dello Stato Palestinese, passando una mozione non vincolante per l'esecutivo.
================
tutto è per la gloria di Sharia SALMAN ALLAH AKBAR MECCA KAABA ] 'Bimbi-kamikaze' si fanno esplodere in Nigeria, sei morti. Avevano tra i 10 e i 15 anni. Si sono fatti esplodere contro un checkpoint nello stato del Borno. Sospetti sul gruppo terroristico di Boko Haram
===================
di questo Dio, che akbar Allah non ti taglia la testa? almeno un buon piatto di spaghetti rimane! 'Chiesa spaghetti volanti' celebrerà matrimoni. Adepti venerano un mostro di spaghetti con scolapasta in testa.
Benjamin Netanyahu EIH, SONO SIMPATICI I TUOI "AMERI-CANI 666" CHE TI HANNO RIEMPITO DI ARMI PER FARTI MEGLIO AMMAZZARE! BAY BAY Benjamin Netanyahu
Al‑Masjid al‑Haram KAABA Pietra Nera VAGINA SATANICA SHARIA Moschea del Profeta
===================
ALLA VIGILIA DEL MASSACRO GUERRA MONDIALE VOLUTO DAI BANCHIERI MASSONI SPA FMI NWO, I POPOLI EUROPEI SONO STREMATI DALLA FAME E DALLA DISPERAZIONE! Che fine avrà fatto la Grecia? Sono in molti a chiederselo, visto che le peripezie elleniche sono sparite dalle prime pagine dei giornali dopo che Tsipras ha piegato il capo alle richieste dell’UE. Se il dramma che il popolo greco sta vivendo è adesso ignorato dalle cronache significa che i pennivendoli lavorano solo per fare la propaganda che viene chiesta loro di fare da chi li stipendia. La Grecia rappresentava un titolone facile finché veniva messa in pericolo la supremazia degli euroburocrati, quando ad essere messi in gioco erano quegli interessi economici e finanziari dei burattinai che muovono i fili delle redazioni occidentali. Superato il fastidioso impasse ellenico, ecco che di come vivano oggi i greci, degli effetti delle imposizioni della Troika, delle prospettive di un Paese non più sovrano nessun giornale mainstream se ne occupa più. Perchè la permanenza forzata all'interno del club UE ha un costo sociale elevatissimo che, chissà come mai, non fa notizia. Grecia e UE, ancora insieme? Grecia, verso la ricapitalizzazione delle banche. Da nessun giornale a tiratura nazionale abbiamo sentito che per ottenere il via libera ai nuovi aiuti finanziari il governo greco — minacciato dai creditori — abbia dovuto ritirare un pacchetto di misure economiche con finalità sociali. Il fatto che senza questo pacchetto oltre 2,5 milioni di greci non possano accedere alla sanità pubblica, dopo i tagli intimati dalla UE e dal Fmi e messi in pratica dai vari Papandreou, Papadimos e Samaras, è una notizia troppo scomoda per essere resa pubblica: sarebbe infatti difficile per i media dire che la "democratica" Unione Europea blocca un disegno di legge che prevedeva tariffe sociali per l'elettricità, agevolazioni per l'accesso ai servizi sociali per le famiglie con almeno tre figli, lavori socialmente utili per i disoccupati, l'offerta di pasti agli alunni delle scuole elementari. Quindi molto meglio oscurare l'informazione e tappare gli occhi ai cittadini, per non mostrare il vero volto delle politiche dell'UE. Invece per i giornalisti è molto più semplice e remunerativo in termini di consenso mostrare la povertà e la mancanza di diritti di certi Paesi del Medio Oriente, ma solo di alcuni, quelli non alleati con l'Occidente, è ovvio. Peccato che in questo modo si costruisca una immagine distorta e al servizio di una campagna militare di pseudo-liberazione. Raccontare di un popolo occidentale piegato dalle richieste insensate ed egoiste di alcuni Paesi europei sarebbe un atto eversivo in un secolo di pace apparente tra i popoli del nostro continente. Ed è così che nel silenzio generale si passa da una democrazia a una dittatura democratica. Tsipras: 4 anni per cambiare la Grecia. Nei Tg nazionali sono state riportate almeno le cifre diffuse dal Comitato greco dell'UNICEF in un rapporto dal titolo "La Condizione dell'Infanzia in Grecia", che analizza la situazione dei bambini nella penisola ellenica. In questo studio sono contenuti dati estremamente preoccupanti. Il 23% dei bambini è povero; i minorenni che vivono sotto la soglia di povertà sarebbero oltre 400.000; le famiglie povere sono il 20,1% della popolazione (per un terzo dei casi sono nuclei familiari composti da un unico genitore). Una percentuale preoccupante se letta insieme al fatto che in 8 anni di crisi una persona su quattro ha perso il proprio posto di lavoro. E a questa drammatica fotografia si aggiunge che il 90% delle famiglie, risiedenti nei quartieri più poveri, deve affidarsi per la sopravvivenza alla banca del cibo e alle mense dei poveri. Il 28,7% delle famiglie con bambini si sono trovate in condizione di povertà o esclusione sociale, e cifra che arriva al 34,7% per le famiglie con adolescenti. Crisi economica ucraina, mendicante in centro a Kiev, “Per le decisioni di Kiev gli ucraini hanno stipendi più bassi che in Africa”Infine la Grecia ha la più alta percentuale di bambini sottopeso dei paesi OCSE. Con dati del genere è veramente peculiare che i giornalisti concentrino le proprie attenzioni sull'Africa o sull'Asia invece di lanciare inchieste sulla situazione di quello che possiamo considerare il cortile di casa. Come possiamo chiamarci esportatori di valori e di diritti se non li si riesce a garantire — anzi non li si difende proprio — all'interno dei propri confini? Da definire "coloniali" non sono soltanto le politiche europee, ma tutto il giornalismo nel Vecchio Continente, perché abbraccia cause a seconda della convenienza, invece di ricerca una verità. E come si scardina la dignità di un popolo? Semplice lavoretto da euroburocrati non eletti: a fronte degli 86 miliardi di conto presentato per gli aiuti "concessi" dai creditori la scorsa estate, il governo Tsipras ha dovuto ridurre di 1,8 miliardi gli stanziamenti per le pensioni. Deve essere chiaro: i politici greci hanno fatto degli sbagli, ma qual è la linea oltre la quale la cura diventa sanzione, anzi malattia? Persino nel sistema penale si parla di pene rieducative e non esclusivamente punitive. Da anni sulla Grecia sembra che si sperimenti la somministrazione di acido invece che di antibiotici. Ma in gioco vi è non solo una generazione di greci, ma anche una generazione di futuri cittadini europei. Con quale visione dell'Occidente cresceranno? http://it.sputniknews.com/economia/20151221/1764238/grecia-sparita-dai-mass-media.html#ixzz3uysFGpLc
OBAMA è UN COGLIONE CHE lui PENSA, NO! LUI NON PENSA PERCHé è DAL NEUROLOGO, CIOè, CHE 666 SPA NWO KAABA, GLI FANNO PENSARE, CHE IO SONO UN FELINO, simbolo, leone della tribù di Giuda
==============
cioè, i gay per donare il sangue? loro si fanno tutte: sorelle suore di: clausura: tutte con cintura di ferro castità: Monaca di Monza, perché, i batteri intestinali fecali escrementi Sodoma inquinano il sangue, per essere Darwin Obama GENDER, i più evoluti con qualche, scala evolutiva in assestamento Gmos, ancora piccolo difetto imperfezione evoluzione virus Cattolico ribelle omofobo, fanatico beghino religioso bigotto, da correggere ancora? ] QUESTA è UNA NUOVA FRONTIERA EVOLUTIVA PER LA moderna modernista CANONIZZAZIONE SANTITà CATTOLICA! [ Aids: in Usa revocato il bando a vita per le donazioni di sangue dei gay. Nuove restrizioni impongono un anno astinenza sesso a donatori. 21 dicembre 2015
==================
questo (Abu Antar) che, lui faceva il doppio agente sciita segreto di: IRAN e SIRIA, ( come diceva 187AudioHostem, lui era sempre a fare lo amico dei sacerdoti di satana della CIA: sulla pagina di youtube/user/youtube/discussion ma, però, lui era sempre mio nemico, che, diceva di essere cristiano per anni! Poi, disse che le ragazze musulmane erano le più pulite ragazze del mondo! e tutti capimmo che era soltanto un altro musulmano ipocrita falso traditore di un bugiardo assassino sharia Mecca Kaaba! Quando, a me, ieri, una studentessa italiana, che viveva con due studentesse musulmane una libanese ed una tunisina, era disgustata da entrare nel bagno dopo di loro, perché, i loro vestiti sintetici di estate le facevano sudare molto, e perché mangiavano cipolle crude, così come noi mangiamo le mele!
21.12.2015. Una folla di 5mila persone chiede elezioni anticipate - contro la corruzione dilagante - e un referendum popolare che respinga l’adesione del Montenegro alla Nato. I manifestanti hanno pacificamente intonato cori con gli slogan "Nato, assassini", riferendosi ai bombardamenti subiti nel 1999, che hanno provocato molte vittime nel Paese.

 21/12/2015 ISLAM-EUROPA L’immigrazione musulmana in Europa: le origini, i fallimenti e le prospettive. È necessaria una revisione dell’islam. In Europa si importa dai Paesi arabi un islam emozionale, vittimista, conflittuale, che vuole dominare il mondo, basato su interpretazioni storiche superate. Occorre che il mondo musulmano assimili elementi della cultura europea (ragione, progresso, diritti umani,…) per un dialogo con il mondo occidentale. Altrimenti è la scomparsa o la guerra. http://www.asianews.it/notizie-it/L%E2%80%99immigrazione-musulmana-in-Europa:-le-origini,-i-fallimenti-e-le-prospettive-36217.html
Pubblicato il 29 lug 2014. Un messaggio per tutti i musulmani da dentro il luogo più sacro dell'Islam, Dentro la Kaaba- Messaggio Evangelico per Musulmani. Islamikando
https://www.youtube.com/watch?v=WJVR1FLBPPI
youtube ] sbloccami [ niente panico! non sono lo stupido che pubblica qualcosa durante il mio orario di servizio!
tra pochi minuti entrerò nuovamente in servizio, attraverso l'ora di ricevimento dei genitori, quindi mi asterrò da fare pubblicazioni, anche  se sarò libero e non verrà nessuno!
revenge Yitzhak Kaduri
Islamici hanno la pena di morte, come per la legge del taglione, quindi non si dovrebbero lamentare quando noi applichiamo la loro stessA legge, contro crimini così aberranti, che oggettivamente, non possono mai andare in prescrizione, nei confronti di un terrorista recidivo ideologico e impenitente! per ONU sharia, BILDENBERG IL NAZISTA MASSONE COMUNISTA, e LEGA ARABA MECCA KAABA: non esiste nel Genere Umano un diritto alla autodifesa! ]
youtube amore google ] io ho fatto così tanti "copia incolla" di TUTTI i miei articoli, anche in siti di cui io ho perso le credenziali di accesso, che correggere o manipolare i miei articoli è oggettivamente impossibile! Nessuno troverà articoli corretti, cancellati, o storicità di pubblicazione edulcorati! non ho portato rettifiche o correzioni ai contenuti dei miei articoli! li ho stratificati, implementati, ma, non li ho mai corretti! ne ho mai rimosso contenuti sensibili! anche perché NON HO mai AVUTO CONTENZIOSI IN SEDE DI TRIBUNALE!
SE ISRAELE è ANCHE TERRA ALLAH CAABA, POI, ANCHE, TUTTO IL MONDO APPARTIENE A LORO!
BRASILE CINA RUSSIA INDIA ] [ poiché anche voi siete entrati nel FMI? poi, io adesso, io non so più chi è il mio nemico, ma, voi sarete perdonati soltanto se nel NWO hanno deciso di sterminare la LEGA ARABA

Islam sharia coranico dogmatico di Maometto? ipocrisia falsità dissimulazione spergiuri e tradimenti? TUTTO I FARISEI ED I SALAFITI POSSONO UTILIZZARE PER RAGGIUNGERE I LORO SCOPI! il genocidio ummah di tutti i popoli del mondo? un NUOVO medio-evo di orrore GENOCIDIO SUPERSTIZIONE E BRUTALITà? è oggi totalmente presente, quindi, la nostra minaccia mortale è una minaccia incombente! Ma, io non farò scrivere ai farisei talmud REGIME MASSONICO: i registi della storia: GLI ESPERTI DI INGEGNERIA SOCIALE PER SATANA, questa NUOV pagina di storia, nel loro libro della loro storia!
Maometto? questo è un dono suo! ] [  22 DIC - La violenza contro le popolazioni civili perpetrati nel nord-est della Nigeria e nei paesi limitrofi hanno costretto più di 1 milione di bambini a lasciare la scuola. Lo riferisce l'Unicef. In tutta la Nigeria, il Camerun, il Ciad e il Niger, sono oltre 2mila le scuole che attualmente restano chiuse a causa del conflitto. La cifra di 1 milione si aggiunge ai circa 11 milioni di minori in età scolare che erano già tagliati fuori dalla scuola nella regione prima dell'inizio della crisi.
================
TEL AVIV, 22 DIC - "Non possiamo accettare il terrorismo da qualsiasi parte arrivi". Lo ha detto il premier Benyamin Netanyahu riferendosi all'attacco ad una casa palestinese a Beitilu. "C'è un terrorismo arabo che combattiamo, ma con mio sconforto a volte ci sono attacchi terroristici di ebrei e i nostri servizi operano anche contro di loro".
    ======================
Ex agente CIA: la Turchia è fuori controllo. Senso di impotenza degli Stati UnitiSecondo l’ex agente della CIA, la decisione del ritiro dei caccia americani dalla Turchia significa che gli Stati Uniti cominciano a vivere una politica più prudente nei confronti di Ankara, che ancora una volta ha confermato i suoi legami con il gruppo terroristico del Daesh: http://it.sputniknews.com/mondo/#ixzz3v3Pm8pD5
la invasione pianificata dopo il terrorismo pianificato: il crimine turco! ] 22.12.2015. Davutoglu: Turchia intende schierare più truppe in IraqIl primo ministro della Turchia ha dichiarato l'intenzione di schierare truppe aggiuntive nel nord dell'Iraq. Lo riporta l'agenzia Bloomberg: http://it.sputniknews.com/mondo/#ixzz3v3Pu6nCZ
22.12.2015. L’Europa è della Germania, tutti gli altri zitti e mosca. Presidente del Consiglio Renzi, nella conferenza stampa seguita all’incontro dei vertici europei di pochi giorni fa ha dichiarato di non aver affatto attaccato la Germania e che mai si sognerebbe di farlo: http://it.sputniknews.com/mondo/#ixzz3v3QFG78b
ah perché no? 22.12.2015. All’Europa non va giù l’embargo alimentare russo per l’Ucraina. Non ci sono motivi per una tale emozione lì, ha detto Alexei Ulyukayev. Secondo lui, la parte russa è stata chiara sulle conseguenze se non si fosse raggiunto alcun accordo: http://it.sputniknews.com/mondo/#ixzz3v3Qpc6nO
SI, MA SALMAN ED ERDOGAN NON NE SARANNO CONTENTI! 22.12.2015. Kenya, musulmani proteggono cristiani da Al Shabaab. L'episodio a nord del Kenya, dove un gruppo di musulmani ha evitato l'ennesima carneficina a bordo di un bus da parte dei terroristi. Eroico gesto in Kenya. Un gruppo di cittadini musulmani si è opposto all'uccisione di alcuni cristiani da parte di uomini di Al Shabaab, evitando la carneficina. L'episodio, secondo quanto riportato dai media locali, si sarebbe registrato nel nord del Paese, dove agisce da anni il gruppo fondamentalista sunnita alleato di al Qaeda, nei pressi di El Wak, dove un bus con a bordo diversi passeggeri cristiani e musulmani  stato fermato da un commando di miliziani. "Ammazzateci tutti musulmani e cristiani, oppure lasciateli andare". Queste le parole che sarebbero state pronunciate da uno dei passeggeri di fede islamica all'indirizzo dei terroristi. Il gesto avrebbe fatto desistere i miliziani dal portare a termine le esecuzioni che erano in procinto di eseguire: http://it.sputniknews.com/mondo/20151222/1769876/kenya-musulmani-cristiani-terroristi-assalto.html#ixzz3v3RiaGXy
NON è POSSIBILE, CONSERVARE IL GENERE UMANO CON 50 NAZIONI SHARIA NAZISTI ISLAMICHE SENZA RECIPROCITà!



