AUTODICHIARAZIONE

AUTODICHIARAZIONE

Il sottoscritto
nome _______________________  cognome _________________________ nato a __________________  il ___________________
residente a ___________________ in Via________________________ tel.___________________ e-mail _______________________


DICHIARA

di aderire e collaborare al Movimento denominato “Sete di Giustizia”
(S.d.G.) attenendomi all'ideale promosso dal sito www.setedigiustizia.org., offrendo la mia disponibilità ad operare a favore del predetto a mero titolo di volontariato, svincolato da ogni appartenenza politica, impegnandomi a fornire il mio contributo nelle varie attività che verranno realizzate dallo stesso, quali conferenze, dibattiti, volantinaggi, riprese radio-televisive, includendovi, altresì, i video pubblicati on-line, con l'obbligo di tener fede alla linea culturale che fa espressamente riferimento alla Scuola Monetaria auritiana fondata dall’Esimio Prof. Avv. Giacinto Auriti.


CIÒ PREMESSO SI AUTORIZZA

- a divulgare il logo e gli scritti del sito, di cui sopra, a condizione che si citi la fonte: www.setedigiustizia.org;

- a diffondere i video realizzati nelle manifestazioni che verranno organizzate dal movimento S.d.G. a condizione di non modificare ovvero alterare alcuna parte degli stessi;

- il trattamento dei dati personali ai sensi del D. Lgs n. 196/2003 esclusivamente per gli scopi stabiliti dal movimento S.d.G e consentiti ex lege.

NOTA INFORMATIVA:

www.setedigiustizia.org è un sito amatoriale, non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato saltuariamente secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali.  Pertanto non può essere considerato, in alcun modo, un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7/3/2001.
Le informazioni ivi riportate sono liberamente riproducibili, anche in via integrale, a condizione che si citi sempre la fonte originale.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori, e la loro diffusione è consentita previo consenso degli stessi.
I titolari di www.setedigiustizia.org sono autorizzati, altresì, a promuovere azioni legali presso le Autorità Giudiziarie Competenti contro chiunque abusi del logo del sito ovvero utilizzi illecitamente le idee del movimento S.d.G.


Luogo e data    __________________________

Firma __________________________________




Fare copia e incolla col testo soprastante, compilare e inviare  a infopersdg@gmail.com