Vogliamo qui sottolineare i passi principali della nostra procedura interna.

a) la vittima dovrebbe riferire dell'abuso, direttamente o tramite una persona di fiducia, al prete, religioso o collaboratore ecclesiale appositamente nominato dal Vescovo in ogni diocesi del Sudafrica (i nomi di queste persone saranno disponibili in ogni parrocchia).

b) Una volta in possesso di informazioni rilevanti, la persona scelta discuterà il rapporto con il delegato del Vescovo (ci sono quattro delegati nominati dal Vescovo nelle quattro province di Bloemfontein, Capetown, Durban e Pretoria).

c) Il delegato del Vescovo convocherà prontamente un incontro del Comitato di Condotta Professionale Provinciale (una squadra composta da preti e religiosi, un terapeuta professionale, un assistente sociale, un avvocato civile e un incaricato dei rapporti con i media).

d) Dopo aver informato l'accusato che nei suoi confronti è stata elevata una denuncia, il comitato provinciale avvierà un processo formale di accertamento.

e) Due funzionari saranno nominati per interrogare la vittima, l'accusato e i testimoni.

f) Dopo l'accertamento, i funzionari forniranno un rapporto scritto con le loro osservazioni al Comitato Provinciale.

g) Quest'ultimo dopo aver esaminato il rapporto fornirà le proprie considerazioni all'autorità ecclesiale, che dovrà prendere gli appropriati provvedimenti nei confronti di chi ha commesso l'abuso.

Il processo è lungo ed è stato pensato in modo tale da rispettare i diritti delle persone coinvolte. Ha un doppio obiettivo: garantire giustizia alla vittima e riabilitare il colpevole.

La procedura disciplinare interna della Chiesa sarà sospesa quando lo Stato comincia ad occuparsi del caso. Una volta che il corso della giustizia criminale è stato completato, la Chiesa deve ancora seguire il proprio protocollo. Quando una persona colpevole di abuso sessuale ha scontato la propria condanna in carcere, è dovere della Chiesa decidere se e a quali condizioni questa persona possa essere reintegrata alle sue funzioni ecclesiali con la dovuta sicurezza.

Le stesse procedure disciplinari interne devono essere applicate nei casi in cui vi sia evidenza, sufficiente per obiettivi amministrativi, che una persona è colpevole di abuso sessuale anche se tale persona è stata assolta dal sistema giudiziario del paese.

In quanto Chiesa siamo consapevoli che l'aver messo a punto procedure e politiche sane è soltanto il primo passo teso ad assicurare che i diritti delle persone siano rispettati e che gli abusi sessuali da parte di personale ecclesiale siano trattati con la necessaria severità e prontezza. Le strutture del protocollo ecclesiale sono aperte ad aggiornamenti e revisioni alla luce dell'esperienza, di nuove conoscenze o di nuove leggi.

Consapevole del pericolo che personale ecclesiale colpevole di abusi sessuali possa essere trasferito da una diocesi all'altra senza che il Vescovo che lo accoglie ne sia a conoscenza, il Comitato di Condotta Professionale, a livello nazionale, è stato investito del compito di raccogliere dati riguardanti li abusi sessuali nella Chiesa.

Inoltre i Vescovi Cattolici del Sudafrica stanno preparando una Lettera Pastorale che esaminerà in termini più dettagliati quello che in questa sede abbiamo brevemente delineato. La lettera si occuperà del problema dell'abuso sessuale commesso da preti, religiosi e collaboratori ecclesiali, ma anche della sua grande diffusione nella società in genere, e chiamerà ogni cattolico a cooperare concretamente per sfidare la mentalità di omertà che ancora circonda i crimini e le trasgressioni sessuali.

Questo è un tempo in cui la Chiesa deve trovare il coraggio di parlare e agire. Continueremo a fare tutto quel che possiamo per proteggere gli innocenti dagli abusi. Faremo tutto il possibile per far sì che coloro che hanno subito un abuso sessuale non siano condannati a soffrire in silenzio la colpa e la vergogna inevitabilmente inflitti loro.
Note

[*]Presidente della Conferenza dei Vescovi Cattolici Sudafricani
Mercoledì, 16 luglio 2003

Arrestato per pedofilia un sacerdote a

 Bolzano

Avrebbe compiuto abusi sessuali per 5 anni su una bambina oggi maggiorenne che ha denunciato il religioso dopo una cura psicanalitica

BOLZANO - Don Giorgio Carli, 40 anni, sacerdote della parrocchia Don Bosco a Bolzano è stato arrestato il 14 luglio scorso con l'accusa di atti sessuali contro minori. E non si tratta di un prete qualunque. A Bolzano Don Giorgio è molto noto perchè cura una rubrica quotidiana mattutina sull'emittente Radio Sacra Famiglia. Egli è inoltre impegnato ad organizzare spettacoli e attività che coinvolgono il mondo giovanile.
Da poco la Curia lo aveva destinato a una nuova parrocchia, dove avrebbe dovuto occuparsi di bambini tra i 9 e i 12 anni. Ed è per tale motivo, per impedire cioè il ripetersi del reato, che il pm Cuno Tarfusser ha chiesto al Gip l'ordinanza di custodia cautelare.

La vicenda ha preso le mosse dalla denuncia di una ragazza oggi maggiorenne, che ha querelato Don Giorgio Carli dopo una cura psicanalitica "che avrebbero rimosso i blocchi psicologici che le impedivano di ricordare compiutamente i fatti accaduti nella sua infanzia".

I magistrati sono stati impegnati nell'inchiesta per mesi, e ora, dopo l'arresto, stanno interrogando tutti i testimoni.

La vicenda degli abusi di don Giorgio Galli nasce in un ambiente ecclesiastico caratterizzato da forte sessuofobia. Ricordiamo che alcuni mesi fa proprio la curia Vescovile di Bolzano si era decisamente schierata contro il registro delle unioni di fatto. La repressione della sessualità porta inevitabilmente a fenomeni di violenza di cui sono sempre più spesso vittime i bambini e le bambine. Anche questo caso, infine, mette bene in evidenza come la pedofilia non possa essere associata con l'omosessualità ma anzi essa nasce nell'ambito di ambienti sessuofobici e repressivi.


Mercoledì, 16 luglio 2003

Abusi sessuali.
La Polonia non fa eccezione

Da Adista

Tylawa-Adista. Abusi sessuali. La Polonia non fa eccezione. Padre Michal Moskwa, parroco sessantaquattrenne di Tylawa, un piccolo villaggio della Polonia meridionale, affronterà quest'autunno un processo nel quale dovrà difendersi dall'accusa di aver abusato sessualmente di sei bambine. Il dibattimento rappresenta l'atto conclusivo di un'inchiesta cominciata nel luglio del 2001 e avvalsasi di varie testimonianze, fra le quali particolare rilievo assume quella di Ewa Orlowska, madre di due delle presunte vittime ed essa stessa un tempo molestata dal parroco. Orlowska sostiene di aver dovuto sopportare le attenzioni di Moskwa dai 7 agli 11 anni, evitando in seguito di rivelare il tutto per paura di non essere creduta e di venire ostracizzata dalla comunità. Solo quando alcuni osservatori esterni arrivarono a Tylawa per documentare le accuse rivolte al parroco si sarebbe sentita in grado di uscire allo scoperto. Quello di Moskwa è il primo caso, in Polonia, in cui il velo di omertà e di paura è stato sollevato per far luce su un crimine sessuale commesso da un uomo di Chiesa. Dopo di esso, altri religiosi sono stati denunciati e chiamati a rendere conto della loro condotta, ma per lungo tempo è stato pressoché impossibile, nel cattolicissimo Paese che ha dato i natali a Karol Wojtyla, porre all'attenzione dell'opinione pubblica un problema così scottante. La Chiesa polacca, del resto, ha sempre mantenuto il più stretto riserbo in merito a simili accuse, evitando di pronunciarsi ufficialmente anche dopo le dimissioni, nel marzo 2002, dell'arcivescovo Juliusz Paetz, grande amico di Giovanni Paolo II ed egli stesso accusato di avances sessuali nei confronti di alcuni giovani seminaristi.


Mercoledì, 08 ottobre 2003

Contro i preti di Boston

Droga, sesso e violenze: le prove sui religiosi pedofili. Il documento mina la fiducia, crollano le offerte alla Chiesa


dal nostro inviato VITTORIO ZUCCONI

WASHINGTON - Tremila pagine di vergogne indicibili, un "faldone" processuale pesante come una macina da mulino appesa al collo della cattolicissima Boston, della sua diocesi, della Chiesa americana tutta che tenta di non affogare nella bancarotta finanziaria, e soprattutto morale, nella quale si è trascinata.
Sarebbe facile chiamare il processo di Boston contro il molto poco reverendo Paul Shanley e, indirettamente, contro il Cardinale Law, un calvario, perché questa che vediamo nell'aula del tribunale non è una scalata al cielo, ma una discesa all'inferno, percorsa da bambini tormentati da chi li doveva guidare, da novizie stuprate e sedotte nel nome di Cristo, di cocaina in oratorio, di ménage a trois, di scene da orridi conventi medioevali, non da diocesi nel secolo XX.
Eppure questo brulica fuori dal sepolcro di ipocrisia scavato da una gerarchia di vescovi e di cardinali più preoccupati di "sopire e sedare", di evitare lo scandalo, piuttosto che di punire i colpevoli e di proteggere il gregge. Ora i giornali ci sguazzano, il Boston Globe riempie pagine intere con i documenti presi dal faldone processuale, e così fanno le televisioni, le radio, così facciamo noi perché ci consoliamo al pensiero di farlo per il bene.
Ma che cosa ci può essere di bene nel prete che tirava di cocaina davanti ai catechisti affidati a lui, che offriva a donne tossicodipendenti una "linea" in cambio di sesso a tre o quattro, del direttore spirituale nel convento delle novizie che le toccava e le molestava spiegando loro che quelli erano i contatti con il corpo di Cristo? Niente, se non la rabbia che a Boston, come nelle altre diocesi d'America squassate da dozzine di casi come questi, si sta alzando contro i prìncipi e i pastori della Chiesa che nascondevano la verità a loro stessi, prima che ai fedeli. E giocavano alle tre cartine con i preti pedofili, drogati, corruttori spostandoli di parrocchia in parrocchia dopo qualche tentativo a vuoto di psicoterapia.
Tutti sapevano tutto, dentro le stanze della curia, e nessuno faceva niente. Sulla lettera di accompagnamento per un prete dimesso da un centro di rieducazione, padre Robert Burns, e sottoposta al cardinale Law perché fosse riassegnato, c'è una notazione a mano a grandi lettere, problem: children, è un pedofilo. E padre Burns fu mandato a lavorare in una parrocchia del vicino New Hampshire, nel 1982 e soltanto nove anni, e molte denunce di stupro su bambini piccoli, dopo, nel 1991, fu finalmente rimosso con una lettera di encomio di cardinale.
La curia di Boston, la città del cattolicesimo irlandese e poi italiano, fiera della propria primazia gerarchica, di avere prodotto il primo e unico presidente cattolico, Kennedy, tentava di rimescolare la carte, di muovere da una parrocchia all'altra gli almeno 57 preti che in questi anni venivano denunciati, nella disperata illusione, come scrisse il vescovo ausiliario Madeiro, oggi cardinale di New Orleans, "che ricominciare da zero, in ambiente nuovo" potesse aiutare questi disgraziati fratelli a emendarsi, perché i sacerdoti sono sempre troppo pochi, perché le messe non hanno mai abbastanza celebranti, perché la speranza della grazia, del pentimento, della resurrezione non voleva morire in un pastore.
Le tremila pagine diffuse dal giudice che presiede la causa contro padre Shanley raccontano una storia ben diversa. Ci sono le lettere terrificanti contro un certo padre Morissette, che attirava le vittime in sacrestia mostrando loro raccolte di materiale pornografico. C'è la denuncia di una parrocchiana contro Thomas Forrey, dal quale lei era andata per chiedere aiuto a salvare il proprio matrimonio e fu percossa, violentata e sistemata in una casa che padre Forrey aveva costruito per lei, tenendola schiava con le botte e con il ricatto della rivelazione vergognosa, fino a quando lei trovò la forza di denunciarlo.
E'facile immaginare i giorni di sconforto e di scoramento, nelle vecchie stanze della curia al centro di Boston da dove si vede attraverso i mosaici dei vetri il porto dal quale il "gregge" arrivò per decenni, tra pie statue e vecchi libri, quando tre novizie trovarono il coraggio di fare il nome di padre Robert Meffan, che le aveva convinte a fare sesso con lui spiegando che quello sarebbe stato "il matrimonio con la Chiesa" e che lui portava a loro "il secondo avvento di Cristo" nella fusione mistica di "carne e spirito".
Eppure ancora e ancora, almeno dal 1984 quando Bernard Law divenne cardinale di Boston, le risposte della gerarchia furono evasive, minimizzatrici, addirittura apologetiche. O consumate in piccole transazioni private con le vittime, tacitate con piccole somme, con la temporanea rimozione del reprobo o intimidite dalla potenza di una diocesi troppo importante per una novizia sedotta o per un bambino violentato, anche se portava i filmini girati da un complice del prete, durante l'atto.
Fino a quando il paravento di porpora non ha retto più e la legge, i pubblici ministeri, i giudici lo hanno strappato. Troppe denunce, troppe testimonianze, troppi documenti e soprattutto troppe vittime - 470 soltanto nel processo in corso contro padre Shanley, che ha prodotto le 3 mila pagine - perché tutto fosse mitomania di donne e di uomini, avarizia di avvocati, concorrenza di altre confessioni che, nel mercato americano della religione, competono per le anime e i borsellini del popolo.
Il lungo silenzio della Chiesa cattolica si ruppe a Chicago, a Milwaukee, a New York, a New Orleans, a Miami, a Washington. I Pm e i giudici costrinsero monsignori e vescovi a deporre, minacciando anche il Cardinale Law di carcerazione se non avesse consegnato i documenti, perché nessuno, né un Cardinale di Santa Romana Chiesa né un Presidente, può sottrarsi alla legge o rifugiarsi, in un caso tanto atroce, sotto le sottane del Quinto Emendamento e non rispondere.
Una prima condanna tributò 500mila dollari alla vittima di un prete bostoniano. Milioni di dollari li seguirono, mentre i fedeli, nella colletta domenicale, cominciavano a tirare indietro la mano dal bussolotto, inorriditi, scandalizzati da "queste rivelazioni di orrore indicibile" come le chiama la portavoce della Curia, la signora Morissey e decisi a boicottare il Cardinale Law che non si dimette.
E ancora nessuno aveva visto il faldone delle tremila pagine, sentito il peso del macigno. Si mormora di una prossima dichiarazione di bancarotta, di insolvenza, da parte della Curia di Boston che è, come tutte le Curie americane, una società privata non profit, dove tutto è formalmente di proprietà del Cardinale in carica. Ma ci vorranno anni, non dollari, perché una madre di Boston possa lasciare il proprio bambino a un prete senza tremare.
(5 dicembre 2002)


Lunedì, 19 gennaio 2004

In Gran Bretagna la Chiesa Cattolica paga

 indennizzo per abusi sessuali

La Chiesa cattolica inglese pagherà un indennizzo di 460.000 euro ad un uomo di 38 anni vittima di abusi sessuali da parte di un sacerdote negli anni '70. Per la prima volta, secondo i legali dell'uomo, la Chiesa si è fatta carico dei problemi psicologici sofferti per il resto della vita a causa delle violenze subite durante l'infanzia. Simon Grey è stato molestato da padre Christofer Clonan per circa sei anni. Da grande, Grey ha assunto spesso comportamenti violenti ed è stato alcolizzato."Non riuscivo a mantenere un lavoro - ha raccontato l'uomo - il più lungo è stato per sei mesi. Ho finito col darmi fuoco, provocandomi bruciature profonde e ho passato sei mesi in ospedale (da Repubblica on line 13.1.2004)


Lunedì, 19 gennaio 2004

Usa: 4450 preti denunciati per abuso di

minori

Notizia tratta dal sito
http://www.reporterassociati.org

Speciale!
di redazione


17 Feb 2004


OLTRE 4.450 PRETI DENUNCIATI PER ABUSO MINORI DA 1950


Roma, 17 febbraio 2004 -- (Apcom) - Un totale di 4.450 sacerdoti degli Stati Uniti sono stati denunciati per abuso sessuale a minori fra il 1950 e il 2002. Lo rivela uno studio commissionato dalla Conferenza episcopale cattolica dell'America del Nord. David Clohessy, presidente dell'Associazione che raggruppa le vittime di questo tipo di abuso (Snap), ha già detto che la cifra è "troppo bassa". Lo studio, che sarà pubblicato il 27 febbraio, afferma che, secondo un'analisi dei dati della Chiesa cattolica statunitense durante il periodo succitato, 4.450 sacerdoti furono oggetto di 11.000 denunce di abuso a minori. Ciò significa che alcuni sacerdoti furono protagonisti di ripetuti abusi. Così il 25% dei preti sospettati furono accusati in due o tre occasioni, il 13% fra le quattro e le nove, e il 3% oltre le 10, si legge sullo studio di cui ne dà notizia l'edizione digitale del quotidiano spagnolo "El Mundo". Il 78% dei bambini che presumibilmente subirono gli abusi avevano fra gli 11 e i 17 anni, il 16% fra gli 8 e i 10 e il 6% meno di 7 anni. Sempre secondo lo studio delle 11.000 incriminazioni circa 6.700 furono investigate e confermate mentre oltre 1.000 si rivelarono false e oltre 3.300 non furono indagate perché al momento dell'accusa i preti erano deceduti. Circa 11.000 sacerdoti servirono nella Chiesa cattolica negli anni coperti da questo studio realizzato dal collegio universitario John Jay di giustizia penale, con sede a New York.


Martedì, 17 febbraio 2004

Documento Vaticano sui pedofili
La tolleranza zero è contro-producente

Da ADISTA febbraio 2004

32218. CITTÀ DEL VATICANO-ADISTA. Un lavoro gomito a gomito con persone competenti e qualificate per identificare potenziali responsabili di abusi sessuali e per garantire la totale sicurezza dei minori: è questo l'obiettivo fissato dal Vaticano per risolvere la questione degli abusi sessuali da parte di membri del clero e sistematizzato in un documento di 220 pagine della Pontificia Accademia per la Vita, dal titolo "Abuso sessuale nella Chiesa cattolica: Prospettive scientifiche e legali". Il documento rappresenta il primo tentativo di esaminare la questione in modo onnicomprensivo, analizzandone anche le cause psicologiche, le procedure di monitoraggio, il tasso di recidiva, nonché gli effetti sulle vittime e le possibilità di successo di una terapia per i responsabili. In linea generale, il documento, che prende le mosse da un simposio scientifico tenuto in Vaticano lo scorso aprile, di cui riporta gli atti, verrà inviato alle Conferenze episcopali ai primi di marzo. A descriverne contenuti e prospettive è il "Catholic News Service" (18/2). Assolutamente inedita per un documento vaticano è l'insistenza sugli aspetti clinici del problema dell'abuso sessuale. Pur basandosi sull'esperienza degli Stati Uniti, il documento critica la politica di "tolleranza zero" che lì è stata adottata, suggerendo invece una sorta di sacerdozio protetto, lontano da bambini, per i preti colpevoli, che non verrebbero così troppo isolati. Gli esperti intervenuti, non cattolici, che operano nel campo della psichiatria, della psicologia e della psicoterapia, hanno espresso parere negativo sulla tolleranza zero (definita una soluzione "controproducente"), perché questa dissuaderebbe i preti in questione dal cercare aiuto prima di commettere reato e dal farsi curare dopo: potrebbe lasciarli emotivamente devastati e delegherebbe le responsabilità alla società, dove il controllo e la supervisione sono per forza di cose minori. È apparsa vincente l'opinione dello psichiatra infantile tedesco Jorg Fegert, che ha suggerito l'adozione di un'unica e uniforme politica valida per tutta la Chiesa a livello mondiale. Quanto all'identikit del prete pedofilo, gli esperti hanno ravvisato tratti comuni ad altri soggetti pericolosi per i minori: disordini sessuali e della personalità, abuso di sostanze, danni neurologici o cerebrali. I preti pedofili hanno però un'educazione più elevata, meno antisociale e meno tendente alla recidiva rispetto ad altre categorie di pedofili. Un elemento chiave è la cura e la riabilitazione dei preti in questione. Si parla di farmaci e di psicoanalisi, ma la maggior parte degli esperti ha raccomandato caldamente un "cocktail" di tecniche cognitive behaviouristiche e consulenza spirituale. Tuttavia la deviazione sessuale che sta alle origini dell'abuso sui minori, hanno detto concordi gli esperti, è qualcosa che non si può curare. È già un grande successo, hanno detto, quando il soggetto riesce a controllare il proprio impulso, ma non vi è situazione scevra da rischi. Perlomeno il tasso di recidiva, secondo studi recenti, è sceso con i metodi cognitivi dal 17 al 10%. Altro tema importantissimo trattato nel documento è l'accettazione o meno di candidati omosessuali nei seminari. Lo psichiatra della Harvard Medical School, Martin Kafka, ha detto che l'omosessualità non è causa di abuso sessuale quanto piuttosto "un fattore di rischio probabile" che va ulteriormente studiato. Sta di fatto che nei casi di abuso sessuale nella Chiesa la grande maggioranza riguarda preti omosessuali che molestano maschi adolescenti. Per William Marshall, canadese, è tuttavia irrealistico pensare che i candidati al sacerdozio abbiano chiara la loro identità sessuale. E il celibato? È un fattore di rischio per l'abuso sessuale? Certamente un celibato vissuto positivamente, è stato detto, può essere un elemento chiave nella lotta all'abuso, e la Chiesa dovrebbe accertarsi che i preti abbiano la forza spirituale di viverlo con serenità; di qui la necessità di concentrare l'attenzione sul celibato come chiave di volta nella questione degli abusi. Per quanto attiene alla prevenzione, il seminario, con il suo ambiente chiuso, è stato detto, offre un terreno privilegiato per il monitoraggio dei fattori di rischio. Resta da definire il "livello di rischio" che i vescovi locali sono disposti a correre prima di chiudere eventualmente le porte del sacerdozio ad un candidato. È stata prospettata, a scopo di sostegno nei primi anni di sacerdozio, la possibilità di istituire gruppi di supporto: una via, per i giovani preti, per esprimere liberamente disagi e problemi.


Mercoledì, 25 febbraio 2004

Nuovo caso di pedofilia ecclesiastica in

 Italia: prete di Colleferro arrestato

E'stata un'indagine lampo quella che ha portato all'arresto di Don Paolo Mauro Pellegrini, il parroco di Colleferro arrestato dai carabinieri della compagnia Casilina di Roma. Gli uomini del maggiore Oronzo Greco hanno concentrato in una settimana gli accertamenti necessari a verificare le dichiarazioni di un 18enne che ha denunciato di aver subito abusi sessuali per quasi quattro anni. Nell'abitazione del prete sono stati ritrovati anche alcuni filmini che aveva girato con le sue giovani vittime. L'arresti risale alla scorsa settimana ma la notizia è trapela solo ieri 26 febbraio. L'accusa nei confronti di don Pellegrini, 51 anni, e'di violenza sessuale aggravata e atti sessuali con minori.
Singolare è la dichiarazione che il prete arrestato ha rilasciato al momento del suo arresto e che è stata riportata da alcuni organi di stampa. «Devo curarmi, lo so, sto cercando di curarmi, aiutatemi», avrebbe detto don Mauro Pellegrini. La dichiarazione è singolare perché viene dopo l'arresto e il dichiararsi malato suona come un vero e proprio alibi dietro cui nascondere le proprie responsabilità. Sarebbe anche interessante sapere se i suoi superiori sapevano e non hanno fatto nulla. Da quello che molti organi di stampa hanno riportato sembrerebbe che gli atteggiamenti di don Pellegrini non fossero ignoti alla stessa popolazione di Colleferro. Già nel '98 il prete di Colleferro era stato raggiunto da una denuncia per atti osceni contro un minore.
Ma il vescovo di Colleferro dice di non sapere nulla: «Vediamo, aspettiamo, per il momento è solo indagato - dice monsignor Giovanni Maria Erba, vescovo della diocesi di Segni e Velletri da cui dipende la chiesa di San Gioacchino di cui è parroco don Pellegrini -. Il sacerdote verrà sospeso soltanto se le accuse verranno provate e se ci sarà una condanna. Noi non sapevamo nulla, non conoscevamo questa situazione, ora siamo sconvolti». Una dichiarazione tutta dalla parte del prete che, come da tradizione, la chiesa ha sempre difeso anche di fronte all'evidenza, salvo riservarsi poi il diritto di condannarlo in proprio. Nessun accenno alle vittime, a coloro che porteranno per sempre nella propria psiche le violenze subite.


Venerdì, 27 febbraio 2004

Ancora pedofilia ecclesiastica questa

volta a Bari

Rinviato a giudizio frate domenicano



di Paola D'Anna

Una vera e propria antologia dell'orrore quella che è stata rinvenuta nell'abitazione di un frate domenicano di Bari, Giancarlo Locatelli di 44 anni, segretario dell'Istituto di teologia ecumenica "San Nicola" di Bari, uno dei referenti della Parrocchia di San Nicola, presso l'omonima Basilica.. Un centinaio le foto pedopornografiche sequestrate al frate già un anno fa ma di cui si è avuto notizia solo ieri quando si è svolta l'udienza per il rinvio a giudizio del frate.
Le fotografie sono state acquistate via Internet, utilizzando una carta di credito, da una società americana, e poi scaricate sul computer del frate. Il materiale era stato scoperto dai carabinieri durante una perquisizione nell'appartamento, nel 7 maggio 2002.
Il frate avrebbe collezionato le fote per un anno, dal 31 maggio 2001 al giorno in cui è avvenuta la perquisizione. Le indagini sono state svolte nell'ambito di una più vasta operazione di polizia denominata "Peter Pan", e che l'8 maggio 2002 impegnò 300 carabinieri del Comando di Biella che realizzarono 150 perquisizioni in abitazioni e uffici con il sequestro di migliaia di cd rom, videocassette, foto e pc portatili. Oltre al frate barese, tra gli indagati scoperti avvocati, medici, ingegneri, tecnici informatici, 141 persone sparse in 43 province italiane. L'inchiesta ha portato alla luce un vero e proprio mercato della pornografia minorile i cui fruitori erano persone di tutte le età dai 20 ai 60 anni. In tutti i casi si è verificato sia l'uso di internet che di carte di credito.

Alla prova dei fatti la difesa di Padre Giancarlo Locatelli si è dimostrata falsa. Egli aveva asserito che le carte di credito, utilizzate per navigare nei siti a luci rosse e comprare fotografie di piccoli indifesi, gli erano state rubate giorni prima che fosse registrato l'accesso in Internet. Ma il contenuto del suo PC non ha lasciato aditi a dubbi da cui la decisione del rinvio a giudizio del frate che però continua a svolgere le sue funzioni religiose come se nulla fosse.
Come al solito in questi casi, anche la Curia barese ha preferito non commentare la vicenda ne prendere alcuna iniziativa contro il frate domenicano che ha continuato, fra l'altro, a svolgere il suo lavoro di segretario dell'Istituto di teologia ecumenica di Bari.


Mercoledì, 03 marzo 2004

Abusi sessuali dei preti
Processi ordinari per i preti colpevoli

Da Agenzia ASCA

Lo chiedono tre teologhe curatrici di un numero speciale della rivista teologica internazionale ''Concilium''.

(ASCA) - Roma, 17 giu - In ogni caso di violenza sessuale e di abuso verso minori i sacerdoti e religiosi responsabili dovrebbero essere sottoposti a processi ordinari e non ecclesiastici. A chiederlo sono tre teologhe (la tedesca Regina Ammicht-Quinn, l'irlandese Maureen Junker-Kenny e la statunitense Hille Haker) che hanno curato l'ultimo fascicolo della rivista internazionale di teologia ''Concilium''dedicato al tema degli abusi sessuali che hanno prodotto una grave crisi nella Chiesa cattolica. Le stesse teologhe rifiutano di ridurre la questione a semplice problema di omosessualità, criminalizzando perciò gli omosessuali, perché la violenza sessuale é opera anche di eterosessuali.

 Il titolo del numero della rivista é ''Il tradimento strutturale della fiducià', e trova una spiegazione non solo nel corso dei servizi scritti per la maggior parte da donne, ma specialmente nelle conclusioni firmate dalle tre teologhe.

Esse partono anzitutto da una richiesta di perdono alle vittime. ''Chiediamo perdono alle vittime - scrivono le teologhe -, siamo loro grate per il coraggio di aver rotto il silenzio, proviamo vergogna per i crimini della nostra chiesa e chiediamo che sia fatta giustizia nei confronti delle vittime e dei sacerdoti che si sono resi colpevoli, senza che ci si limiti a una riparazione o a una condannà'.

E'stata messa gravemente in gioco ''l'autorità etica del sacerdoté'sostengono le tre teologhe e neppure i vescovi che hanno trattato la questione, si sono resi conto del terremoto avvenuto e che ha convinto i fedeli che vige tuttora ''un disprezzo dei fedeli trasformatosi in strutturà'. Ma questo ''é il tradimento del cuore di ciò che é fondamentale per questa chiesa: tradimento della sequela di Cristò'.

Le tre teologhe, anche in quanto donne e madri, chiedono perciò alla chiesa di ''affrontare la questione di come ricreare l'autorità del sacerdoté'. ''Non possiamo e non vogliamo tollerare strutture che consentono a singoli sacerdoti e vescovi di ledere, o in alcuni casi addirittura distruggere, la salute psichica di alcune persone.

Non possiamo e non vogliamo tollerare decisioni e prassi più orientate al mantenimento di relazioni autoritarie che al consentire esperienze e pratiche di fede che mettano al centro dell'attenzione la vulnerabilità di ogni essere umano.

Non possiamo e non vogliamo tollerare che non sia fatta giustizia nei confronti di sacerdoti che hanno sorpassato i limiti di ogni comportamento ammissibile nei confronti di bambini e ragazzi.

 Tale giustizia può venire cercata solo in processi situati al di fuori del coinvogimento di una situazione specifica, come dovrebbe essere in ogni caso di violenza sessuale; nel nostro caso significa: i processi devono essere processi extra-ecclesiastici. In tal caso i sacerdoti - spiegano le autrici - non possono essere semplicemente ripudiati dall'istituzione in cui spesso hanno vissuto e lavorato per decenni. La responsabilità della chiesa non termina con la consegna degli atti processuali al pubblico ministero incaricato. In ogni sistema giuridico moderno esiste la pena, per il bene della vittima, ed esiste la riabilitazione, per il bene del colpevole.

 Nel suo rapporto con i sacerdoti interessati, la chiesa deve considerare entrambi i versanti dela giustizia. Con sorpresa e indignazione osserviamo come, in ambiti ecclesiastici e sociali, la violenza sessuale venga associata all'omosessualità, come reazione ai casi di abuso sessuale nella chiesa. Il fatto che spesso non esclusivamente, le vittime siano state bambini e adolescenti maschi, non deve trasformarsi in pretesto per ridare vita a pregiudizi latenti e criminalizzare l'omosessualità, come se le persone omosessuali, a causa della loro tendenza sessuale, fossero più inclini degli eterosessuali a esercitare violenza sui minori. Noi prendiamo le distanze da questa insinuazione espressa frequentemente ma assurda e ci aspettiamo dalla nostra chiesa che faccia lo stesso, pubblicamente e con chiarezzà'.

 Se poi si dovesse scoprire che non solo nelle chiese occidentali ma anche in quelle del Sud fosse vivo il problema della violenza sessuale, nasce allora ''una responsabilità della chiesa tutta per un ripensamento alle radici delle strutture ecclesiastiche e una revisione alle radici dell'ecclesiologia. La questione dell'autorità etica dei sacerdoti non può essere intesa solo come una questione di virtù o di comportamento, ma deve essere tematizzata come problema strutturale dell'identità e del ruolo dei sacerdoti, come problema dell'interazione sociale in relazioni asimettriche e come problema della funzione di controllo e tutela dei vescovì'. E'solo l'inizio di un processo che sarà lungo, ma, secondo le teologhe, pone un interrogativo sulla sopravvivenza stessa del messaggio cristiano in occidente come messaggio che incide sulle persone e sulla cultura.

 ''La violenza sessuale compiuta e nascosta nella chiesa e attraverso le strutture di potere ecclesiastiche, confuta l'umanitarismo del messaggio cristiano. Solo una conversione secondo lo spirito biblico potrebbe evitare ''la sconfitta di Dio nella Chiesa di Dio".


Martedì, 22 giugno 2004

Brescia
Accuse di pedofilia: la curia difende 3 suoi

sacerdoti

A cura di Paolo Pavin

Da Il Mattino di Padova

Brescia. La procura di Brescia mette sotto indagine 3 sacerdoti sospettati di abusi sessuali su bambini, i sacerdoti reagiscono addirittura dal pulpito e la Diocesi li tutela respingendo le loro dimissioni e difendendoli pubblicamente. Sullarete intranet diocesana circola una lettera molto forte in cui si parla di un clima da inquisizione. L'inchiesta però é partita dopo la denuncia di alcuni bambini di una scuola materna pubblica (2 le maestre arrestate a settembre) e poi con episodi analoghi segnalati in istituti religiosi. Ma il clima si é arroventato in questi ultimi giorni, quando la procura ha chiuso la seconda inchiesta sugli abusi sessuali: nell'inchiesta figurano fra gli indagati ben 3 sacerdoti.

A Brescia, come a Boston, come a Sidney, come a Vienna... la chiesa cattolica (e in primis il Pulcinella di Roma) continua a proteggere gli stupratori di bambini.


Mercoledì, 23 giugno 2004

Il post scriptum da Concilium 3 del 2004

 sulla pedofilia

I supposed Him to exist only within the walls of a church - in fact, of our church - and I also supposed that God and safety were synonymous. The word "safety" brings us to the real meaning of the word "religious" as we use it (JAMES BALDWIN)1.

Chiediamo perdono alle vittime, siamo loro grate per il coraggio di aver rotto il silenzio, proviamo vergogna per i crimini della nostra chiesa e chiediamo che sia fatta giustizia nei confronti delle vittime e dei sacerdoti che si sono resi colpevoli, senza che ci si limiti a una "riparazione" o una "condanna".