Come sarà la moneta di proprietà dei popoli, inviolabile sovranità Costituzionale! ]          Giovedì 26 Novembre 2009 16:03.  LA MONETA DEVE ESSERE DEL POPOLO E NON DELLA BANCA CENTRALE. NOI VOGLIAMO CHE NASCA DI PROPRIETÀ DEI CITTADINI E CHE SIA ACCREDITATA AD OGNUNO COME "REDDITO DI CITTADINANZA". L'autonomia della BCE deve essere funzionalmente limitata al solo momento dell'emissione, mentre la proprietà della moneta e quindi le libertà giuridiche essenziali alla sua utilizzazione devono essere riconosciute come prerogativa esclusiva degli Stati Membri. Il rapporto organico, per essere razionale, deve distinguere il momento strumentale o funzionale - prerogativa dell'organo- dal momento edonistico - prerogativa della collettività-. Il momento edonistico è strettamente individuale e per sua natura non delegabile. Non si può godere dei beni per rappresentanza organica.
In breve, posto che per democrazia deve intendersi l'attribuzione al popolo della sovranità politica, ogni popolo deve avere anche la sovranità monetaria che, di quella politica, è parte integrante ed essenziale e quindi irrinunciabile. Ecco perché ogni popolo va riconosciuto proprietario della sua moneta all'atto dell'emissione in un regime di " DEMOCRAZIA INTEGRALE ". Altrimenti si definisce democrazia l'inferno della grande usura. Se non si sostituisce alla moneta debito la moneta proprietà, le nuove generazioni non avranno altra scelta che quella tra il suicidio e la disperazione.
Noi dobbiamo dare ad ogni cittadino un reddito monetario di cittadinanza perché questo valore è un valore indotto, è di costo nullo, perché creato da chi l’accetta quando la moneta all’atto dell’emissione viene accreditata, nella fase della circolazione crea potere di acquisto, ed é bene reale, ebbene al popolo dobbiamo dare anche la moneta per poter comprare quello che il corpo sociale ha creato. " Premesso che, il signoraggio è la proprietà dei valori monetari, pari alla differenza tra costo tipografico o di conio e valore nominale, costatato che la banca poteva affermare di essere proprietaria della moneta quando l'emissione era basata sulla riserva aurea essendo la moneta concepita come titolo di credito rappresentativo della riserva. Rilevato che, alla data del 15 agosto 1971, con la fine degli accordi di Brettos Woods, la riserva è stata abolita, da questa data la banca non è più legittimata a emettere la moneta prestandola seguendo la regola del signoraggio, che nessuna norma del trattato di Maastricht considera la titolarità della proprietà, ossia del signoraggio sulla moneta all'atto dell'emissione, appare evidente che il valore monetario non è più causato dalla riserva, ma dall'accettazione convenzionale della collettività nazionale. “ " Siamo noi che creiamo il valore della moneta, non è la banca centrale, quando emette la moneta essa c'è la deve accreditare e non addebitare. Con un piccolo inciso facciamo notare che quello che stiamo dicendo è ovvio ed il notorio non ha bisogno né di prove né di accertamento pregiudiziale. Se il governo non prende atto di questa nostra dichiarazione tradisce gli interessi nazionali. "
Pertanto appare evidente che il valore monetario non è più causato dalla riserva, che non esiste, ma dalla accettazione della convenzione delle collettività nazionali. La proprietà della moneta va attribuita al portatore ossia alla collettività nazionale, che ne crea il valore convenzionalmente per il solo fatto che l'accetta. Poiché alla luce delle dichiarazioni del presidente della BCE, emerge l'affermazione abusiva che il diritto di signoraggio  è della Banca Centrale Europea, in palese violazione del trattato di Maastricht, poiché dopo la recente scoperta del valore indotto è dimostrato che il valore monetario nasce non nella fase della emissione ma nella fase dell'accettazione: la proprietà della moneta va attribuita ai paesi membri dell'unione europea. In sentesi ecco un prospetto che fa riferimento alla scuola   monetaria  auritiana EMISSIONE MONETARIA PROPRIETA’ POPOLARE della MONETA
REDDITO di CITTADINANZA
DISEGNO DI LEGGE N°1282 SENATO XII LEGISLATURA
DIS. LEGGE N°1889 SENATO XIII LEGISLATURA
Disegno di Legge proposto dal Sindacato Anti USura
Segretario Generale  avv. prof. Giacinto Auriti
NOI  SIAMO  PER LA PROPRIETÀ  POPOLARE DELLA   MONETA
- Oggi la moneta nasce di proprietà della banca che la emette prestandola ai cittadini.
Noi vogliamo che nasca di proprietà dei cittadini e che sia accreditata ad ognuno come " REDDITO di CITTADINANZA ". Come si evince dal DDL  Auriti, in un regime monetario conforme alla persona umana, l’ente di emissione NON può essere privato, la moneta deve essere accreditata  ad ognuno come " REDDITO di CITTADINANZA ".
La proprietà dovrà essere del portatore, infatti su ogni banconota ci sarà apposta scritta – Proprietà del portatore –
- Il ministero del tesoro o delle finanze si occuperà di assegnare, già al momento della nascita, ad ogni cittadino residente sul territorio nazionale il CODICE dei REDDITI SOCIALI, analogo all’attuale codice fiscale che oggi serve per pagare.
- Ad esempio, il  cittadino andrà in banca a chiedere liquidità per un spesa,  l’acquisto di un terreno o la costruzione di una casa, di una fabbrica
- La banca gli accrediterà la somma pattuita
- Il cittadino realizzerà l’ opera, anche con il contributo lavorativo di altri cittadini che contribuiranno alla creazione del valore
- Il cittadino con la propria attività lavorativa e con il guadagno del proprio  lavoro restituirà la somma accreditatagli dalla banca
- La banca passerà l’intero ammontare restituito dal cittadino, al ministero del tesoro o delle finanze
- Il ministero del tesoro o delle finanze daranno attuazione al  REDDITO di CITTADINANZA  dato che avranno il dovere di dividere in parti uguali, le somme che rientrano nelle casse ed accreditarle sul CODICE dei REDDITI SOCIALI , che ogni cittadino residente avrà, a prescindere del loro stato, giovani, anziani, lavoratori, disoccupati, malati, ecc,
- l’importo del REDDITO di CITTADINANZA  sarà variabile perché dipenderà dalla quantità di moneta richiesta, da parte dei cittadini,  all’ente di emissione. Comunque l'ammontare sarà necessario per consentire ad ogni cittadino di avere garantito almeno il minimo indispensabile per l'acquisto dei beni di prima necessità.
P. S. – Altre info importanti  qui http://www.simec.org/downloads/cat_view/53-testi-monetari-e-documenti-sul-simec.html:
- Il VALORE DEL DIRITTO - di Giacinto Auriti
- L’ORDINAMENTO INTERNAZIONALE DEL SISTEMA MONETARIO - di Giacinto Auriti