La crisi in cui è incappata la chiesa cattolica con i crimini ai danni di bambini e ragazzi, è la nostra crisi. Siamo membri di una chiesa che - ancora una volta - ha taciuto; ha coperto uomini che hanno leso irreparabilmente la salute psichica di alcuni bambini; per anni ha passato sotto silenzio crimini che in altri contesti spingono immediatamente all'azione i pubblici ministeri. Negli anni passati molte cose sono state scritte e accertate; di molte altre noi, come membri della chiesa e parte dell'opinione pubblica, continuiamo a rimanere all'oscuro.

Questo è quanto sappiamo: siamo di fronte a una catastrofe doppia e su un duplice piano. Bambini e ragazzi sono stati trasformati in vittime, nel luogo più sensibile e intimo immaginabile della loro identità, da coloro che avrebbero dovuto guidarli e proteggerli; queste vittime sono state tradite da coloro che, come comunità, intendono rappresentare un segno di santità nel mondo.

La fiducia è una componente necessaria di ogni chiesa viva. Qui si è abusato di questa fiducia su entrambi i piani della catastrofe; non sappiamo ancora se sia stata definitivamente distrutta. Il tradimento delle vittime è allo stesso tempo anche il tradimento della fiducia nei rappresentanti della chiesa a cui, conformemente al loro ufficio, spetta la responsabilità particolare di strutturare la propria autorità in modo etico. Il tradimento della fiducia è il tradimento della convinzione secondo cui i sacerdoti e i vescovi devono rendere metro del proprio agire la responsabilità etica nei confronti di coloro con cui comunicano in quanto sacerdoti e vescovi; in caso contrario la loro autorità diventa esercizio autoritario di potere, indegno di una chiesa.

Questo tradimento, che si esprime in ogni singolo caso dell'esercizio di violenza e che si è protratto nel modo in cui la chiesa e i vescovi hanno gestito le violenze, non ci scuote solo come individui; scuote le fondamenta della chiesa come luogo della sequela di Cristo. Soltanto: la chiesa non ne viene scossa. Risarcimenti in denaro, dimissioni di vescovi, sospensioni di sacerdoti dal loro ufficio sono tutti quanti dei passi estremamente necessari, e tuttavia non di rado non sono stati accordati come cosa ovvia alle vittime, ma si sono dovuti strappare e devono essere strappati mediante processi lunghi e complicati.

Molti credenti sono scossi come individui; sembra dubbio che tale sconvolgimento, al di là dello sbigottimento personale, sfoci in uno sconvolgimento delle strutture. Non riusciamo a liberarci dall'impressione che qui si stia "sbrigando" un problema, che siano state modificate alcune procedure, ma che in ogni caso si siano evitati gli interrogativi di fondo. Questi interrogativi di fondo sono quelli relativi alla struttura di una chiesa che punta su una gerarchia impossibile da mettere in discussione "dall'esterno", generando così mentalità strutturalmente "adeguate" nei presbiteri e in chi dipende da loro. Invece di porsi questi interrogativi e analizzarli, proprio negli ultimi anni la posizione del sacerdote nella liturgia e alla guida della comunità è stata ancor più rafforzata, difendendo così una struttura gerarchica a svantaggio di una comunicativa. Per quanto necessari siano quindi i singoli passi per scoprire e trattare le violenze, essi non possono risolvere il problema che abbiamo posto al centro della discussione: che cosa succede a una chiesa a cui molte persone tolgono la propria fiducia? Come può essa, in generale, andare incontro a persone che tornano sempre ad affidarsi alla chiesa e, nella chiesa, ai suoi sacerdoti? I sacerdoti - non soltanto loro, ma, appunto, anche loro e, sotto certi punti di vista, soprattutto loro - incontrano spesso bambini, adolescenti e adulti in situazioni "di soglia" che presentano un alto grado di intimità. In situazioni del genere - nella guida spirituale in situazioni esistenziali difficili, come l'assistenza ai malati o un funerale, ma appunto anche nella prassi sacramentale della santa comunione, della confessione e del matrimonio - la fiducia è l'elemento costitutivo affinché la prassi di fede sia di per sé resa possibile. Se manca questa fiducia, la prassi di fede si muta in un simulacro, nell'apparenza di se stessa.

Per un lungo intervallo di tempo nella storia della chiesa la fiducia nel rapporto tra sacerdoti e credenti è stata generata solo strutturalmente: non attraverso la personalità, bensì attraverso l'ufficio e la comprensione reciproca. Questo e non la persona del sacerdote era considerato essenziale all'interazione. Ma in questa forma tale maniera strutturale di intendere la persona del sacerdote come intermediaria non è più valida da tempo. È stata sostituita da una visione individualizzata in cui il sacerdote acquisisce autorità in conformità del proprio ufficio nonché della propria persona. Solo così è in grado di compensare il disorientamento che spesso accompagna le situazioni di soglia. L'autorità etica del sacerdote che, nonostante tutto il risalto dato al popolo di Dio e allo Spirito nel concilio Vaticano II, nella concezione della chiesa cattolica continua a essere al centro dell'interazione di fede, è particolarmente evidente in relazioni doppiamente asimmetriche, cioè in quelle relazioni che non sono asimmetriche soltanto per la struttura di interazione della gerarchia ecclesiastica, ma anche, in aggiunta, per la particolare vulnerabilità di una delle due parti. Questa particolare asimmetria è sempre presente nel caso di bambini e ragazzi. Esiste anche in altri contesti, come per esempio nelle scuole materne o nelle scuole per i più grandi; qui, però, gli educatori e gli insegnanti sono soggetti a un controllo particolare: abusi e violenze vengono immediatamente sottoposti all'azione penale, nella misura in cui - o meglio, non appena - se ne viene a conoscenza. Nel caso delle relazioni asimmetriche nella chiesa, molti dei vescovi, in quanto superiori responsabili, hanno agito in base al motto: «Ciò che non deve esistere, non esiste e anche se esistesse lo stesso, almeno non parliamone, altrimenti esisterebbe davvero». In questa strategia esistono dei colpevoli, ma essi vengono nascosti o resi invisibili, attraverso reprimende, trasferimenti oppure, oggi, sospensioni. Chi per molto tempo non è entrato nella visuale dei vescovi sono le vittime.

Quando dei sacerdoti hanno tradito la fiducia di chi era loro affidato, i vescovi (cor-)responsabili di questi sacerdoti hanno doppiamente tradito i fedeli: "dimenticandoli" e lasciandoli soli con i sacerdoti in questione. Per l'esistenza della vittima il primo tradimento è determinante. Per noi, membri della chiesa, il secondo tradimento è inconcepibile e insostenibile: esso non si basa sui crimini di "singoli" sacerdoti, magari sottoposti a una pressione eccessiva, talvolta anche malati, bensì sul disprezzo dei fedeli trasformatosi in struttura. Questo è il tradimento del cuore di ciò che è fondamentale per questa chiesa: tradimento della sequela di Cristo.

I vescovi hanno visto se stessi - talvolta prevalentemente, talvolta esclusivamente - come responsabili nei confronti dei loro sacerdoti, che non di rado hanno protetto. Non hanno evidentemente visto una responsabilità al di là della loro struttura di potere, una responsabilità verso i deboli e la parte lesa, perché ciò avrebbe dovuto portarli a prendere sul serio le vittime nonché la tutela dei fedeli ben prima della coraggiosa diffusione in pubblico delle accuse. Eppure unicamente tale responsabilità verso i deboli è quanto distingue l'autorità etica del sacerdote da una posizione di potere violenta. L'autorità si muta in potere quando la vulnerabilità di altre persone viene sfruttata per procurarsi dei vantaggi, di qualunque natura essi siano. La violenza sessuale dei sacerdoti verso persone da loro dipendenti si fonda su un tale abuso di autorità che si muta in potere. I sacerdoti che esercitano il potere per mezzo e attraverso la sessualità - una sessualità al cui esercizio rinunciano (devono rinunciare) nella loro identità di sacerdoti cattolici - non soltanto compiono un atto criminale, non soltanto non rendono giustizia all'identità che hanno scelto, ma ledono inoltre anche l'istituzione del sacerdozio come autorità etica e distruggono il messaggio che rappresentano come persone e detentori del loro ufficio.

Che cosa dunque si richiede alla chiesa?

La chiesa deve affrontare la questione di come (ri-)creare l'autorità del sacerdote. Tale questione non può essere intesa unicamente come questione dell'identità individuale di coloro che hanno scelto e continuano a scegliere il sacerdozio. È anche un interrogativo rivolto all'istituzione: la preparazione, la guida e il controllo dei sacerdoti nell'adempimento del loro ufficio sono una cosa, la conformazione strutturale delle interazioni tra sacerdoti e credenti un'altra, la questione teologico-ecclesiologica relativa alla forma della chiesa una terza.

Noi, le curatrici di questo fascicolo, siamo teologhe. Siamo donne. Siamo madri. Non di rado, nella prospettiva delle strutture tradizionali della chiesa, stiamo "dall'altra parte", per cui non siamo noi a decidere dove, di volta in volta, vadano tracciati i confini. Siamo cristiane, cattoliche, membri di comunità in cui anche i nostri figli devono avere e trovare uno spazio. Non possiamo e non vogliamo tollerare strutture che consentono a singoli sacerdoti e vescovi di ledere, o in alcuni casi addirittura di distruggere, la salute psichica di alcune persone. Non possiamo e non vogliamo tollerare decisioni e prassi più orientate al mantenimento di relazioni autoritarie che al consentire esperienze e pratiche di fede che mettano al centro dell'attenzione la vulnerabilità di ogni essere umano. Non possiamo e non vogliamo tollerare che non sia fatta giustizia nei confronti di sacerdoti che hanno sorpassato i limiti di ogni comportamento ammissibile nei confronti di bambini e ragazzi. Tale giustizia può venire cercata solo in processi situati al di fuori del coinvolgimento di una situazione specifica, come dovrebbe essere in ogni caso di violenza sessuale; nel nostro caso significa: i processi devono essere processi extra-ecclesiastici.

In tal caso i sacerdoti non possono essere semplicemente ripudiati dall'istituzione in cui spesso hanno vissuto e lavorato per decenni. La responsabilità della chiesa non termina con la consegna degli atti processuali al pubblico ministero incaricato. In ogni sistema giuridico moderno esiste la pena, per il bene della vittima, ed esiste la riabilitazione, per il bene del colpevole.

Nel suo rapporto con i sacerdoti interessati, la chiesa deve considerare entrambi i versanti della giustizia. Con sorpresa e indignazione osserviamo come, in ambiti ecclesiastici e sociali, la violenza sessuale venga associata all'omosessualità, come reazione ai casi di abuso sessuale nella chiesa. Il fatto che spesso, ma non esclusivamente, le vittime siano state bambini e adolescenti maschi, non deve trasformarsi in pretesto per ridare vita a pregiudizi latenti e criminalizzare l'omosessualità, come se le persone omosessuali, a causa della loro tendenza sessuale, fossero più inclini degli eterosessuali a esercitare violenza sui minori.

Noi prendiamo le distanze da questa insinuazione - espressa frequentemente ma assurda - e ci aspettiamo dalla nostra chiesa che faccia lo stesso, pubblicamente e con chiarezza.

Altrettanta scarsa utilità ha l'equiparare in blocco la violenza sessuale alla malattia o alla pedofilia. Può senz'altro esserci un nesso tra disturbi psichici e violenza sessuale, ma ciò non può essere generalizzato e usato come meccanismo di discolpa. È evidente soltanto che anche per i colpevoli è necessaria una rielaborazione terapeutica dei reati.

Il problema della violenza sessuale può forse essere più palese nelle chiese occidentali che in quelle non occidentali. Significa però che solo nelle comunità occidentali esiste una struttura autoritaria che impedisce di riconoscere e combattere la violenza individuale e strutturale su bambini e ragazzi, ma in fin dei conti anche sugli adulti in rapporto di dipendenza? In caso affermativo, le chiese locali occidentali hanno allora in quelle del Sud del mondo degli aiuti critici per quanto riguarda i cambiamenti strutturali da compiersi. In caso negativo, nasce qui una responsabilità della chiesa tutta per un ripensamento alle radici delle strutture ecclesiastiche e una revisione alle radici dell'ecclesiologia. La questione dell'autorità etica dei sacerdoti non può essere intesa (solo) come una questione di virtù o di comportamento, ma deve essere tematizzata come problema strutturale dell'identità e del ruolo dei sacerdoti, come problema dell'interazione sociale in relazioni asimmetriche e come problema della funzione di controllo e tutela dei vescovi.

Siamo solo all'inizio di questo processo che ci costringe ad affrontare i problemi dove sono nati e dove si situano davvero. È l'inizio di un processo che ci costringe a riflettere in modo nuovo sul rapporto tra sacerdoti e fedeli, a migliorare le strutture di controllo e a porre in maniera nuova la questione dell'autorità etica dei presbiteri.

In una situazione in cui la perdita di rilevanza delle chiese cristiane nelle società occidentali è eclatante, si pone l'interrogativo della sopravvivenza del messaggio cristiano come messaggio che incide sulle persone e sulla cultura. La violenza sessuale, compiuta e nascosta nella chiesa e attraverso strutture di potere ecclesiastiche, confuta l'umanitarismo del messaggio cristiano. Solo una conversione secondo lo spirito biblico potrebbe evitare «la sconfitta di Dio nella chiesa di Dio» (Rainer Bucher).

(traduzione dal tedesco di ANNA BOLOGNA)


[REGINAAMMICHT-QUINN è docente di etica teologica presso la Facoltà di teologia dell'Università di Tubinga (Germania); MAUREEN JUNKER-KENNY è docente di teologia pratica ed etica cristiana al Trinity College di Dublino (Irlanda); HILLE HAKER è docente di etica cristiana presso la Divinity School all'Harvard University di Cambridge/Mass. (USA)].


Mercoledì, 30 giugno 2004

Nuovi scandali sessuali nella chiesa

 cattolica in Austria ed in Italia

La rassegna stampa

Panorama.it
Austria, foto e video hard in un seminario

12/7/2004

Oltre 40 mila scatti e un certo numero di filmati di giovani preti intenti in incontri sessuali. Anche materiale pedoponografico

I vertici della Chiesa cattolica austriaca hanno chiesto una riunione d'urgenza in seguito alla scoperta di circa 40.000 fotografie e un numero imprecisato di video di giovani preti intenti in incontri sessuali al seminario.
Secondo l'autorevole settimanale austriaco Profil, il materiale rinvenuto, che include anche pornografia infantile, era stato scaricato sui computer al seminario di St. Poelten, circa 80 chilometri ad ovest di Vienna.

"NO COMMENT" DALLA DIOCESI
I vertici della locale diocesi si sono rifiutati di rilasciare pubbliche dichiarazioni ma si starebbero incontrando in privato sullo scandalo, ha riportato la televisione di Stato austriaca.
L'organo di stampa ha precisato che il direttore del seminario, il reverendo Ulrich Kuechl, ha rassegnato le dimissioni e che anche il suo vice, lfgang Rothe, le ha sottoposte al suo superiore. La Conferenza dei vescovi austriaci ha emesso in data odierna un comunicato in cui promette un'accurata e approfondita indagine sulla questione.

"Tutto ciò che ha a vedere con l'omossesualità o la pornografia non può avere spazio in un seminario per preti", ha scritto nel comunicato.
I vertici della Chiesa per la prima volta hanno scoperto il materiale un anno fa su un computer del seminario, ha precisato Profil. In esso figuravano numerose immagini di giovani preti e loro insegnanti che si baciavano e indulgevano in giochi sessuali e orge.
Il vescovo Kurt Krenn che supervisiona la diocesi di St. Poelten, ha detto alla televisione austriaca di aver visto forografie di insegnanti del seminario in situazioni sessuali con gli studenti.
La Gazzetta del Mezzogiorno

Austria - Sesso in seminario

Pubblicate le foto pedo-pornografiche che coinvolgono seminaristi ed insegnanti nel seminario diocesano di St. Poelten. Almeno 40mila le immagini sequestrate. Ex-seminarista siciliano scrive al vescovo: Tu sapevi



VIENNA - E'di nuovo scandalo nella chiesa cattolica austriaca: le accuse di pedo-pornografia, decine di migliaia di fotografie dai contenuti sessuali e presunti contatti omosessuali tra direzione e seminaristi a St.Poelten ricordano un po'i tempi dello scandalo legato alle presunte pratiche omosessuali e pedofile del cardinale Hans Hermann Groer, venuto alla luce nel 1995. Stavolta le accuse riguardano il seminario della diocesi di St. Poelten (Bassa Austria) del vescovo ultraconservatore Kurt Krenn. Finora si sono dimessi il rettore del seminario, Ulrich Kuechl, e il suo vice, Wolfgang Rothe - due foto pubblicate oggi dal settimanale di Vienna, Profil, li mostrano in atteggiamenti inequivocabili ciascuno con un seminarista -. Ma emergono già voci apertamente critiche nei confronti di Krenn stesso che in una prima reazione aveva parlato di «ragazzate che non hanno niente a che vedere con omosessualità». «E'certamente sconvolgente che ciò accada. La responsabilità è del vescovo», ha detto oggi il presidente dei rettori dei seminari austriaci, Martin Walchhofer. Anche il teologo pastorale austriaco Paul Zulehner ha chiesto le dimissioni di Krenn. La conferenza episcopale austriaca ha parlato invece di un «urgente bisogno di azione da parte della chiesa».

Secondo Profil, Krenn era da tempo al corrente su cosa stava succedendo dietro le mura del seminario di St. Poelten e che sei mesi fa era stato anche informato per iscritto. Il vescovo avrebbe però cercato di mettere a tacere la vicenda. Il vescovo di St.Poelten, che ha 68 anni, è stato in passato un strenuo difensore del cardinale Groer, che nel 1995 era stato costretto alle dimissioni per accuse di abusi sessuali, gettando la chiesa cattolica in una crisi d'identità senza precedenti nel Paese alpino. Groer è morto a marzo dell'anno scorso all'età di 83 anni.

Il seminario di St. Poelten è già dall'inizio di quest'anno nel mirino della procura regionale. Su un computer sequestrato sono state trovate recentemente 11 mila foto scaricate da internet, tra cui anche immagini di pedofilia. Profil scrive che gli inquirenti avrebbero inoltre trovato «nelle stanze dei seminaristi almeno 40 mila fotografie e alcuni filmati con rappresentazioni sessuali in parte perverse che mostrano anche giovani preti di St. Poelten con superiori». «Si fotografavano vicendevolmente, perchè anche in questa maniera si eccitavano. E siccome lo facevano anche con il capo e con il suo vice, tutto sembrava così normale, si sentivano al sicuro», ha detto un inquirente a Profil. Interpellato questo pomeriggio dall'agenzia stampa austriaca Apa, il procuratore Walter Nemec non ha tuttavia confermato il numero di fotografie trovate. «Da quale fonte possa emergere il numero 40.000, non lo so», pur affermando di non essere al corrente sugli ultimi sviluppi delle indagini.

Altro dettaglio riferito oggi da Profil: l'ex rettore Kuechl avrebbe anche dato, a giugno del 2003, «una specie di sacramento del matrimonio» a due seminaristi, uno dei quali è cittadino polacco. La cerimonia sarebbe avvenuta in un locale pubblico di St. Poelten.

«Un largo fronte di personalità ecclesiastiche della diocesi di St. Poelten trovano insopportabile il doppio gioco e si sono decisi a un'azione concordata per portare alla luce la verità, dopo che per anni i loro tentativi dietro le quinte non hanno avuto successo», scrive Profil.

Christine Maieron


12/7/2004
La Gazzetta del Mezzogiorno
Ex seminarista vittima di abusi scrive al vescovo: tu sapevi

PALERMO - Cita Giovanni Paolo II che, rivolto ai giovani riuniti a Toronto, «ha avuto il coraggio, ancora una volta, di dire: Mi vergogno per i preti pedofili e per chi ha coperto con il silenzio questi abomini». E chiosa «Possano queste parole risvegliare la sua coscienza, assopita in un torpore durato troppo a lungo».

E'questa l'esortazione che M. M., 22 anni, un ex seminarista del seminario di Agrigento, rivolge, attraverso l'Adista, un'agenzia di stampa cattolica, al vescovo di Agrigento, Carmelo Ferraro, che «dopo essere stato informato degli abusi sessuali commessi da un sacerdote ai danni di un seminarista non prende alcun provvedimento».

La «vittima» degli abusi sessuali è proprio l'autore della lettera. La vicenda ebbe inizio nel 1994 a Favara quando il seminarista aveva 12 anni. Il 7 luglio scorso, dopo l'esposto del seminarista, il sacerdote, don Bruno Puleo, ha patteggiato la pena: gli sono stati inflitti 2 anni e 6 mesi di reclusione. Attualmente don Puleo è parroco a Sant'Anna, una piccola frazione nei dintorni di Agrigento.

«Scrivo a lei, Eccellenza reverendissima monsignor Carmelo Ferraro, arcivescovo metropolita della Chiesa Agrigentina. Scrivo proprio a lei che, una sera di novembre del 2000, ha ascoltato, quasi con indifferenza, il mio racconto - afferma l'ex seminarista -. Forse lei non immagina nemmeno quanto mi sia costato, in quell'occasione, rivivere i momenti più brutti della mia vita. Ma a lei che importa? Scrivo a lei perché sono addolorato e profondamente amareggiato dal suo silenzio. Non per lei, di cui m'importa ben poco, ma per questa povera Chiesa, che si ritrova ad essere guidata da una persona che non ha saputo dirigere il gregge affidatogli, soprattutto i piccoli e gli indifesi».

Il giovane infine ricorda le parole del cardinale Ersilio Tonini secondo cui è «meglio avere dieci sacerdoti in meno che averne uno sbagliato. La pedofilia e l'omosessualità vanno affrontati tempestivamente e con fermezza». E oggi l'ex seminarista annuncia l'intenzione di avviare una causa civile «contro le persone che hanno un ruolo di responsabilità in situazioni del genere». «Certamente - puntualizza - il rettore del seminario, ma tanto più il vescovo, il quale, pur non avendo responsabilità penale, è civilmente - e moralmente - responsabile. Avrebbe dovuto prendere provvedimenti che non ha preso». La vittima degli abusi sottolinea poi alcuni aspetti dell'inchiesta: «A me non risulta - dice - che il vescovo sia mai stato interrogato: attendo di prendere visione di tutti gli atti processuali per averne conferma».

L'ex seminarista parla anche dei suoi progetti futuri: «all'università sto studiando psicologia, per aiutare le persone che subiscono abusi. Per questo ho già fondato un'associazione, che deve diventare uno sportello di ascolto».


12/7/2004
L'espresso

Caserta,08 lug 2004 -17:25
Pedofilia, 100 indagati: c'è anche nome Taricone


Oltre cento persone sono indagate dalla procura di Santa Maria Capua Vetere nell'ambito di un'inchiesta su materiale pedopornografico acquistato su internet. Tra i nomi c'è anche quello dell'attore Pietro Taricone. Alcuni video e immagini pornografiche sarebbero state acquistate su internet con la sua carta di credito. Il legale di Taricone si è detto certo dell'estraneità del suo assistito. "Penso - ha detto il legale - che potrebbe trattarsi di una problema di carte di credito clonate: magari qualcuno ha 'spiato'su internet i numeri della carta di Pietro durante qualche normale transazione, e poi li ha usati per comprare quella roba in rete". Sulla circostanza la procura casertana sta effettuando controlli.

Una abitazione di Pietro Taricone (ha rivelato oggi "il Giornale") è stata perquisita nei giorni scorsi ad Avezzano, ma secondo quanto si è appreso non sarebbe stato trovato materiale pedopornografico.

Titolare dell'indagine è il pubblico ministero Donato Ceglie che ha indagato un centinaio di persone tra cui professionisti, avvocati, studenti. Nel registro degli indagati risulta iscritto anche un sacerdote di Alife, nel Casertano.

La procura di Santa Maria Capua Vetere ha ordinato nei giorni scorsi decine di perquisizioni. E'stata, tra l'altro, passata al setaccio una casa discografica di Rieti, che, secondo gli investigatori sarebbe una sorta di crocevia del traffico di materiale pedopornografico.


PEDOFILIA: TROPPE RICHIESTE INDENNIZZI, FALLISCE ARCIDIOCESI

Los Angeles - Schiacciata dalle richieste di indennizzo, è fallita l'arcidiocesi degli scandali: l'arcidiocesi di Portland (Oregon) ha annunciato la bancarotta e la notizia è il primo segnale palpabile delle conseguenze che ha avuto sulla Chiesa cattolica statunitense il pagamento degli indennizzi alle vittime di abusi sessuali commessi da alcuni sacerdoti su minori. Le attività ecclesiastiche continueranno regolarmente; e la richiesta di bancarotta -ha detto l'arcivescovo, reverendo John Vlazny, "non è un modo per evitare le responsabilità", "ma di fatto è l'unico sistema per fare in modo che altri ricevano il giusto compenso". La decisione dell'arcidiocesi di Portland sospenderà l'inizio di un processo civile contro un prete accusato di aver molestato più di 50 ragazzini: per i presunti abusi commessi negli anni '80 dal sacerdote Maurice Grammand, deceduto nel 2002, sono state presentate due domande collettive per un totale di indennizzo di circa 160 milioni di dollari. Prima di dichiararsi insolvente, l'arcidiocesi della principale città dello stato dell'Oregon sulle coste orientali degl Usa, aveva già sborsato 53 milioni di dollari in accordi extragiudiziari siglati con 130 presunte vittime. Durante gli ultimi tre anni, la Chiesa cattolica statunitense è stata al centro di una serie di scandali che hanno coinvolto decine di sacerdoti accusati di abusi sessuali su minori. Un rapporto della Conferenza episcopale statunitense, del febbraio di quest'anno, ha calcolato che siano stati più di 4000 i preti cattolici accusati di abusi negli ultimi cinquant'anni, per un totale di circa 11.00 denuncie da parte di minori (in gran parte maschi); ma secondo i legali delle vittime, la stima è largamente sottostimata.

Agi (mercoledì 7 luglio)


Martedì, 13 luglio 2004

[Chiudi/Close]
«Il Dialogo - Periodico di Monteforte Irpino»
Prima Pagina/Home Page: www.ildialogo.org
Direttore Responsabile: Giovanni Sarubbi
Registrazione Tribunale di Avellino n.337 del 5.3.1996
Note legali --- La redazione --- Regolamento Forum




INERTE E INDIFFERENTE, IL VESCOVO DI

 AGRIGENTO NON DENUNCIA IL PRETE

 CHE ABUSA.

INTERVISTA

ADISTA N°53 del 17 luglio 2004

32423. AGRIGENTO-ADISTA. Un vescovo viene informato di abusi sessuali commessi da un sacerdote ai danni di un seminarista e non prende alcun provvedimento. Dirà, poi, che la questione non lo riguardava. I drammatici fatti non avvengono nell'ennesima diocesi statunitense, dove il "bubbone" è esploso ormai da anni, grazie anche al coraggio delle vittime e alla dismissione dell'atteggiamento omertoso di persone coinvolte e dei vertici ecclesiastici. Il vescovo in questione è italiano: si tratta di mons. Carmelo Ferraro, che era alla guida della diocesi di Agrigento all'epoca dei fatti e lo è anche adesso.

Il sacerdote, don Bruno Puleo, ha patteggiato la pena il 7 luglio: gli sono stati inflitti 2 anni e 6 mesi di reclusione (è stato un secondo patteggiamento fra le parti: il primo era per una pena di due anni, che era stata giudicata insufficiente dal gip Luigi Patronaggio). Ha preferito il patteggiamento al processo, che avrebbe molto probabilmente aggravato la sua posizione. Il patteggiamento infatti ha riguardato una sola vittima. Le indagini, condotte dal pm Caterina Sallusti, avevano però riscontrato abusi nei confronti di altri sette ragazzi, sei dei quali dello stesso seminario (quello arcivescovile di Agrigento che si trova a Favara) dove don Puleo, inizialmente diacono, era stato assistente per un periodo che si è concluso nel 1995. Attualmente don Puleo è parroco a Sant'Anna, una piccola frazione nei dintorni di Agrigento.

Marco Marchese, la vittima che ha sporto denuncia, ha subìto abusi nel seminario arcivescovile di Agrigento a partire dall'età di 12 anni. Oggi ne ha 22, ha lasciato il seminario nel 2000 e, a vicenda giudiziaria conclusa, ci tiene a sottolineare che non era il carcere per il suo "carnefice" lo scopo della sua azione, ma l'emersione di un fenomeno che causa sofferenza indicibile a tanti bambini, con la speranza inoltre che la Chiesa abbia il coraggio di mettersi dalla parte degli offesi. March ese si era deciso a presentare un esposto dopo aver constatato che né il rettore del seminario, don Gaetano Montana, né il vescovo Ferraro - ai quali aveva raccontato tutto - avevano preso provvedimenti per fermare don Puleo.

Il giorno dopo il patteggiamento, Marco ha inviato al vescovo una lettera molto severa e accorata. "Scrivo proprio a lei che - recita l'apertura della lettera - una sera di novembre del 2000 ha ascoltato, quasi con indifferenza, il mio racconto (... ). Scrivo a lei perché sono addolorato e profondamente amareggiato dal suo silenzio", amareggiato "per questa povera Chiesa che si ritrova ad essere guidata da una persona che non ha saputo dirigere il gregge affidatogli, soprattutto i piccoli e gli indifesi". Ne riportiamo il testo integrale nel numero di Adista-documenti allegato.

Ma Marchese non intende fermarsi a questo: intende procedere in sede civile contro quanti - sicuramente il rettore e il vescovo - hanno omesso di prendere provvedimenti contro don Puleo, malgrado, avendone l'autorità, fosse per loro un obbligo intervenire.

In ambito ecclesiale, non esiste nel Diritto Canonico un canone riguardante eventuali pene da comminare a chi non denuncia un reato avendone conoscenza. Ma è anche vero che il card. Bernard Law ha subìto così forti pressioni (anche dalla Santa Sede?) proprio per aver "coperto" i preti pedofili della sua diocesi da vedersi costretto, nel dicembre del 2002, a dimettersi da vescovo di Boston. Il Diritto Canonico lascia peraltro molta autonomia di gestione ai vescovi che si trovino di fronte a reati dei loro sacerdoti. Anche se per costoro ci sono canoni precisi. In particolare, per i delitti contro il sesto comandamento, commessi "con violenza, o minacce, o pubblicamente, o con un minore al di sotto dei 16 anni", il canone 1395, al paragrafo 2, prevede "giuste pene, non esclusa la dimissione dallo stato clericale". Ma non è stato applicato finora contro don Puleo, il quale è stato solo spostato dalla parrocchia, popolo! sa e ric ca di bambini, di Palma di Montechiaro a quella ben più piccola di Sant'Anna, piccolo borgo nella provincia di Agrigento. Spostamento avvenuto però nel 2002: l'esposto di Marco Marchese contro don Puleo è della primavera del 2001. Il vescovo non poteva non esserne a conoscenza.

Tutta la vicenda è ricostruita qui di seguito nell'intervista che abbiamo realizzato con Marco Marchese.

Come comincia la tua storia?

Sono entrato nel seminario minore nel 1994 perché la mia vocazione era di diventare sacerdote. Avevo 12 anni, frequentavo la seconda media. Avevamo come assistente don Puleo, che allora era diacono. Lui aveva per me molte attenzioni, mi faceva anche dei regali. Poi, ai primi di dicembre, mi fece accomodare nella sua stanza e successe il tutto.

La cosa si ripeté?

Sì, soprattutto nei giorni di pioggia, perché altrimenti preferivo giocare a calcio e non andavo a riposare con lui.

Nessuno faceva caso al fatto che andassi a riposare con lui?

Penso di no, perché capitava che noi ragazzi trascorressimo del tempo in camera sua a chiacchierare. Poi si trattava delle prime ore del pomeriggio, ognuno stava per conto proprio. Questa cosa è durata fino a quando lui, l'anno successivo, è diventato sacerdote e ha lasciato il seminario minore. Il nostro rapporto però è continuato. Lui è diventato il mio padrino di cresima. Io andavo a trovarlo, o in parrocchia o in casa sua.


Lui continuava con le sue attenzioni verso di te?

Sì.

Non riuscivi ad opporti?

La prima volta rimasi perplesso. Era ovviamente la mia prima esperienza sessuale, precocissima e sbagliata. Lui mi diceva che era solo una questione di amicizia, che la nostra era un'amicizia particolare, mi diceva di non parlarne con nessuno perché avrei suscitato delle gelosie, che era normale il nostro comportamento, che era giusto. Io gli credevo. E mi sono affezionato ! a lui. A nche se cominciai subito a star male: mi fu diagnosticata una colite nervosa che mi portai dietro per un bel po'.

Quando hai capito che il vostro rapporto era sbagliato?

Quando sono andato al liceo, una scuola pubblica, perché nel seminario maggiore non esisteva una scuola superiore, e sono entrato in contatto con altri ragazzi e con le ragazze. Allora avevo minori possibilità di passare del tempo con don Puleo, perché ero impegnato in varie attività comunitarie. Succedeva quando lui chiedeva al rettore del seminario, don Gaetano Montana, che mi inviasse nella sua parrocchia, in occasione delle cosiddette giornate per il seminario in cui si fa raccolta di fondi per le istituzioni di formazione sacerdotale, perché altrimenti non ci vedevamo mai. Sicché andavo nella chiesa dove celebrava.

Fino a che età hai dunque mantenuto il rapporto con don Puleo?

Fin verso i 16 anni, perché a quel punto le nostre strade si sono divise: io non volevo più incontrarlo, e anche lui non faceva pressione per vedermi perché, a quanto ho capito dopo, aveva altri ragazzi sotto mano. E in effetti sono venuti fuori i nomi di altri ragazzi vittime delle stesse attenzioni morbose da parte sua.

Ragazzi del tuo stesso seminario?

Sei sì. Del settimo non so nulla di preciso.

In tutti questi anni non ti sei confidato con nessuno?