Com'è oggi la truffa massonica che ci ha rubato la sovranità monetaria!  Giovedì 26 Novembre 2009 15:52  La Storia del signoraggio moderno nasce in Inghilterra nel 1694 con la fondazione della Banca d'Inghilterra e l'emissione della sterlina.
La banca inglese,Istituzione Privata fondata da William Paterson, era il principale istituto di credito della Corona  e del Governo britannico e ne amministrava le riserve auree.
La banca d’Inghilterra costituisce il prototipo delle banche centrali attualmente presenti in tutto il mondo. Con l'imponente innovazione storica realizzata dal Paterson, e l'avvento della moneta nominale, sono cambiate le regole del grande gioco dell’emissione monetaria. Questa prassi di creazione della moneta è rimasta invariata dal 1694.
Oggi è la Banca Centrale Europea, un istituto privato, che emette l'euro prestandolo allo Stato e ai cittadini, creando così un debito non dovuto, cioé il famoso debito pubblico.
La BCE, come la Banca d'Italia, è una banca a capitale privato e gestita nell'interesse dei suoi soci, senza alcun controllo democratico del Parlamento Europeo e dei Governi nazionali aderenti all'Unione Europea. Come del resto recita chiaramente l'articolo 107 del Trattato di Maastricht. La banca centrale per il solo fatto che emette prestando ci espropria dei soldi nostri e ci indebita di altrettanto. Quindi il Governo e la collettività dei cittadini è indebitata verso la Banca Centrale Europea, e la BCE ritira il denaro prestato con il fisco e gli interessi bancari. Questa è una truffa ai danni dei popoli europei. Perché chi crea il valore della moneta non è chi la stampa, ma chi l'accetta conferendole valore con beni e lavoro. La moneta va dichiarata di proprietà dei cittadini perché sono loro che con la loro attività lavorativa e con  la convenzione sociale che ne creano il valore. Ciò è stato dimostrato dall'importante esperimento di tecnica monetaria e di valore indotto del Prof. Giacinto Auriti  a Guardiagrele.
Questo è un problema importantissimo sul quale noi vogliamo puntare il dito, un problema in genere taciuto dai mass-media e dalla classe politica.
Noi siamo convinti che la responsabilità di creare ed emettere moneta in una comunità è un fondamentale servizio pubblico, che pertanto, non deve essere gravato da alcun profitto o interesse, e non deve essere appannaggio del sistema bancario-finanziario, che è un insieme di imprese private a scopo di lucro. Facendo leva, sul riflesso condizionato causato dall'abitudine secolare di dare sempre un corrispettivo per avere denaro, le banche centrali hanno indotto i popoli ad accettare la loro moneta col corrispettivo del debito. E poiché prestare denaro è prerogativa del proprietario, la banca centrale espropria la collettività del 100% e l'indebita contestualmente di altrettanto perché emette prestando con l’aggiunta di interesse. Fino ad oggi i monetaristi non hanno affrontato il tema dell’emissione monetaria, hanno ridotto il problema della moneta a merce. Dopo la fine degli accordi di Bretton Woods, il 15 agosto 1971, con l'abolizione della parità aurea, il dollaro avrebbe dovuto perdere totalmente il suo valore. Invece di perdere valore si è sostituito all'oro come moneta base del sistema monetario mondiale. Al "gold exchange standard" si è sostituito il "dollar-standard”.
In questo sistema pretendere di pagare con denaro un debito di denaro è come pretendere di pagare un debito con un altro debito: è impossibile. A lungo andare i debiti si pagano con il prodotto del proprio lavoro e con la proprietà del capitale.
 