Mai. Fino a quando uno degli assistenti che mi accompagnavano a Palermo per una delle tante visite a motivo della colite, e che aveva sentito di strani episodi che accadevano in seminario, riuscì a farmi parlare e mi consigliò di parlare subito con il vice-rettore. A me non interessava fare del male a quell'uomo, ma fare in modo che nessun altro ragazzo dovesse più soffrire quello che io avevo sofferto.

E andasti dal vice-rettore?

Sì, il giorno dopo. Mi assicurò che avrebbe parlato con il rettore, che dovevo stare tranquillo, che avrei dovuto pensare agli studi e basta. Non ho! avuto n essun tipo di riscontro. Durante un ritiro spirituale parlai anche con il rettore che mi disse che era stato messo al corrente della mia situazione dal vice-rettore e che avrebbe parlato con il vescovo, monsignor Carmelo Ferraro, tuttora in carica. Io mi fidai. Inoltre, se mi capitava di incontrare don Puleo, erano sempre incontri pubblici, ritiri spirituali, ci si salutava normalmente come se i nostri rapporti in passato fossero stati normali e basta. Nel giugno del 2000 lasciai il seminario.

Quali furono i tuoi passi successivi?

Continuavo ad aspettarmi qualche riscontro alla mia denuncia. Invece non succedeva niente. Allora chiesi un incontro con il vescovo che mi ricevette subito. Stranamente, perché quando eravamo in seminario, se gli chiedevamo udienza, dovevamo attendere a lungo. Il vescovo mi ascoltò e cadde dalle nuvole. Disse che nessuno mai l'aveva informato di quanto era avvenuto. Io gli confidai la mia paura che don Puleo potesse continuare a fare del male ad altri ragazzi. Aggiunsi anche che il sacerdote andava aiutato perché la pedofilia è una malattia. "Cerchi di fare qualcosa", insistetti, "lei è il padre spirituale di tutti i sacerdoti". Era anche la massima autorità cui io potessi rivolgermi. Il vescovo mi assicurò che ci avrebbe pensato lui e che dovevo stare tranquillo. Mi licenziò regalandomi un libro. Da allora non ho avuto più notizie dal vescovo, non ho più avuto a che fare con lui. Invece il giorno successivo ebbi notizie da don Puleo, perché si precipitò a casa mia e mi rimproverò aspramente perché gli avevo fatto perdere la fiducia del vescovo.
Dunque il vescovo, in seguito al colloquio con te, l'aveva chiamato?

Sì. Mi disse che il vescovo lo aveva mandato a chiedermi scusa se mi aveva provocato dei turbamenti.

Come si è arrivati alla denuncia davanti all'autorità giudiziaria?

Qualche giorno dopo parlai con il mio parroco, don Giuseppe Veneziano, che tra l'altro era stato suo retto! re quand o don Puleo era in seminario. Si meravigliò del mio racconto, sia perché don Puleo era stimato in diocesi, sia perché il vescovo non gliene aveva fatto parola. Successivamente mi chiamò per dirmi che aveva parlato col vescovo. "Questa storia con don Puleo è acqua passata, ormai sono anni che è successa, tu stai tranquillo, fatti la tua vita, chiudiamola qui". Intanto però don Puleo continuava a fare il parroco. Era nella parrocchia del Villaggio Giordano, a Palma di Montechiaro.

Neanche un'ammonizione al prete?

Non so che dire. Però, a seguito di non so quali vicende, due anni fa, è stato spostato e gli è stata affidata un'altra parrocchia: non è più a Palma di Montechiaro ma in un piccolo paesino nei dintorni di Agrigento, Sant'Anna.

A causa di altre vicende di pedofilia?

Beh, tre di questi ragazzi sono di Palma di Montechiaro. Qualcuno avrà saputo qualcosa... Ma non posso dirlo con certezza.

Don Gaetano Montana è ancora al suo posto?

Sì, continua a fare il rettore del seminario arcivescovile. Mi chiedo come sia possibile. Altri ragazzi possono passare le stesse mie disavventure e nessuno li difenderà. Dico questo perché, riguardo a don Gaetano, devo aggiungere una cosa. Non avendo raggiunto alcun risultato con i miei colloqui, ho parlato con i miei genitori, i quali hanno contattato un avvocato. Questi, prima di fare l'esposto alla magistratura (presentato poi nella primavera del 2001), ha voluto incontrare il vescovo per capire come mai la massima autorità non avesse preso alcun provvedimento. Il vescovo rispose che lui era super partes, che bisognava prendersela con il prete e che comunque il polverone che sarebbe seguito allo scandalo non conveniva a nessuno.

Dopo la presentazione dell'esposto cos'è successo?

Parlai con il Sostituto Procuratore che chiamò tutte le persone che io avevo citato.

Facesti anche il nome del vescovo fra le persone informate dei fatti?

Sì, e furono chiamate. Ma non so se fu chiamato anche il vescovo. Fui messo a confronto con il parroco, don Giuseppe Veneziano, e con il rettore, don Gaetano Montana. Il parroco inizialmente negò che gli avevo parlato degli abusi subiti. Poi, caduto in contraddizione, si è trincerato dietro il segreto confessionale. Cosa che non sta in piedi: io non mi ero confidato con lui in confessione. Il rettore non negò, anche se disse che non ricordava bene quando gli avevo parlato della mia storia. Alla domanda: "come mai non parlò con il vescovo?", rispose che era preso da altre cose, c'era da ristrutturare il seminario, e siccome il ragazzo, cioè io, sembrava abbastanza tranquillo, tutta la faccenda si poteva rimandare. Lui parlò con il vescovo quando questi, in seguito al nostro colloquio, lo interpellò.

Qualche giorno fa, il 7 luglio, don Puleo è stato condannato a due anni e sei mesi di reclusione. Finisce qui o farai ulteriori mosse?

Intendo intentare una causa civile contro le persone che hanno un ruolo di responsabilità in situazioni del genere. Certamente il rettore del seminario, ma tanto più il vescovo, il quale, pur non avendo responsabilità penale, è civilmente - e moralmente - responsabile. Avrebbe dovuto prendere provvedimenti che non ha preso. A me non risulta che il vescovo sia mai stato interrogato: attendo di prendere visione di tutti gli atti processuali per averne conferma.

Un'altra cosa che intendo fare, ed è il motivo per cui all'università sto studiando psicologia, è aiutare le persone che subiscono abusi. Per la qual cosa ho già fondato un'associazione, che deve diventare uno sportello di ascolto



Martedì, 13 luglio 2004

Scandalo pedofilia in seminario, choc in

 Austria

di Paolo Valentino

Il direttore e il vice dell'istituto si sono dimessi. Sei anni fa il primate di Vienna costretto a lasciare per una vicenda di abusi
martedì 13 luglio 2004 tratto da il Corriere della Sera. Una nota di Giovanni Felice Mapelli.


Nella foto i protagonisti dello scandalo pornografia nel seminario austriaco: mons Kurt Krenn, vescovo di Saint Poelten e mons Capellari

Nella foto i protagonisti dello scandalo pornografia nel seminario austriaco: mons Kurt Krenn, vescovo di Saint Poelten e mons Capellari
Inchiesta su 40 mila foto e filmati trovati nella biblioteca della più conservatrice scuola cattolica per sacerdoti
In apparenza è un seminario. Anzi, il più tradizionalista e ultraconservatore dei seminari cattolici in Austria, luogo di religiosa purezza, preghiera e pio magistero alla cura delle anime, dove volentieri l'anziano arcivescovo Kurt Krenn predicava, bollando con parole di fuoco i rei contro natura.
In realtà, quello della diocesi di Sankt Pölten, ottanta chilometri a Ovest di Vienna, è stato in questi anni un antro di orchi pedofili, teatro di perversioni peccaminose, una Sodoma asburgica dove preposti e seminaristi indulgevano spesso e volentieri in orge omosessuali, giochi erotici e notti scandite da alcol e sesso, al posto delle orazioni. Qualcuno parla anche di parodie naziste e cerimonie ufficialmente esecrate dal Vaticano, come la celebrazione di un finto matrimonio gay, fra due aspiranti preti, officiato dal direttore, inutile precisare tutti in costume adamitico.

C'è ancora del marcio nella Chiesa austriaca. A sei anni dallo scandalo del cardinale Hans Hermann Groer, l'ex primate, morto nel 2003, che era stato riconosciuto colpevole di aver sessualmente abusato di giovani religiosi, una nuova, devastante scoperta scuote le fondamenta del cattolicesimo viennese.

Non più sospetti o bugie di "querulanti ubriachi", come aveva fin qui sostenuto monsignor Krenn, capo della diocesi incriminata, quando il tema era più volte venuto a galla in passato. Ma un'incredibile documentazione fotografica, scoperta un anno fa nei computer della biblioteca del seminario e ora al vaglio delle autorità di polizia, in attesa della formale apertura di un'inchiesta criminale da parte della magistratura. Almeno 40 mila istantanee e una quantità imprecisata di filmati pornografici, che illustrano con precisione e ricchezza di dettagli gli esercizi, non esattamente spirituali, di Sankt Pölten. Alcune di queste ! comprend erebbero atti sessuali dei preposti con minorenni.

A svelare lo scandalo, il settimanale Profil che nell'edizione in edicola ieri ha pubblicato alcune delle foto, dove i religiosi e i loro allievi vengono immortalati mentre si baciano appassionatamente sulla bocca. Secondo il periodico, l'inchiesta è partita, dopo che diverse immagini e film girati a Sankt Pölten erano apparsi su un sito a luci rosse polacco.

Il direttore del seminario, Ulrich Küchl e il suo vice, Wolfgang Rothe, si sono dimessi, pur protestando la loro innocenza. Su di loro pende l'accusa di pedofilia. La diocesi si è schierata a quadrato in loro difesa. Monsignor Krenn, soprattutto, ha definito gli addebiti infondati, liquidando addirittura le foto, che ha ammesso di aver visto, come "ragazzate".

Fortunatamente, i vertici della Chiesa viennese sono di ben altro parere. "Tutto ciò che ha a che fare con la pratica dell'omosessualità, non può trovare spazio in un seminario per preti", recita un comunicato della Conferenza episcopale austriaca, che ha anche annunciato l'avvio di una indagine interna, al termine della quale non è difficile prevedere le dimissioni di Krenn, 68 anni, da vescovo di Sankt Pölten.

E in questo senso si sono già levate diverse voci dall'interno del mondo cattolico: "Krenn è il vero responsabile e deve rispondere di tutto questo davanti alla Chiesa e a Dio". ha detto Martin Walchhofer, il prelato che supervisiona tutti i seminari austriaci. Anche la politica è intervenuta. "Collezionare materiale pornografico, che coinvolge bambini, non può essere liquidato come una ragazzata", ha dichiarato Thomas Huber, leader dei Verdi. Un portavoce dell'opposizione socialdemocratica, Hannes Jarolim, ha chiesto al ministero dell'Interno di indagare per favoreggiamento nei confronti dello stesso arcivescovo e aprire una procedura formale.

Secondo Profil una foto documenterebbe la celebrazione del matrimonio gay da parte del rever! endo K Cchl. Il resto del materiale, con le parole del procuratore Walter Nemec, "mostra i seminaristi in situazione perverse con i loro superiori".

Un seminarista di Sankt Pölten, citato dal settimanale, afferma che "tutti sapevano cosa succedesse da noi, non era possibile ignorarlo, ma nella Chiesa domina un silenzio di piombo, quando si tratta di temi tabù, semplicemente non sappiamo in che modo affrontare correttamente il problema". Quelli che avevano provato a parlarne direttamente con i due superiori o con Krenn, sono stati subito identificati da loro come nemici e isolati.

Anche la polizia, afferma Profil avrebbe trovato all'inizio grosse difficoltà a rompere il muro dell'omertà di Sankt Pölten, dopo la scoperta del materiale e le prime denunce inviate via email da alcuni seminaristi.

Paolo Valentino
____________________________________________

Un commento di Giovanni F. Mapelli:

Non condivido il tono e l'equiparazione che l'articolo fa tra omosessualità perversione
e l'equiparazione con pedofilia: c'è una CONFUSIONE GENERALE DI CHE SI PARLA?
Anche tra preti consenzienti non è definibile come perversione! (dov'è il rispetto per l'intimità delle persone...?).
IL TABU'DELLA GERARCHIA FOMENTA QUESTE VISIONI MORBOSE SUI GIORNALI LAICI. Vogliono processare i sentimenti? (se non c'è abuso ovviamente)
PER ME E'UN PROCESSO STAMPA, UNA CAMPAGNA DIFFAMATORIA IN GRANDE STILE CONTRO L'OMOSESSUALITA'(nascosta) del CLERO.


Mercoledì, 14 luglio 2004

Pedofilia nella Chiesa Cattolica Italiana


Eccellenza, lei sapeva e taceva.

di Marco Marchese
(ex seminarista del seminario di Agrigento)

Ragazzo abusato in seminario scrive al vescovo di Agrigento.
Da ADISTA n. 54 del 17-7-2004

DOC-1539. AGRIGENTO-ADISTA. Un prete abusa di lui, dodicenne, sessualmente. Nel seminario arcivescovile di Agrigento che si trova nella vicinissima Favara. Per quattro anni. Prende coraggio Marco Marchese e racconta le sue sofferenze al vescovo, mons. Carmelo Ferraro di Agrigento. Vuole che nessun altro bambino o ragazzo debba patire quello che lui ha patito. Quel prete, don Bruno Puleo, è malato, sostiene Marco; lo faccia curare, chiede al vescovo, perché non possa più fare del male. Lo tranquillizza il vescovo: "ci penso io". Ma l'unica cosa che fa è 'obbligare'il reo a chiedere scusa all'offeso. E nulla più. Altri sette ragazzi, si viene a sapere poi, hanno subìto le attenzioni e le carezze morbose di don Puleo.
Raccontiamo tutta la vicenda nel numero blu allegato, in un'intervista a Marco Marchese. Qui di seguito, invece, la lettera che Marco ha inviato l'8 luglio al vescovo Ferraro.


Scrivo a lei, Eccellenza reverendissima monsignor Carmelo Ferraro, arcivescovo metropolita della Chiesa Agrigentina.
Scrivo proprio a lei che, una sera di novembre del 2000, ha ascoltato, quasi con indifferenza, il mio racconto. Forse lei non immagina nemmeno quanto mi sia costato, in quell'occasione, rivivere i momenti più brutti della mia vita.
Ma a lei che importa?
Scrivo a lei perché sono addolorato e profondamente amareggiato dal suo silenzio. Non per lei, di cui m'importa ben poco, ma per questa povera Chiesa, che si ritrova ad essere guidata da una persona che non ha saputo dirigere il gregge affidatogli, soprattutto i piccoli e gli indifesi.
Monsignor Wilton Gregory, presidente dei vescovi americani ha detto (la Repubblica, 21 febbraio 2002): "Ciò che abbiamo fatto o non abbiamo fatto ha contribuito all'abuso sessuale di bambini e giovani da parte del clero e di persone all'interno della Chiesa". Forse si starà chiedendo cosa ha a che fare tutto ciò con lei, si chiederà cosa ha fatto o non ha fatto ed io le voglio subito venire in aiuto. Lei era tenuto come tutti i vescovi diocesani ad informare tempestivamente la Congregazione Vaticana per la Dottrina della Fede delle eventuali accuse di pedofilia contro sacerdoti cattolici. Non sono io a dirlo, ma due documenti tratti dagli Acta Apostolicae Sedis, gazzetta ufficiale della Santa Sede, secondo cui i presuli debbono svolgere indagini nel caso vi sia anche solo il sospetto di pedofilia nei confronti di preti! Lei cosa ha fatto? Mi chiedo: perché lei, venuto a conoscenza di fatti sì gravi non ha preso alcun provvedimento seguendo il monito della Santa Sede? Cosa voleva che accadesse? Che io ritrattassi? Voleva forse recuperare il colpevole? E come? Facendo finta di niente? Lasciando il prete al suo posto, in mezzo alla gente, ai giovani e ai bambini per oltre un anno e mezzo? O voleva forse salvare l'onorabilità dell'istituzione? La piaga all'interno della Chiesa aumenta sempre più, nonostante la Chiesa abbia elaborato strumenti d'intervento a livello locale e universale senza riuscire a utilizzarli! E lo sa perché? Perché chi dovrebbe farlo tace, per paura o meno, si nasconde dietro al silenzio, portando ad una rovina ancora più grande e sono sicuro che se non avessi denunciato il fatto alla Procura, lei se ne starebbe ancora con le mani in mano.
Mi chiedo, però, come mai, in occasione dell'attentato alla chiesa madre di Favara, in particolare per l'incendio del portone principale, lei (Il Giornale di Sicilia, maggio 2000, cronaca di Agrigento) definì il silenzio di chi sapeva come connivenza. E il suo silenzio attorno alla mia vicenda? Come bisogna definirlo? E mi viene da pensare che altre vicende simili alla mia siano state taciute, sotterrate nel silenzio! E chissà quante! Cosa sarebbe stato se non avessi raccontato a nessuno quanto successomi all'età di dodici anni in seminario a Favara? Glielo dico io: avrei continuato a soffrire in silenzio senza però l'amara delusione di vedere le persone che mi hanno ascoltato rimanere con le mani in mano; non avrei richiamato alla mente una vicenda che per me andava cancellata, che per me era troppo pesante. Non avrei avuto la grande delusione di aver accanto persone ipocrite, conniventi e mi fermo qui.
Si ricorda quando nella stessa occasione del portone bruciato ha decretato un anno di preghiera in riparazione del sacrilegio compiuto? Un anno di preghiera, un rosario perpetuo, recitato ventiquattro ore su ventiquattro, perché "tutti siamo responsabili di tutti", così si leggeva sul giornale.
Le chiedo allora: quanto bisogna pregare per una infanzia bruciata, per un cuore che per sei anni non ha smesso di piangere in silenzio? Bruciare l'infanzia di un ragazzo non è più di un sacrilegio? E quanti rosari perpetui bisogna recitare per i mangia-bambini? E per quelle persone che pur sapendo, compreso lei, hanno fatto finta di niente? Non le viene in mente, al riguardo, la parabola del buon samaritano e soprattutto quelle persone, sacerdote e levita, che vedendo passarono oltre? Lei chi si sente di essere tra queste persone? Forse il buon samaritano? Ad essere sincero non mi importa nulla di quello che si sente. Mi importa dei bambini! Le ho raccontato di me, rivivendo per l'ennesima volta quello che lei, evidentemente, non può capire, quello che non ho mai saputo dimenticare e le chiedo: cosa ha fatto? Mi risuonano ancora le parole da lei pronunciate in occasione dell'abbattimento di alcune abitazioni abusive presso la Valle dei Templi: "Il Vangelo è passione d'amore per la verità. Quando è la dignità di un popolo ad essere compromessa, allora non posso tacere" (Il Giornale di Sicilia, 2 febbraio 2000, cronaca di Agrigento). Sicuramente tra i suoi tanti impegni ad alzare la voce in difesa dei deboli e in difesa della verità, non ha potuto leggere bene la lettera inviata dal santo Padre ai sacerdoti il giovedì santo, laddove affermava la vicinanza a coloro che hanno dovuto subire le conseguenze dei peccati dovuti al tradimento di preti ai loro voti e lo sforzo di rispondere secondo verità e giustizia ad ogni penosa situazione.
Ricordi bene che la dignità umana e la sacralità dei bambini vengono prima di ogni cosa! È questo cui la Chiesa mi ha insegnato a credere, ma evidentemente crediamo o abbiamo conosciuto un Dio diverso. Sì, perché se lei credesse nello stesso mio Dio, Padre, che ama e consola gli afflitti, Figlio, che si fa voce degli ultimi e dei più deboli, e Spirito Santo, che infonde forza e coraggio per sostenere la verità e la giustizia, ne avrebbe lo stesso timore che ne ho io! Avrebbe timore di questo Dio che dice: "Chiunque scandalizza uno solo di questi più piccoli che credono in me, sarebbe meglio per lui che gli fosse appesa al collo un macina d'asino e fosse gettato negli abissi del mare"; "chi accoglie anche uno solo di questi più piccoli in nome mio, accoglie me"; "i loro angeli nel cielo vedono sempre la faccia del Padre" (e gridano vendetta agli occhi di Dio). Ne parla tanto il Vangelo che lei instancabilmente annuncia, ma evidentemente del Vangelo si ricorda solo quello che fa più comodo!
Sono convinto che per fare certe scelte e affrontare certi problemi che magari comportano dei rischi per la propria immagine o la mettono in gioco, ci vuole molto coraggio. Penso altresì che, per chi ha un po'di coscienza e di fede, ci vorrà molto più coraggio nel presentarsi dinanzi a Dio che, preti o meno, ci chiederà conto di tutto. Dov'è la sua coscienza? Forse non faccio parte anche io come tanti altri ragazzi (i cui pianti, le cui sofferenze le dovranno pesare) del gregge che è affidato proprio a lei da Dio e dalla Chiesa? Non è lei che se ne deve prendere cura e non è a lei che Dio ne chiederà conto? Forse lei è immune al giudizio di Dio e degli uomini?
Tra le poche persone che mi hanno sostenuto nella mia vicenda vi è il Santo Padre che continua a darmi speranza. Egli che ha rifiutato categoricamente gli infingimenti, le omertà, le complicità. Il papa non ha taciuto!
Mi ritornano alla mente le parole del cardinale Ersilio Tonini secondo cui è meglio avere dieci sacerdoti in meno che averne uno sbagliato. La pedofilia e l'omosessualità vanno affrontati tempestivamente e con fermezza! (Jesus, luglio 2002). Disse altresì che i rettori dei seminari e i direttori spirituali non possono permettersi di lasciar correre!
Non è a lei che la Chiesa chiede e impone di accertare l'integrità dei seminaristi e di quanti si accostano all'ordine sacro? Non è lei che ha ordinato quel giovane prete? Non è stato lei a decidere quali giovani seminaristi dovevano essere assistenti dei ragazzi del seminario di Favara?
Lo sa perché le ho raccontato di me quella sera di novembre? Perché credevo in lei, credevo che lei, quale pastore di questo gregge e difensore dei più piccoli e più deboli, avrebbe ascoltato il mio grido e avrebbe impedito altre "carneficine" di bambini e di sogni!
Concludo, Eccellenza, rinnovando la mia fiducia nella Chiesa di Cristo e a sua Santità Giovanni Paolo II che, rivolto ai giovani riuniti a Toronto, ha avuto il coraggio, ancora una volta, di dire: "Mi vergogno per i preti pedofili e per chi ha coperto con il silenzio questi abomini".
Possano queste parole risvegliare la sua coscienza, assopita in un torpore durato troppo a lungo.
Marco Marchese
(ex seminarista del seminario di Agrigento)


Mercoledì, 14 luglio 2004

Pedofilia in Austria: denunciato novizio

 polacco

AGI On-line

PEDOFILIA, IN AUSTRIA DENUNCIATO NOVIZIO POLACCO
(AGI) - Vienna, 19 lug. - L'inchiesta sullo scandalo a sfondo sessuale scoppiato nel seminario cattolico di Sankt Poelten, a ovest di Vienna, ha portato all'incriminazione di un novizio polacco ventisettenne per reati legati alla pedofilia.
 Dall'esame del suo computer personale e'risultato che si era collegato a siti pedofili. Anche dal computer centrale del seminario e'stato scaricato materiale pedofilo, ma gli inquirenti non sono stati in grado di determinare responsabilita'individuali perche'tutti i seminaristi usavano la stessa parola d'accesso. Essi hanno escluso, tuttavia, che il novizio polacco abbia visionato il materiale pedofilo del computer centrale. In relazione al contenuto dei due computer, in una nota la procura parla di "rappresentazioni pornografiche di minori e di pornografia cosiddetta violenta".
 Gli inquirenti hanno disposto il sequestro di otto computer personali e del computer centrale del seminario di Sankt Poelten su richiesta della direzione dopo che, a fine 2003, un tecnico che aveva esaminato il computer centrale per eliminare un problema legato a un virus aveva scoperto che era stato scaricato materiale pedofilo. Questa inchiesta, unita allo scandalo provocato dalle pubblicazione di foto sullo scambio di effusione fra sacerdoti e novizi ha avuto vasta eco fra i cattolici austriaci e determinato richieste di dimissioni per il titolare della diocesi di Sankt Poeltern, monsignor Kurt Krenn.
 -
191545 LUG 04



AUSTRIA/ SCANDALO SESSUALE SEMINARIO, INCRIMINATO UNO STUDENTE
Si tratta di un seminarista polacco di 27 anni
lunedì 19 luglio 2004 di APC


Un seminarista polacco di 27 anni è stato incriminato per possesso e distribuzione di materiale pedo-pornografico. Lo ha reso noto oggi il magistrato austriaco, Walter Nemec. L'incriminazione è maturata nel corso delle indagini sullo scandalo scoppiato all'interno della Chiesa austriaca in seguito alla pubblicazione di migliaia di foto pedo-pornografiche scattate nel seminario di Saint Poelten, 80 chilometri circa a ovest di Vienna.

Il magistrato ha rilasciato una dichiarazione in cui si precisa che il seminarista polacco, la cui identità non è stata diffusa, ha scaricato "numerose" foto vietate da un sito web localizzato in Polonia.

Anche il cancelliere austriaco Wolfgang Schuessel ha denunciato apertamente lo scandalo. Schuessel, che ha chiarito di non parlare in virtù del suo ruolo istituzionale ma come credente e cattolico, ha chiesto una spiegazione esauriente sulla vicenda.

Le autorità del posto hanno sequestrato alcuni computer nell'ambito delle indagini al seminario. Sono state trovate almeno 40mila immagini a sfondo sessuale, ma il vescovo Kurt Krenn, responsabile della diocesi, ha giudicato la vicenda "un po'esagerata e montata" nel corso di un'intervista trasmessa dalla tv austriaca. Secondo lui, si è trattato essenzialmente di uno "scherzo di cattivo gusto, una cosa da ragazzini".
Il vescovo di St. Poelten, che ha respinto la richiesta di dimissioni, ha sottolineato che non esiste "alcuna prova" di atti di omosessualità all'interno del seminario. Nemmeno una foto che mostra il vice-rettore che bacia appassionatamente un seminarista dimostrerebbe alcunché ("Era una festa di Natale, alla fine si sono dati il bacio natalizio, non ha niente a che fare con l'omosessualità" ha dichiarato il porporato).

Eppure il servizio di lunedì 12 luglio dell'autorevole settimanale austriaco Profil, basato anche scoperta di un numero imprecisato di video a sfondo erotico, sembrerebbe dimostrare il contrario. I vertici della Chiesa per la prima volta hanno scoperto il materiale un anno fa su un computer del seminario, ha precisato Profil. In esso figuravano numerose immagini di giovani preti e loro insegnanti che si baciavano e indulgevano in giochi sessuali e orge.

L'organo di stampa ha precisato che il direttore del seminario, il reverendo Ulrich Kuechl, ha già rassegnato le dimissioni e anche il suo vice, lfgang Rothe, le ha sottoposte al suo superiore. "Ho delle responsabilità e me le assumo" ha commentato il vescovo Krenn, ma "non avevo niente a che vedere con queste cose, anche se ovviamente sono di mia competenza". Il caso ha suscitato molto scalpore nel Paese a maggioranza cattolica, dove i vertici ecclesiastici stanno ancora tentando di superare le divisioni create dalle accuse di molestie nei confronti di studenti minorenni da parte del cardinale Hans Hermann Groer, costretto a rassegnare le dimissioni nel 1995 dall'arcidiocesi di Vienna.


Martedì, 20 luglio 2004

Scandalo pedofilia in Austria


Nominato dal Vaticano un visitatore

 apostolico

Di seguito la notizia così come è stata riportata dall'agenzia della CEI SIR e dal sito Tamles.

articolo tratto da TAMLES
Un vescovo ultraconservatore che dichiara un bacio sulla bocca una forma di gioia natalizia... speriamo che riconosca la stessa gioia natalizia in tutte le coppie omosessuali, sarebbe una bella estensione del concetto!

IL CASO - Lo scandalo in un seminario

L´invio da Roma del visitatore apostolico è un atto rarissimo

MARCO POLITI
CITTA´ DEL VATICANO - Un altro colpo per papa Wojtyla. Dopo la serie infinita dei processi per pedofilia nelle diocesi Usa, sono arrivate fino in Vaticano le ondate fangose dello scandalo del seminario austriaco di Sankt Poelten, in Austria, dove gli inquirenti hanno trovato materiale pornografico in quantità industriali mentre sui giornali sono finite le foto del rettore Ulrich Kuechl (dimessosi il 5 luglio) e del vicerettore Wolfgang Rothe, ritratti in atteggiamenti "inequivocabili" ognuno con un seminarista diverso.
Ad aumentare la vergogna sono state le prime dichiarazioni del vescovo di Sankt Poelten, monsignor Kurt Krenn - un ultraconservatore che si è sempre proclamato fedele del pontefice ad oltranza - che aveva definito alla tv austriaca tutta la vicenda "esagerata e montata", sostenendo che il bacio in bocca del vicerettore Rothe con un allievo (foto pubblicata dal settimanale "Profil") andava considerato solo un momento di gioia natalizia. "Era una festa di Natale - ha detto testualmente monsignor Krenn - e alla fine si sono dati un bacio. Non ha niente a che fare con l´omosessualità".
Papa Wojtyla sembra meno tranquillo. Ieri ha inviato ufficialmente nella diocesi un "visitatore apostolico", l´equivalente di un commissario straordinario, con l´incarico di indagare particolarmente sul seminario, la diffusione di materiale pedo-pornografico (sono stati trovate quarantamila foto e parecchi video), relazioni erotiche ed eventuali abusi sessuali. Per la Chiesa austriaca lo scandalo è una disgrazia che segue di pochi anni l´altro scandalo a sfondo sessuale, che coinvolse negli anni Novanta l´arcivescovo di Vienna cardinale Hans Groer, poi dimessosi nel 1998 e morto ritirato nel 2003. Nei giorni scorsi il cancelliere austriaco Wolfgang Schuessel aveva dichiarato pubblicamente: "In Austria Stato e Chiesa sono separati, per questo non ho alcun diritto di prendere posizione come cancelliere... ma come credente e cattolico voglio una spiegazione immediata e sincera".
L´invio di un "visitatore apostolico", cioè di un alto commissario-inquirente vaticano, è un atto rarissimo. La persona incaricata dal pontefice, mons. Klaus Kung, vescovo di Feldkirch, si è detto consapevole che si tratta di una responsabilità "delicata e difficile", ma ha sottolineato di voler "procedere in maniera approfondita e immediata per rafforzare la fiducia che i fedeli nutrono nei confronti della Chiesa e del Santo Padre".
La procura austriaca, dal canto suo, ha già iniziato a indagare. E´ stata annunciata l´incriminazione per possesso di materiale pedofilo e pornografico di un novizio polacco ventisettenne, che peraltro è già stato allontanato dal seminario. In stato di stallo sono invece le indagini su otto altri seminaristi, poiché per ora non è stato possibile scoprire - data la molteplicità di password di accesso - chi abbia effettivamente visionato siti pedofili e pornografici su un computer dove furono trovate scaricate migliaia di immagini porno. "Di questa vicenda - aveva dichiarato una settimana fa alla rivista "News" il vescovo Krenn - alla conferenza episcopale non deve importare un accidente". Più di quanto potesse tollerare il Vaticano.
____________________________


La notizia data dall'agenzia SIR del 20-7-2004

16:56 - ST. PÖLTEN, NOMINA DI MONS. KÜNG, CARD. SCHÖNBORN (VESCOVI AUSTRIA): "PASSO VERSO IL RISANAMENTO DELLA SITUAZIONE"
Il card. Christoph Schönborn, presidente della Conferenza episcopale austriaca, ha definito oggi la nomina di mons. Klaus Küng, vescovo di Feldkirch, quale visitatore apostolico per la diocesi di St. Pölten, un "provvedimento "straordinario e raro". Il cardinale ha spiegato che il visitatore apostolico, responsabile solo dinanzi al Papa, ha il compito di "informarsi quanto più rapidamente circa tutti gli avvenimenti" a St. Pölten "e di assicurarsi che l'ordine della Chiesa universale venga rispettato e ripristinato all'interno della diocesi e in particolare anche nel seminario". Con questa nomina papale viene meno anche la commissione d'inchiesta istituita da mons. Krenn, vescovo di St. Pölten, poiché, ha aggiunto il cardinale, "in quanto visitatore apostolico per la diocesi, mons. Küng dispone di pieni poteri anche nei confronti del seminario". Schönborn ha comunicato che "tutte le decisioni importanti" e le "prese di posizione ufficiali" debbono essere concordate con il visitatore, che dispone di "ampi poteri" durante il periodo di carica. "Penso che ciò sia importante affinché possa lavorare in pace e con decisione", ha aggiunto. Schönborn ha definito il provvedimento della Santa Sede "un importante passo verso il risanamento della situazione". "Ormai sappiamo tutti, e percepiamo dolorosamente che un tale risanamento è necessario. Molte persone sono state irritate, deluse, rattristate o furibonde" da quanto avvenuto, ha osservato, pur sottolineando che la reazione della Chiesa austriaca e del Papa sia stata immediata. Il cardinale non ha fatto previsioni sulla durata della permanenza di mons. Küng a St. Pölten: "daremo il nostro sostegno a mons. Küng ed egli stesso troverà molto sostegno nella diocesi", ha dichiarato. Da parte sua, mons. Küng, ha annunciato che si "occuperà immediatamente del seminario". Il vescovo ha sottolineato di voler cercare il dialogo con i responsabili, "a partire dai vescovi e da tutti i responsabili della diocesi". "Interverrò certamente – ha affermato – laddove sia necessario per far sì che vengano esaminati tutti gli eventi e per far chiarezza su quanto accaduto e per decidere il da farsi".



Giovedì, 22 luglio 2004

Austria: forte aumento uscite dalla Chiesa

 cattolica



VIENNA - Chiesa cattolica in Austria soffre in questo momento una pesante emorragia di fedeli, come conseguenza degli scandali sollevati il mese scorso dai presunti rapporti omosessuali e dalle fotografie pedo-pornografiche nel seminario di St.Poelten, nel frattempo chiuso dal Vaticano.