Rispondi
 ·
NEW SAUDI ARABIA
-1 secondi fa

S d G - I n fo r m a . Il movimento SdG accetta anche un vostro contributo, insieme indicheremo la via da percorrere a tutte quelle persone, specie a chi ha un ruolo di rilievo nell'ambito sociale, politico, amministrativo ed economico, chi condivide la nostra linea, che è a favore del popolo, dimostra di voler serviRE la collettività e quindi  merita di essere sostenuto in ogni occasione che si presenta.
Ci rivolgiamo a uomini di Buona Volontà, in modo particolare a chi ha la possibilità di far aggregare gruppi di persone per  informale sulla scuola monetaria auritiana in modo che frà qualche anno si andranno a  formare liste civiche, che avranno come collante l’ideale della PROPRIETA’ POPOLARE della MONETA cosi’ appena eletti  insedieranno i Comuni, e potranno attivare un CODICE dei REDDITI SOCIALE per ogni residente, così da dare beni di proprietà del portatore, come era il SIMEC, a titolo di REDDITO di CITTADINAZA, a tutti, così da togliere dal disagio  chi non lavora per vari motivi, come: età, invalidità, malattia, disoccupazione, ecc.
Quanto segue è per aver presente che l’ azione di SdG è operare su DUE fronti:
-  Il PRIMO è di fare in modo che sia di dominio pubblico che la moneta all'atto dell'emissione deve essere del popolo, e non della banca come oggi è, già con la Lira Giacinto  Auriti  intraprese diverse iniziative, ricordiamo le più importanti: le denuncie per cinque reati a due governatori della banca d'Italia, Ciampi e Fazio e dei Disegni di Legge presentati al Senato nella XII legislatura Dis. Legge n. 1282 e nella XIII legislatura Dis. Legge N. 1889. Mentre nella fase pre-euro fece la - diffida alla BCE ad emettere l'euro –, visibile on-line sul sito www.simec.org
Sappiamo  che è possibile l'attuazione della moneta di proprietà di popolo, solo quando la gran parte della popolazione arriva a conoscere come stanno le cose, quindi ogni iniziativa volta a diffondere il messaggio di Verità va intrapresa

- Il SECONDO fronte che il  movimento SdG  propone come difesa immediata dalla grande usura, operata dalla banca centrale, propone di fare informazione e formazione culturale tra i cittadini in modo da giungere, su richiesta del popolo a un mezzo di pagamento alternativo, che circola parallela  alla moneta corrente, con la caratteristica di essere di proprietà del portatore, e non debito del portatore come oggi è l'euro, con il debutto del SIMEC si è dimostrato che questo può funzionare, quando la moneta è di PROPRIETA' del PORTATORE tutti i cittadini riescono a vivere in modo consono alle loro aspettative.
Solo quando nel comune di residenza di un collaboratore di SdG si avrà un numero considerevole di persone informate sulla struttura della moneta, allora si costituirà una lista civica, i più competenti saranno scelti e se eletti insieme al capolista sindaco potranno amministrare rimettendo il cittadino al primo posto, appena dopo l'insediamento si partirà con una campagna di informazione monetaria per preparare l'altra parte di cittadini disinformati, per poi debuttare con un mezzo di pagamento diverso dall'euro.
Se questo accadrà in vari comuni d'Italia  e nello stesso periodo, ci ritroveremo con molti sindaci  informati che potranno fare valere il loro peso a livelli istituzionale, affinché la moneta euro sia dichiarata di PROPRIETA' del PORTATORE.
E' importante avere un obiettivo comune in questa fase di transizione, occorre che tutte le persone informate sulla MONETA di POPOLO si scambino idee anche se sono in schieramenti diversi vanno superati pregiudizi e campanilismi affinché alla prima occasione si possa votare tutti insieme la PROPRIETA' POPOLARE della MONETA.
Fintanto che non si realizza l'euro di proprietà di popolo è bene adottare per un mezzo di pagamento alternativo alla moneta corrente.
Il mezzo di pagamento parallelo che si intenderà adottare dovrà essere fedele alla scuola auritiana.come difesa immediata dalla grande usura, operata dalla banca centrale, propone di fare informazione e formazione culturale tra i cittadini in modo da giungere, su richiesta del popolo a un mezzo di pagamento alternativo, che circola parallela  alla moneta corrente, con la caratteristica di essere di proprietà del portatore, e non debito del portatore come oggi è l'euro, con il debutto del SIMEC si è dimostrato che questo può funzionare, quando la moneta è di PROPRIETA' del PORTATORE tutti i cittadini riescono a vivere in modo consono alle loro aspettative.
Solo quando nel comune di residenza di un collaboratore di SdG si avrà un numero considerevole di persone informate sulla struttura della moneta, allora si costituirà una lista civica, i più competenti saranno scelti e se eletti insieme al capolista sindaco potranno amministrare rimettendo il cittadino al primo posto, appena dopo l'insediamento si partirà con una campagna di informazione monetaria per preparare l'altra parte di cittadini disinformati, per poi debuttare con un mezzo di pagamento diverso dall'euro.
Se questo accadrà in vari comuni d'Italia  e nello stesso periodo, ci ritroveremo con molti sindaci  informati che potranno fare valere il loro peso a livelli istituzionale, affinché la moneta euro sia dichiarata di PROPRIETA' del PORTATORE.
E' importante avere un obiettivo comune in questa fase di transizione, occorre che tutte le persone informate sulla MONETA di POPOLO si scambino idee anche se sono in schieramenti diversi vanno superati pregiudizi e campanilismi affinché alla prima occasione si possa votare tutti insieme la PROPRIETA' POPOLARE della MONETA.
Fintanto che non si realizza l'euro di proprietà di popolo è bene adottare per un mezzo di pagamento alternativo alla moneta corrente.
Il mezzo di pagamento parallelo che si intenderà adottare dovrà essere fedele alla scuola auritiana.come difesa immediata dalla grande usura, operata dalla banca centrale, propone di fare informazione e formazione culturale tra i cittadini in modo da giungere, su richiesta del popolo a un mezzo di pagamento alternativo, che circola parallela  alla moneta corrente, con la caratteristica di essere di proprietà del portatore, e non debito del portatore come oggi è l'euro, con il debutto del SIMEC si è dimostrato che questo può funzionare, quando la moneta è di PROPRIETA' del PORTATORE tutti i cittadini riescono a vivere in modo consono alle loro aspettative.
Solo quando nel comune di residenza di un collaboratore di SdG si avrà un numero considerevole di persone informate sulla struttura della moneta, allora si costituirà una lista civica, i più competenti saranno scelti e se eletti insieme al capolista sindaco potranno amministrare rimettendo il cittadino al primo posto, appena dopo l'insediamento si partirà con una campagna di informazione monetaria per preparare l'altra parte di cittadini disinformati, per poi debuttare con un mezzo di pagamento diverso dall'euro.
Se questo accadrà in vari comuni d'Italia  e nello stesso periodo, ci ritroveremo con molti sindaci  informati che potranno fare valere il loro peso a livelli istituzionale, affinché la moneta euro sia dichiarata di PROPRIETA' del PORTATORE.
E' importante avere un obiettivo comune in questa fase di transizione, occorre che tutte le persone informate sulla MONETA di POPOLO si scambino idee anche se sono in schieramenti diversi vanno superati pregiudizi e campanilismi affinché alla prima occasione si possa votare tutti insieme la PROPRIETA' POPOLARE della MONETA.
Fintanto che non si realizza l'euro di proprietà di popolo è bene adottare per un mezzo di pagamento alternativo alla moneta corrente.
Il mezzo di pagamento parallelo che si intenderà adottare dovrà essere fedele alla scuola auritiana.
Rimanendo fedeli alla scuola auritiana, se lo ritenete conveniente, potete aggiungere quello che per voi è importante,  inviate suggerimenti a questo indirizzo infopersdg@gmail.com
Coordinamento SdG


NEW YORK, 7 APRile, questo è il massimo della sfronttezza: voi Gli Stati Uniti avete destabilizzato il Paese Ucraiano, favorendo il Golpe, ed ora volete sedimentare i vostri crimini internazionali soffocando la voce dei popoli oppressi, a causa delle vostre politiche criminali e predatorie! .. ora il popolo deve essere ascoltato e ubbidito ] 666 USA sono preoccupati sugli sviluppi in Ucraina e chiedono al presidente russo, Vladimir Putin di cessare tutti gli sforzi per destabilizzare il Paese: lo ha detto il portavoce della Casa Bianca, Jay Carney.

Europa dei Bildenberg nazisti servi delle Banche, traditori della sovranità monetaria dei popoli, hanno dimenticato cosa è la Democrazia! ]  [ Ucraina: Mosca, federalismo per stabilità. Ministero Esteri dopo rivolta filorussa nell'est del Paese 07 aprile 2014. (ANSA) - KIEV, Senza una riforma costituzionale che trasformi l'Ucraina in uno Stato federale "è difficile puntare alla stabilità a lungo termine del Paese". Lo scrive il ministero degli Esteri russo in una nota commentando la rivolta filorussa in atto nelle regioni dell'Ucraina orientale.

è molto attiva in CaLIFORNIA la chiesa istituzionale di satana CIA .. oggi sono i nuovi padroni! ] NEW YORK, 7 APR - Arrestate oltre 100 persone durante una maxi-festa per lo spring break a sud di Santa Barbara, in California.Nel corso del party sulla spiaggia di Isla Vista, al quale partecipano ogni anno circa 15 mila giovani, sono scoppiati violenti scontri tra partecipanti e polizia e almeno 44 persone tra cui 6 agenti sono finite in ospedale.Gli scontri sarebbero iniziati dopo che un funzionario dell'Università della California è stato colpito in faccia con uno zaino contenente bottiglie di alcolici.