Il quotidiano conservatore di Vienna "Die Presse" ha pubbicato oggi i primi dati ufficiali, relativi al periodo dopo la scoperta degli scandali, sui cittadini che sono andati in comune a farsi cancellare ufficialmente dalle liste della Chiesa cattolica: a Vienna a luglio le uscite sono state del 30% superiori allo stesso mese dello scorso anno.

A St.Poelten, dove aveva sede il "seminario a luci rosse", l'aumento è stato del 186% (in cifre, 80 fedeli si sono fatti cancellare a luglio 2004, rispetto a 28 del luglio 2003). Il fenomeno avrà poi conseguenze economiche in termini di quote della dichiarazione dei redditi, ma il risultato si vedrà il prossimo anno.

Da SWISSINFO


Mercoledì, 01 settembre 2004

PRETI PEDOFILI


Vaticano sapeva di scandalo St.Polten da anni

Lo sostengono alcuni testimoni in un documentario televisivo



di APC

Roma, 20 ago. (Apcom) - Nel documentario televisivo dedicato allo scandalo del seminario di St. Polten il network tedesco ARD ha intervistato alcuni testimoni, che sostengono all'unaminità una tesi molto scomoda: il vescovo Kurt Krenn (che aveva definito lo scandalo come innocui "giochi da ragazzi") e degli alti prelati erano a conoscenza delle abitudini del seminario, dei suoi festini omosessuali e delle foto proibite.

Intanto un servizio radiofonico del Suedwestrundfunk sostiene che anche il Vaticano sapesse delle attività omosessuali e questo da almeno due anni.

Nel documentario, che andrà in onda domenica sera, un ex-seminarista racconta per la prima volta le abitudini di St. Polten, ora chiuso dall'inviato del Papa che ha ritenuto obbligatorio un "nuovo inizio".

Un testimone interno sostiene che la morale all'interno del seminario fosse praticamente assente e che i preti avessero spesso rapporti sessuali con i seminaristi, definiti "carne fresca e giovane". "Quel posto era come una palude" racconta l'uomo. "E'molto triste", conclude il testimone, che è stato addirittura minacciato di morte, "che il Vaticano abbia reagito solamente dopo che i media avevano portato alla luce questa sordida situazione". Il Vaticano quindi, secondo le accuse di molti, avrebbe saputo dei sex party nel seminario, ma non avrebbe fatto nulla per contrastarli.
Già nel 1999 la Conferenza dei Vescovi tedesca aveva dovuto stilare un documento che regolasse i casi riguardanti i seminaristi gay; avevano concordato sul fatto che gli omosessuali potessero diventare preti, a patto di non ammetterlo mai in pubblico e di attenersi severamente alle regole del celibato. Era inoltre vietato frequentare "luoghi disdicevoli" quali bar e discoteche.
Secondo l'indagine del SWR su 27 diocesi tedesche, la maggior parte di esse si sarebbe attenute alle regole per scegliere i futuri preti.
Ma, come fa notare a SWR il novizio Stefan Kiechle, "la tentazione siede nella camera accanto".

Nel seminario di St. Polten furono ritrovate 40.000 foto pornografiche e svariati filmini, nei quali erano visibili anche dei bambini. Un giovane seminarista è stato condannato a 6 mesi di prigione a causa del possesso di materiale pedopornografico.
Mercoledì, 01 settembre 2004
AUSTRIA: CONDANNA SOFT PER IL
 SEMINARISTA CHE SCARICAVA FOTO
 PORNO DA INTERNEt
Da Agenzia Adista n° 61 dell'11 settembre 2004
32480. ST. PÖLTEN-ADISTA. Il capro espiatorio è saltato fuori. Il 27enne seminarista polacco Piotr Z., accusato nell'ambito dello scandalo che ha coinvolto il seminario di St. Pölten (v. Adista n. 55 e 57/04) di avere scaricato da Internet 1.700 fotografie pornografiche, tra le quali molte di carattere pedofilo, è stato già processato e condannato a sei mesi di reclusione con libertà condizionata. I giudici sono stati clementi: per questo reato è prevista una pena da uno a due anni di carcere.
Ma lui si è mostrato molto contrito: "Confesso di avere guardato le fotografie - ha ammesso - e me ne pento profondamente". Il pubblico ministero lo ha anche interrogato sui motivi di un tentato suicidio di qualche settimana fa: "È stato per il dolore, per il rimorso, per il senso di colpa. Mi sono sentito così abbandonato. Non è tanto per me, quanto per la vergogna che ho procurato alla mia famiglia".
Nel frattempo procede la visita apostolica di mons. Klaus Küng, incaricato dal papa il 21 luglio scorso di condurre indagini e ricerche sul caso, ma la conclusione è ancora lontana, ha affermato il segretario di Küng, Bernhard Augustin. Küng ha smentito intanto la notizia, diffusa dall'emittente televisiva ARD, secondo cui l'attività omosessuale all'interno del seminario (ci sono anche le foto del segretario di Krenn e vicerettore del seminario in ambiguo atteggiamento con il rettore) sarebbe stata nota al Vaticano e alla Conferenza episcopale austriaca già da un paio d'anni. Le prime "indicazioni significative", ha detto, risalgono al novembre 2003, quando nel corso della ricerca di un virus nel sistema informatico del seminario sono state scoperte immagini pornografiche. E mentre colloqui e ricerche vengono condotte nella massima riservatezza, la rivista ultracattolica Der 13. afferma di aver già raccolto più di 3.000 firme a sostegno del vescovo di St. Pölten Kürt Krenn. "Giustizia per Krenn!", recita il titolo dell'appello, che verrà inviato al papa.

Venerdì, 29 dicembre 2006
ALLA FINE L'ARCIVESCOVO DI AGRIGENTO, MONS. CARMELO FERRARO,
HA CEDUTO ALLE PRESSIONI DEI MEDIA
da IMG-Press - Il foglio elettronico: http://www.imgpress.it/index.asp "Il segno di Dio - ha spiegato il Papa - è il bambino nel suo bisogno di aiuto e nella sua povertà". "Egli si fa piccolo per noi", perché vuole toglierci la "paura della sua grandezza". "Egli chiede il nostro amore - ha ribadito Benedetto XVI - Nient'altro vuole da noi se non il nostro amore, mediante il quale impariamo spontaneamente ad entrare nei suoi sentimenti, nel suo pensiero e nella sua volontà". Ecco, Mons. Ferraro, queste parole sull'infanzia abusata, del Sommo Pontefice l'aiuteranno ad adottare la decisione migliore per il bene della Chiesa.
Alberto Giannino
Presidente Ass. culturale docenti cattolici
Venerdì, 29 dicembre 2006
Il dibattito sulla omelia del predicatore del Papa
Una medicina spirituale per gli abusi
 sessuali del clero
Lee Penn confuta la proposta del predicatore apostolico
(Traduzione dall'inglese e riduzione di Fausto Marinetti. Di seguito il testo originale) Ringraziamo il nostro carissimo amico Fausto Marinetti per averci inviato questa sua libera traduzione e riduzione di un articolo pubblicato negli USA in cui si discute della proposta del predicatore del Papa a proposito della pedofilia nella chiesa cattolica. Riprendiamo questo articolo per dimostrare come le questioni sollevate dallo stesso Fausto Marinetti sulla proposta del predicatore del Papa, siano molto più diffuse nella chiesa cattolica di quanto si voglia far credere.
Il testo originale è ripetitivo e per molti versi stucchevole e ciò ha spinto Fausto Marinetti a ridurre il testo tradotto all'essenziale. Riportiamo comunque di seguito il testo originale in inglese.
Premessa
Il predicatore personale del Papa propone una giornata di digiuno per solidarizzare con le vittime degli abusi sessuali da parte del clero (15.12.2006).
Padre Raniero Cantalamessa dice: "La Chiesa ha "pianto e sospirato" in tempi recenti per gli abomini commessi nel suo seno da alcuni dei suoi stessi ministri e pastori. Ha pagato un prezzo altissimo per questo. È corsa ai ripari, si è data regole ferree per impedire che gli abusi si ripetano. È venuto il momento, dopo l'emergenza, di fare la cosa più importante di tutte: piangere davanti a Dio, affliggersi come si affligge Dio; per l'offesa fatta al corpo di Cristo e lo scandalo recato "ai più piccoli dei suoi fratelli", più che per il danno e il disonore arrecato a noi".
Nonostante questo, il card. Bernard Law (allontanato dalla diocesi di Boston) resta al suo posto di onore e privilegio come Arciprete della Basilica di S. Maria Maggiore. Altri prelati continuano a coprire il delitto, mentre complici e colpevoli sfuggono alla giustizia civile. Quindi non siamo al "dopo emergenza", perché lo scandalo persiste.
"Un giorno che predicavo al clero di una diocesi che aveva molto sofferto per questa ragione, mi colpì un pensiero. Questi nostri fratelli sono stati spogliati di tutto, ministero, onore, libertà, e Dio solo sa con quanta effettiva responsabilità morale, nei singoli casi; sono diventati gli ultimi, i reietti... Se in questa situazione, toccati dalla grazia, si affliggono per il male causato, uniscono il loro pianto a quello della Chiesa, la beatitudine degli afflitti e di coloro che piangono diventa di colpo la loro beatitudine. Potrebbero essere vicini a Cristo che è l'amico degli ultimi, più di tanti altri, me compreso, ricchi della propria rispettabilità e forse portati, come i farisei, a giudicare chi sbaglia. C'è una cosa però che questi fratelli dovrebbero assolutamente evitare di fare e che qualcuno, purtroppo, sta cercando invece di fare: approfittare del clamore per trarre vantaggi anche dalla propria colpa, rilasciando interviste, scrivendo memoriali, nel tentativo di far ricadere la colpa sui superiori e sulla comunità ecclesiale. Questo rivelerebbe una durezza di cuore davvero pericolosa".
Come e quanto siamo lontani dal porre fine allo scandalo! Solo alcuni sono stati smascherati, ma molti hanno evitato la prigione grazie alle autorità ecclesiastiche. Le "gesta" dei pedofili non sono "errori" ma crimini. E mentre il predicatore li ammonisce di non strumentalizzarli con "memoriali" per fini speculativi, pare esortarli a non gettare la responsabilità "sui superiori e sulla comunità ecclesiale". Non sembra dire nulla ai prelati, che hanno amplificato il crimine con l'omertà e ci fa vedere, che ne negano ancora l'ampiezza e la gravità. Gli avvocati delle vittime replicano, che parole e gesti di contrizione devono essere accompagnati da azioni concrete.
Barbara Blaine, presidente dell'Associazione Survivor Network of those abused by Priests, sostiene che centinaia di prelati hanno favorito migliaia di preti pedofili. Quindi "Solo azioni decise possono tutelare i bambini, non atteggiamenti benevoli. Apprezzeremmo di più interventi papali, disciplinari, adeguati ed efficaci nei confronti dei vescovi". Per Mary Pat Fox, presidente di Voice of Faithful, le critiche sono un segno di speranza, in quanto i vertici Vaticani stanno comprendendo la gravità della cosa, ma dovrebbero andare oltre punendo i Vescovi che hanno protetto il clero colpevole.
Sono d'accordo: pie parole di pentimento sarebbero insignificanti senza cambiamenti profondi e atti riparatori. Solo con la giustizia le parole diventano efficaci. "L'uomo è giustificato dalle azioni, non dalle intenzioni" (Gc 2,24). Dio dice: "Io detesto, respingo le vostre feste e non gradisco le vostre riunioni, anche se voi mi offrite olocausti, io non gradisco i vostri doni, e le vittime grasse come pacificazione io non le guardo. Lontano da me il frastuono dei tuoi canti: il suono delle tue arpe non posso sentirlo! Piuttosto scorra come acqua il diritto e la giustizia come un torrente perenne" (Amos 5,21-24). "Smettete di presentare offerte inutili, l'incenso è un abominio per me; non posso sopportare noviluni, sabati, assemblee sacre delitto e solennità. I vostri noviluni e le vostre feste io detesto, sono per me un peso; sono stanco di sopportarli. Quando stendete le mani, io distolgo gli occhi da voi. Anche se moltiplicate le preghiere, io non ascolto. Le vostre mani grondano sangue. Lavatevi, purificatevi, togliete dalla mia vista il male delle vostre azioni. Cessate di fare il male, imparate a fare il bene, ricercate la giustizia, soccorrete l'oppresso, rendete giustizia all'orfano" (Isaia 1,13-17).
Proposte pratiche
Per pentirsi efficacemente bisogna sostituire alle parole i fatti. Per esempio:
1 Confinare il card. B. Law in monastero per fare penitenza, togliergli cappello cardinalizio e le sue onorificenze;
2 Lo stesso valga per i prelati che hanno favorito o fiancheggiato i preti pedofili;
3 Direttive papali affinché i molestatori si costituiscano all'autorità civile;
4 Sopprimere gli ordini religiosi nei quali si verificano abusi sessuali;
5 Sopprimere i seminari in cui si manifestino tali situazioni;
6 Processare p. Maciel, fondatore dei Legionari di Cristo, e, se colpevole, pubblicare verdetto, motivi e pena canonica, affinché i suoi seguaci non possano più dire di essere stati perseguitati ingiustamente;
7 Investigare i movimenti ecclesiali, Opus Dei compresa, per verificare se si riscontrano abusi sessuali fisici o morali;
8 Pubblicare i nomi dei colpevoli e dei complici (compresi i defunti) alleggerirebbe la discriminazione e vergogna delle vittime e le aiuterebbe a ricostruirsi una vita;
9 I colpevoli dovrebbero laicizzarsi spontaneamente e sollecitare le vittime ad uscire dall'anonimato;
10 Preti e religiosi rinuncino a dispendiose difese legali e a pressioni sui parenti delle vittime, affinché ammettano una presunta corresponsabilità delle stesse. La varie strategie difensive non riescono a dimostrare, che le vittime avrebbero gradito di essere abusate da una organizzazione, che afferma di essere il "Corpo di Cristo in terra". Non solo avvocati e compagnie assicurative ma anche i prelati sono responsabili di ciò che succede in tribunale.
11 Preti e religiosi smettano di opporsi a nuove forme di protezione legale per ridurre la gravità del delitto;
12 Investigare lo stile di vita del clero e dei religiosi con particolare attenzione ad episodi di omosessualità in occidente e di relazioni eterosessuali o di concubinato nel terzo mondo. Si può liberalizzare il matrimonio dei preti senza cambiare i dogmi. Ma quando la gerarchia occulta relazioni di lunga data di un clero supposto celibe, si fa complice di un'ampia ipocrisia e potrebbe contribuire ad accrescere il numero dei potenziali abusi. Preti e religiosi che vivono relazioni clandestine non sarebbero in grado di denunciare gli abusi perpetrati da loro colleghi.
Nessuno di questi punti intacca i dogmi della dottrina cattolica. Tuttavia, se accolti, indurrebbero i responsabili ad un ritorno alla coerenza evangelica e i colpevoli offrirebbero una giusta riparazione dei loro misfatti, predisponendosi a ricevere la misericordia di Dio.
A parte un miracolo, non credo che quanto auspicato avverrà nel prossimo futuro. Queste proposte, che sarebbero "veri frutti di conversione" (Matteo 3,8), non sono ben accette. Padre Cantalamessa preferisce suggerire pie e devote penitenze, che lasciano il tempo che trovano. Però, il monito del Battista ai farisei potrebbe essere utile per la gerarchia e i suoi difensori: "Già la scure è posta alla radice degli alberi: ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco" (Matteo 3,10).
CONCLUSIONE
Qualcosa di buono c'è nella proposta di p. Cantalamessa: i giusti possono e devono offrire preghiere e digiuni riparatori, che aiuteranno i colpevoli a ravvedersi. La Chiesa è il corpo mistico di Cristo e, come i malvagi violano tutto il corpo, preghiere e penitenze lo salveranno tutto intero. Inoltre i giusti possono fare molto di più:
1. Offrire tempo, capacità, denaro ai gruppi che sostengono le vittime;
2. Se i difensori della gerarchia minimizzano il delitto non si deve alimentare questa subdola propaganda;
3. Quando la vittima accusa un prete, non si deve presumere che stia mentendo. E'meglio lasciare alle autorità giudiziarie il compito di indagare;
4. Se tutto ciò che riguarda gli abusi sessuali diventa di pubblica ragione e i responsabili vengono rimossi dal ministero, ci saranno conseguenze positive anche per i laici.
Come i colpevoli dovrebbero accettare la pena, così i giusti dovrebbero accettare la penuria di risorse e di preti, la chiusura di seminari e scuole, per soddisfare le esigenze della giustizia. Questi sono gli inevitabili frutti e i risultati della corruzione fuori controllo dei prelati, dei preti e dei religiosi del nostro tempo.
(libera traduzione e riduzione a cura di Fausto Marinetti)
Mercoledì, 03 gennaio 2007
http://www.fisicamente.net/SCI_FED/index-1380.htm